Crea sito
I pasticci di casa mia

Gelato di gelso nero

Come vi avevo detto ieri, ho comprato una buona quantità di gelsi, per cui mi sono sbizzarrita nel realizzare più ricette e dopo avervi proposto il sorbetto di gelsi, oggi è la volta del gelato di gelso nero. L’acidità di questo frutto dona freschezza a questo gelato

Gelato di gelso nero
Gelato di gelso nero

Gelato di gelso nero

Ingredienti

gr. 300 gelsi neri
gr. 100 zucchero
gr. 200 latte
gr. 150 panna per dolci
gr. 25 succo di limone filtrato

Preparazione con la gelatiera
  • Lavate con delicatezza i gelsi e lasciateli sgocciolare in un colapasta
  • riduceteli a purea con l’aiuto di un passa verdura, altrimenti, levate tutti i picciuoli e frullateli
  • versate in una ciotola la purea così ottenuta, unite gli altri ingredienti e rimescolate o meglio ancora, potete frullare insieme ai gelsi tutti gli altri ingredienti, otterrete così un composto più arieggiato e montato
  • mettete in funzione la gelatiera e versate la miscela preparata
  • fate andare sino a che non avrete ottenuto un bel gelato ben mantecato

Preparazione senza gelatiera
  • Per la preparazione senza gelatiera vi consiglio di usare il frullatore, così come vi dicevo sopra, otterrete già un composto ben arieggiato, gonfio e spumoso
  • dopo aver frullato il tutto, versate il composto in un contenitore a chiusura ermetica e ponetelo in congelatore per circa 40 minuti
  • passato questo tempo, riprendete il gelato e con una forchetta rimescolatelo bene, cercando di rompere tutti i cristalli di ghiaccio che si sono formati e riponete nuovamente  in congelatore
  • ripetete questa operazione per altre 3 volte, riducendo di volta in volta, di pochi minuti, il tempo di congelamento , sino a che non otterrete un bel gelato cremoso.

In questa occasione anch’io ho preparato il mio gelato senza gelatiera, avendone una non autorefrigerante, ed avendo preparato in contemporanea al gelato, il sorbetto ai gelsi, sono stata costretta ad usare il secondo metodo, per cui vi do’ questo ulteriore consiglio: quando il composto sarà sufficientemente denso e cremoso, in pratica, l’ultima rimescolata, io ho usato la frusta, per arieggiarlo ancora di più. Abbiate l’accortezza, di utilizzare prima un cucchiaio per smuovere tutta la massa, anche dal fondo e poi andate di frusta.
Se ti piacciono le mie ricette e vuoi ricevere una news di ogni mio nuovo articolo, iscriviti a questo blog inserendo la tua mail nel box nella colonna qui a destra, altrimenti puoi cliccare mi piace sulla mia pagina Facebook “I pasticci di casa mia” . Arrivederci  alla prossima ricetta, vi aspetto numerosi.

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »