I pasticci di casa mia

Porri brasati alle nocciole

Porri brasati alle nocciole
Porri brasati alle nocciole
Porri brasati alle nocciole

Stanchi dei soliti contorni? Ecco un’idea fuori dai soliti schemi: i porri brasati alle nocciole. La ricetta non è mia, non potrei prendermene il merito, ma è una realizzazione del grande Gordon Ramsay, che ha preparato questo contorno per accompagnare delle orate in crosta di sale. La preparazione è alquanto semplice, ma dal gusto sorprendente.

Ingredienti

3 porri
70 gr. burro
3 cucchiai di nocciole
vino bianco q.b.
sale q.b.
pepe q.b.
3 cucchiai olio evo
1 mazzetto di timo fresco
prezzemolo q.b.
2 spicchi d’aglio
1 pizzico di sale grosso

Preparazione

  • Per prima cosa tostate, in una padella antiaderente, le nocciole e mettetele da parte
  • Pulite i porri, tagliando via le radichette, togliendo le foglie esterne più dure ed eliminando gran parte della parte verde superiore
  • tagliate ogni porro in 3 o 4 tocchetti regolari, dipende dalla grandezza del porro
  • in una padella antiaderente versate l’olio e fatelo scaldare
  • aggiungete i porri, salateli e pepateli subito, e fateli rosolare da tutti i lati
  • aggiungete l’aglio in camicia schiacciato, il timo e circa 30 gr. di burro, che preleverete dalla quantità totale
  • quando il burro si sarà sciolto, aggiungete il vino bianco, che dovrà quasi coprire i porri
  • in un mortaio, mettete le nocciole col sale grosso e pestate, dovete ridurle in una granella molto grossolana
  • quando il vino si sarà ridotto alla metà, aggiungete il restante burro,  e fate cuocere per altri 10 minuti a tegame coperto.
  • passato questo tempo, spegnete la fiamma e con l’aiuto di una pinza, prelevate i porri che disporrete in un piatto da portata, nappateli col fondo di cottura, cospargeteli di prezzemolo tritato e guarnite con le nocciole.

La ricetta in lingua originale la potrete trovare qui

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »