Crea sito
I pasticci di casa mia

Tagliatelle con porcini e tartufo

Tagliatelle con porcini e tartufo
Tagliatelle con porcini e tartufo
Tagliatelle con porcini e tartufo

 

Ieri ho dato un’occhiata in dispensa, ogni tanto bisogna farlo, perchè spesso si comprano delle cose che poi si dimenticano. In effetti avevo un barattolino di salsa al tartufo, residuato bellico della spesa di Pasqua (scadeva nel 2015 eheheh), ma si sa, meglio consumarlo, non si sa mai :P. Dilemma, come utilizzarlo, tartine, scaloppine, …? Per le tartine non valeva la pena, avevo delle uova di lompo nel frigo, altro residuato di Pasqua (scadevano nel 2014). Ma perché quando ho ospiti faccio la spesa per un esercito, che poi mi ritrovo barattoli, barattolini, mai aperti un po’ dappertutto?! Comunque lasciamo perdere sulla mia poca capacità di trattenermi quando faccio la spesa. Alla fine ho optato per delle tagliatelle con porcini e tartufo (avevo ancora una manciata di porcini surgelati), tanto per cambiare. Quindi stamattina ho tirato fuori tutto e per pranzo ho preparato, come antipasto tartine con uova di lompo (caviale dei morti di fame), tagliatelle fresche, (acquistate, non avevo tempo o voglia di farle), appunto con porcini e salsa al tartufo, come secondo filetto di maiale al pepe rosa (la ricetta la posterò più tardi), fragole come frutta, caffè, niente dolce, avevamo mangiato anche troppo. Vediamo un po’ come ho preparato le tagliatelle.

Ingredienti

Per 3 persone
gr. 250 di tagliatelle fresche
gr. 180 di funghi porcini surgelati (avevo solo quelli, ma sono più che sufficienti)
gr. 80 salsa al tartufo
1 noce di burro
1 spicchio d’aglio
1/2 bicchiere di vino bianco secco
sale q.p.
prezzemolo un ciuffetto
panna fresca qualche cucchiaio (ecco questa non ce l’avevo, ma assaggiando le tagliatelle ho notato che ci sarebbe stata a pennello)

Preparazione

Ho fatto scongelare i porcini, li ho tagliati a fettine. In una padella ho messo una noce di in cui ho fatto rosolare l’aglio schiacciato, poi ho aggiunto i funghi porcini e li ho fatti rosolare, ho regolato di sale, ho aggiunto il vino bianco e ho fatto sfumare. Naturalmente avevo già messo a bollire l’acqua per la pasta. Quando le tagliatelle erano quasi pronte, nella padella dei funghi ho aggiunto la salsa al tartufo il prezzemolo tritato, giusto per riscaldare un pò il tartufo, non occorre cottura, (qua se l’avessi avuta, avrei aggiunto qualche cucchiaiata di panna fresca), ho tolto l’aglio. Ho scolato piuttosto al dente la pasta, che ho versato nella salsa, ho spadellato per pochi secondi e ho servito subito, guarnendo con altro prezzemolo tritato. Erano buone, sicuramente, ma si sarebbero amalgamate meglio con la panna.
Ho preparato un primo piatto, molto appetitoso, raffinato, ma dai costi contenuti, benchè possa sembrare il contrario. Se non ricordo male la salsa al tartufo l’ho pagata € 3,90, quindi abbordabilissima i funghi porcini freschi, che costano un pò di più, possiamo sostituirli con quelli secchi da discount, che hanno prezzi molto bassi. Così possiamo realizzare un piatto raffinato senza spendere molto, facendo la nostra bellissima figura.

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »