Crea sito
I pasticci di casa mia

Sformato di patate col ragù

Gli sformati sia di pasta che di patate sono sempre buoni e molto graditi e questo sformato di patate col ragù e mozzarella ha riscosso il gradimento di tutta la famiglia. In questa ricetta è stato utilizzato del macinato magro di vitello, naturalmente potete utilizzare la carne che preferite. E’ stato servito come piatto unico, ma è talmente versatile che potete servirlo come meglio ritenete, tagliato a quadretti piccoli può far parte di un buffet o di un antipasto insieme ad altri stuzzichini. Può essere un’idea anche per una colazione al sacco, dopo averlo fatto raffreddare, sarà sufficiente tagliarlo a porzioni e avvolgerlo singolarmente in carta alluminio e riporlo in un contenitore a chiusura ermetica.

Sformato di patate col ragù
Sformato di patate col ragù

Sformato di patate col ragù

 

Ingredienti per il guscio di patate

kg. 1,5 patate
gr. 100 parmigiano
gr. 80 burro
ml. 200 latte
2 uova
sale q.b.
pepe q.b.
noce moscata q.b.

Ingredienti per il ripieno

gr. 400 carne di vitello magro macinata o altra a vostra scelta
gr. 200 passata di pomodoro
1 carota
1 cipolla
1 costa di sedano
1 spicchio d’aglio
1 bicchiere di vino rosso
olio evo q.b.
sale q.b.
qualche foglia di basilico
gr. 200 mozzarella
gr. 20 parmigiano

Preparazione
  • Sbucciate, lavate e tagliate a tocchi regolari le patate
  • cuocetele in abbondante acqua bollente salata per 10 – 12 minuti circa, dovranno essere morbide, ma non sfaldarsi
  • scolatele e passatele immediatamente con lo schiacciapatate
  • ancora calde, aggiungete il burro morbido a pezzettini, così si scioglierà facilmente
  • amalgamate e lasciate raffreddare
  • nel frattempo, preparate un battuto con carota, sedano e cipolla
  • mettete al fuoco una padella con l’olio e l’aglio schiacciato e fate scaldare
  • aggiungete poi il battuto e fatelo asciugare a fiamma vivace
  • aggiungete poi la carne e fatela rosolare
  • sfumate col vino rosso
  • togliete l’aglio
  • aggiungete la passata di pomodoro e regolate di sale
  • fate cuocere sino a che non otterrete un ragù ben ristretto
  • a fine cottura aggiungete il basilico spezzettato
  • nel frattempo che preparate il ragù aggiungete alle  patate, le uova, il parmigiano, la noce moscata, il pepe e parte del latte
  • impastate e aggiungete, se occorre ulteriore latte, la quantità del latte dipende molto dal tipo di patate, dovrete ottenere una sorta di purè non troppo morbido, dovrà essere maneggiabile
  • regolate di sale
  • ungete una teglia con un goccio d’olio evo e ricoprite il fondo e le pareti con uno strato di purè di patate  di circa un centimetro, per agevolarvi in questa operazione, ungetevi le mani di olio, eviterà che le patate vi si appiccichino sulle mani
  • farcite con il ragù
  • distribuite la mozzarella e il parmigiano grattugiato

    Il ripieno
    Il ripieno
  • ricoprite con un altro strato di patate
  • cuocete in forno caldo a 200° per circa un’ora e comunque sino a doratura della superficie e i bordi iniziano a staccarsi dalla teglia, questo indica che anche il sotto è ben cotto
Un’idea in più

Se vi avanza dell’impasto di patate, potete ricavarne dei piccoli sformatini monoporzione, foderate degli stampini usa e gettain alluminio, oppure delle cocottine, precedentemente unti d’olio e spolverizzati di pangrattato, farciteli con ciò che avete nel frigorifero, io avevo del Galbanino e fesa di tacchino, ho messo un paio di cubetti di formaggio, un pezzetto di fesa e un’altro paio di cubetti di formaggio, ho richiuso con altro impasto e ho cotto in forno come sopra, ovviamente con tempi inferiori

Se ti piacciono le mie ricette e vuoi ricevere una news di ogni mio nuovo articolo, iscriviti a questo blog inserendo la tua mail nel box nella colonna qui a destra, altrimenti puoi cliccare mi piace sulla mia pagina Facebook “I pasticci di casa mia” .

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »