I pasticci di casa mia

Petto di pollo farcito al prosciutto e formaggio

Sapete quel proverbio che dice “far di necessità virtù” e questo petto di pollo farcito al prosciutto e formaggio è nato dalla necessità di farne urgentemente qualcosa. Qundo la vecchiaia avanza non ti accorgi che dal congelatore tiri fuori un mezzo petto di pollo al posto di un cosciotto. Non ho potuto fare ciò he avevo in mente e neppure potevo trasformare quel mezzo petto di pollo in fettine, sarebbero bastate solo per Fabio, dovevo escogitare qualche altra idea. In frigo avevo del filato e un trancio di prosciutto crudo, ottimi per farcire

Petto di pollo farcito al prosciutto e formaggio
Petto di pollo farcito al prosciutto e formaggio

Petto di pollo farcito al prosciutto e formaggio

Ingredienti

1 petto di pollo
4 fette di prosciutto crudo
6 fette di filato
15 pomodorini ciliegino
Mix di spezie per carni al forno e alla grigia
1 bicchiere di Kreos oppure vino bianco
1 cipolla rossa di Tropea
olio

Preparazione
    • Per non avere un rotolo troppo spesso, l’ho tagliato a metà riducendo quindi lo spessore, poi ho aperto a libro le due metà. Non vi preoccuate se la  carne avrà delle aperture, cercate di sovraporre i lembi poi il prosciutto e in seguito la legatura, sigilleranno il rotolo
    • su ciascuna ho messo due fette di prosciuttiìo crudo e poi il formaggio, (non ho messo sale in quanto il crudo avrebbe dato la giusta sapidità.
    • ho arrotolato per bene, cercando di tenere insieme i lembi dove si presentavano dei vuoti, ho legato poi con dello spago da cucina
    • ho cosparso entrambi i rotoli, senza eccedere, con le spezie per carni al forno e alla griglia, nel caso potete sostituire con sale, pepe, origano, rosmarino e paprica
    • in una padella scaldate l’olio, aggiungete la cipolla affettata sottilmente, fate rosolare, poi aggiungete la carne che rosolerete da tutti i lati
    • aggiungete i pomodorini interi dopo averli lavati, salateli
    • sfumate con il vino, io ho usato Kreos un rosato di uve negroamaro, dal gusto molto fresco, con un retrogusto di frutti rossi e mandorla dal colore rosa brillante, è una produzione locale, voi potete sostituirlo con un buon vino bianco
    • fate evaporare l’alcol per pochi secondi, poi incoperchiate e continuate la cottura per altri 10 minuti, rgirando almeno una volta
    • levate i rotoli dalla pentola, fateli riposare qualche minuto, poi affettateli e serviteli con qualche pomodorino, nappando con il fondo di cottura
    Tutti i passaggi
    Tutti i passaggi

    Se cerchi altre ricette col pollo cicca qui
    Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrete sempre aggiornati su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli cliccate mi piace sulla pagina, grazie. Per qualche chiarimento o commento, c’è il pulsante whatsapp, dove potete contattarmi in tempo reale.
    Ciao e alla prossima ricetta.

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »