Crea sito
I pasticci di casa mia

Fettuccine con i finferli

Dalla Sila ecco arrivare dei bellissimi finferli e se poi te li regalano anche già puliti, è il massimo, basta farsi venire qualche idea e un gustosissimo piatto, si realizza di sicuro. Me li sono guardati per un po’, poi ho deciso di preparare queste   fettuccine con i finferli.
Il finferlo il cui nome esatto è Cantharellus cibarius conosciuto anche come gallinaccio, orecchina, gallitula, galletto, gialletto, gaddiniedde o garitula, è uno dei funghi più conosciuti e viene raccolto un po’ ovunque, adatto ad essere cucinato in svariati modi, ma anche conservato sia essiccato che sottolio o sottaceto. Ha un ottimo sapore, per cui è molto apprezzato.

Fettuccine con i finferli
Fettuccine con i finferli

Fettuccine con i finferli

Ingredienti

gr. 300 pasta
gr. 350 finferli già mondati
1 carota
1 gambo di sedano
1 cipolla piccola
1 spicchio d’aglio
1 peperoncino
prezzemolo tritato
7 o 8 pomodorini
3 cucchiai di passata di pomodoro
olio evo q.b
sale
brodo vegetale
1/2 bicchiere di vino bianco

Preparazione
  • Se non avete la mia stessa fortuna di riceverli già puliti, munitevi di un coltello, di uno spazzolino usato solo per questo scopo e un panno umido per la loro pulizia
  • tagliate via la parte terminale del gambo, che è duro e fibroso, spazzolate la cappella sia sopra che sotto, poi ripassate la superficie col panno umido, cercate per quanto possibile di non lavarli, ma se proprio non ne potete fare a meno, lavate la cappella sotto un filo d’acqua, senza mai immergerli direttamente, assorbirebbero troppa acqua
  • una volta puliti, tagliateli a pezzi o a fettine, io ho preferito tagliarli a pezzi grossi, volevo si vedessero bene nel piatto.
  • preparate un battuto tritando grossolanamente carota, cipolla e sedano
  • l’aglio ho preferito tritarlo molto finemente
  • in una larga padella, deve poter poi contenere la pasta con il condimento, scaldate  abbondante olio
  • aggiungete poi le verdure tritate, insieme al peperoncino, fate asciugare, poi versate i funghi e fate rosolare
  • mettete intanto a cuocere la fettuccine
  • sfumate col vino bianco
  • quando il vino sarà evaporato aggiungete i pomodorini e la passata
  • fate restringere il sugo e regolate di sale,
  • aggiungete  qualche cucchiaiata di brodo vegetale (in sostituzione potete sciogliere un pezzettino di dado ai funghi in poca acqua bollente)
  • scolate la pasta al dente, tenendo da parte un po’ di acqua di cottura
  • versate le fettuccine nel condimento e se dovesse occorrere aggiungete qualche cucchiaiata d’acqua messa da parte, il prezzemolo tritato e fate saltare.
  • levate il peperoncino e servite nei piatti, volendo potete aggiungere un’altra spolverata di prezzemolo.

Se ti piacciono le mie ricette e vuoi ricevere una news di ogni mio nuovo articolo, iscriviti a questo blog inserendo la tua mail nel box nella colonna qui a destra, altrimenti puoi cliccare mi piace sulla mia pagina Facebook “I pasticci di casa mia” . Arrivederci alla prossima ricetta, vi aspetto numerosi.

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »