Crea sito
I pasticci di casa mia

Gelato cappuccino

gelato cappuccino
gelato cappuccino
Gelato cappuccino

Oggi vi presento una nuova ricetta di gelato: “Gelato cappuccino”, dall’aroma inconfondibile di caffè, ammorbidito dalla panna, ottenendo così il gusto del cappuccino. Come sempre le mie ricette di gelato (tranne alcune eccezioni) sono prive di uova, quindi ideali per chi è intollerante a questo alimento.
Vediamo la preparazione molto semplice di questo gelato cappuccino
4 cucchiaini di caffè solubile
1 tazzina di caffè espresso
100 gr. di zucchero
gr. 200 latte
gr. 200 panna liquida
Scaldare il latte, e sciogliere il caffe solubile, aggiungere il caffè espresso, lo zucchero e la panna, rimescolare accuratamente, per far sciogliere lo zucchero. Mettere in frigorifero e far raffreddare per bene.
Quando la miscela si è completamente raffreddata, mettere in funzione la gelatiera e versare il composto.
Il mio gelato cappuccino in circa 20 minuti era pronto per essere gustato.
Per gli amanti del caffè sarà una vera delizia. Volendo potete guarnire con qualche ciuffo di panna montata e qualche chicco di caffè

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »