Crea sito
I pasticci di casa mia

Risotto alla milanese

Il risotto alla milanese o risotto allo zafferano, è un primo piatto della tradizione lombarda, le cui origini, alquanto dubbie, pare risalgano a fine 1400 inizi 1500.  E’ un piatto molto semplice, il cui ingrediente principale è lo zafferano, anche se nel corso degli anni si sono realizzate diverse varianti, arricchite con altri ingredienti: salsiccia, funghi, preferibilmente porcini, carne macinata e negli accostamenti più azzardati, anche crostacei e frutti di mare. Per preparare un buon risotto, per quanto possa sembrare banale e scarno negli ingredienti, ha bisogno di alcuni piccoli accorgimenti, ma che sono fondamentali per la buona riuscita del piatto: il riso giusto, un ottimo burro, (la ricetta originale prevedeva l’uso del midollo di bue e non vi era utilizzo di vino per sfumare), un buon vino e un’attenta cottura per non avere alla fine un riso in brodo o un ammasso colloso, buono solo per attaccare manifesti. Seguite la ricetta ed otterrete un buon risultato.

Risotto alla milanese
Risotto alla milanese

Risotto alla milanese

Ingredienti

gr. 350 riso (qualità Carnaroli, Vialone nano, Arborio o altro riso adatto per risotti)
1 cipolla
gr. 80 burro + 1 noce per mantecare
lt. 1,300 brodo di carne bollente
3  pizzichi di pistilli di zafferano (in mancanza 2 bustine di polvere di zafferano)
1 bicchiere di vino bianco
1 manciata di parmigiano

Preparazione
  • Tritate finemente la cipolla
  • in una pentola fate fondere il burro e quando sarà ben caldo mettete la cipolla e fatela imbiondire,attenzione a non bruciarla
  • versate il riso e fatelo tostare nel condimento rimestando
  • quando il riso si presenterà traslucido e caldo uniformemente sfumate col vino bianco
  • quando il viso sarà evaporato aggiungete 2 mestoli di brodo bollente (ricordate di tenere il brodo sempre in ebollizione) rimescolate
  • man mano che il riso assorbirà il brodo aggiungete altro, ma sempre un mestolo alla volta, rimescolate ogni volta, ma non eccessivamente: Montersino insegna, rimescolare troppo, rovina il riso
  • 5 minuti prima di fine cottura aggiungete i pistilli di zafferano, a me piaceva l’idea di trovarli nel risotto, altrimenti metteteli in un mestolo di brodo e fate disciogliere, filtrate prima di versare nel riso. Se si mettono i pistilli così al naturale, il colore del risotto non sarà del tutto omogeneo
  • controllate di sale
  • a fine cottura, a fiamma spenta, mantecate col burro e il parmigiano
  • lasciate riposare il risotto qualche minuto prima di servire in tavola.
  • se vi piace l’idea decorate con qualche pistillo.

Se ti è piaciuta questa ricetta seguimi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrai sempre aggiornato su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli clicca mi piace sulla pagina, grazie. Oppure se vuoi essere avvisato via mail di ogni nuovo articolo, iscriviti al blog, compilando il modulo qui a destra, visibile da desktop o da table, da cellulare purtroppo non è visibile.
Se invece vuoi farmi qualche domanda, o lasciarmi semplicemente un commento, compila il modulo che trovi qua sotto. Ciao e alla prossima ricetta.
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »