Crea sito
I pasticci di casa mia

Timballo di riso peperoni e salsiccia

Domenica a pranzo, niente pasta ma timballo di riso peperoni e salsiccia. Sabato sera, erano ormai le 19,30 non avevo la più pallida idea di cosa preparare domenica a pranzo, non avevo neppure fatto la spesa, alla fine ho mandato mio marito al supermercato a pochi passi da casa e gli ho fatto prendere della salsiccia e i soliti miei ortaggi: peperoni, zucchine e melanzane, sapevo che con quelle quattro cose sarei comunque riuscita a mettere su un pranzo. Dopo cena, rimuginavo su cosa potessi realizzare, mettendo anche in conto che volevo qualcosa di mai pubblicato. Ormai vivo con la fissa di ciò che di nuovo posso proporre, alla fine mi si è accesa la lampadina, perché non fare un buon timballo di riso, visto che nel blog non ho alcuna ricetta in tal senso?! E timballo di riso fu. Peperoni e salsiccia sono gli ingredienti più evidenti, ma di fatto è molto più ricco.

Timballo di riso peperoni e salsiccia
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo1 Ora 30 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni6
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per il timballo di riso peperoni e salsiccia

  • 400 griso (per minestre)
  • 1peperone rosso
  • 2zucchine
  • 360 gsalsiccia di suino
  • 380 gpassata di pomodoro
  • 165 gprovolone dolce
  • 65 gparmigiano Reggiano DOP
  • 2scalogni
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.sale
  • 1 ciuffobasilco
  • 3 cucchiaivino rosso
  • 1 cucchiainoburro (per ungere la teglia)

Strumenti

  • 2 Pentole
  • 1 Padella
  • 1 Stampo rotondo a cerniera da 30 cm
  • 1 Ciotola (capiente)
  • 1 Tagliere
  • 1 Coltello
  • 1 Cucchiaio di legno

Preparazione per la realizzazione del timballo di riso peperoni e salsiccia

  1. Affettate sottilmente uno scalogno.

    Spellate e sgranate la salsiccia. Io ho usato salsiccia locale, che ha pochi aromi, solo sale e pepe e viene valorizzato sopratutto il gusto della carne.

    In un tegame scaldate un filo d’olio e fate rosolare lo scalogno. Aggiungete poi la salsiccia e fatela rosolare.

    Quando la salsiccia si sarà ben asciugata sfumate col vino rosso. Appena sarà evaporato, aggiungete la passata di pomodoro, portate a bollore, abbassate la fiamma al minimo e continuate la cottura. Regolate di sale, facendo attenzione a non esagerare, la salsiccia è sapida. Rimescolate di tanto in tanto.

  2. Nel frattempo che il sugo cuoce, lavate le zucchine e il peperone. Le zucchine, spuntatele e tagliatele a rondelle, ai peperoni, togliete torsolo, semi e coste bianche interne e tagliatelo a cubetti di poco meno di 1 cm. Affettate lo scalogno.

    In una padella scaldate l’olio e soffriggete lo scalogno, poi aggiungete le verdure, salate, mettete il coperchio e fate cuocere a fiamma bassa.

  3. Nel frattempo che ragù e verdure cuociono, ci vorrà circa un quarto d’ora per entrambi, mettete a bollire l’acqua per il riso.

    Quando il ragù si sarà addensato, aggiungete il basilico e toglietelo dal fuoco e lasciatelo intiepidire.

    Quando anche le verdure saranno cotte unitele al ragù in una ciotola capiente, si raffredderanno prima,

  4. Appena l’acqua arriverà a bollore, salate e versate il riso, riportate a bollore e dovrà cuocere 3 minuti meno di quanto indicato sulla confezione.

    Scolatelo e unitelo al condimento, rimescolate e lasciate intiepidire, se avrete l’accortezza di rigirarlo ogni tanto la temperatura si abbasserà più velocemente.

  5. Nel frattempo che il riso si raffredda un po’, tagliate il formaggio a cubetti di un centimetro circa. Unite al riso l’uovo e rimescolate sino a che non si sarà amalgamato a tutto l’impasto, poi aggiungete il formaggio grattugiato e rimescolate ancora, alla fine incorporate il caciocavallo. Accendete il forno a 180°

  6. Fate fondere una nocina di burro e con un pennello imburrate la teglia, preferite questo sistema, essendo una teglia a cerniera, con il pennello potete raggiungere anche le fessure di giunzione.

  7. Versate il composto nella teglia e livellate, se usate il palmo della mano inumidito vi verrà perfetto.

  8. Timballo di riso peperoni e salsiccia

    A temperatura raggiunta infornate e cuocete per 20′. A cottura ultimata toglietelo dal forno e lasciatelo riposare 45′ prima di sformarlo.

    La ricetta vi sembrerà lunga a causa dei vari passaggi, ma tenete presente che i tempi più lunghi sono la cottura del riso e il riposo, le altre preparazioni non richiedono molto tempo, se avete paura di non farcela con i tempi, ottimizzate preparando ragù di salsiccia e verdure il giorno prima e vedrete che ci vorrà poco.

    Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrete sempre aggiornati su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli cliccate mi piace sulla pagina, grazie. Per qualche chiarimento o commento, c’è il pulsante whatsapp, dove potete contattarmi in tempo reale.

    Potete iscrivervi anche sul mio canale Telegram dove ogni giorno posto nuove e vecchie ricette

    Ciao e alla prossima ricetta.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »