Crea sito
I pasticci di casa mia

Frittata di pasta

La frittata di pasta è in classico della cucina partenopea. E’ il classico piatto che una casalinga accorta prepara per recuperare egli avanzi. E’ nata proprio così questa ricetta, avanzi di pasta del pasto precedente, uva e quel che c’è in dispensa. L’originale prevede che sia pasta avanzata quindi già condita con del sugo, poi è divenuto proprio un piatto della tradizione e si prepara cuocendo la pasta e arricchendola con formaggio, uova, salame, pancetta, mortadella, insomma ciò che si ha nel frigorifero, una vera ricetta svuotafrigo. Oggi l’ho voluta preparare con della pasta in bianco e aggiungendo scamorza e mortadella e ovviamente uova e formaggio, altrimenti che frittata sarebbe, In un’altra occasione voglio provare a farla con della pasta già condita aggiungendo poi altri ingredienti. sono convinta che sarà ancora più buona. Questa frittata di pasta i campani usano prepararla sopratutto d’estate, da portare al mare,infatti va gustata tiepida o fredda, quindi comoda da mangiare all’aperto.

Frittata di pasta
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora 30 Minuti
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni6
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per la frittata di pasta

  • 280 gvermicelli
  • 5uova
  • 50 gpecorino
  • 200 gscamorza
  • 160 gmortadella
  • 4 fogliebasilico
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.sale

Strumenti

  • 1 Pentola
  • 1 Cucchiaio di legno
  • 1 Tagliere
  • 1 Coltello
  • 1 Forchetta
  • 1 Grattugia
  • 1 Padella di 28 cm di diametro
  • 1 Coperchio adatto alla padella

Preparazione della frittata di pasta

  1. Mettete a cuocere la pasta, in acqua bollente salata.

    Nel frattempo grattugiate il formaggio, tagliate a dadini la scamorza e la mortadella.

    Scolate la pasta molto al dente e versatela in una ciotola capiente, condendola con un filo d’olio per evitare che si attacchi.

    Lasciatela intiepidire, poi aggiungete le uova sbattute insieme al formaggio e amalgamate prima di aggiungere gli altri ingredienti.

    Quando gli spaghetti saranno completamente conditi dalle uova, aggiungete, scamorza e mortadella e rimescolate.

    Scaldate l’olio nella padella, e versate gli spaghetti, cercando di livellare il composto. coprite con il coperchio e fate cuocere 15 minuti circa e comunque sino a che sotto non si sarà formata una bella crosticina dorata.

    Nel caso in cui la scamorza, si sia attaccata al fondo della padella, con una spatola staccatela, poi, facendo attenzione non bruciarvi, rigirare la padella facendo cadere sul coperchio la frittata. Fate scivolare con delicatezza la frittata nella padella, fare cuocere altri cinque minuti col coperchio, poi altri 5 senza.

    A fine cottura ponete la frittata a raffreddare su un vassoio ricoperto da carta assorbente da cucina. Lasciate riposare un’ora prima di servirla.

    Questa frittata è buona calda, ma sopratutto tiepida. E’ buona anche fredda, ma dal mio punto di vista il modo migliore per gustarla è appunto tiepida.

    Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrete sempre aggiornati su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli cliccate mi piace sulla pagina, grazie. Per qualche chiarimento o commento, c’è il pulsante whatsapp, dove potete contattarmi in tempo reale.

    Potete iscrivervi anche sul mio canale Telegram dove ogni giorno posto nuove e vecchie ricette

    Ciao e alla prossima ricetta.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »