Crea sito
I pasticci di casa mia

Panini al vapore

Oggi ho fatto i panini al vapore. Da quando Valentina li ha assaggiati mangiando in un ristorante cinese, ha voluto che li facessi in casa, le piacciono molto. E così ogni tanto mi cimento. Non credo che quelli che fanno in Cina, siano proprio così, ma siccome il risultato non è niente male, continuo a farli in questo modo.

Panini al vapore
Panini al vapore

Panini al vapore

Ingredienti
1 kg di farina tipo 0
350/400 gr di acqua
5 gr di lievito
1/2 bicchiere d’olio
1 uovo
20 gr di sale
1 cucchiaino di zucchero
In una ciotola mettere l’acqua, lo zucchero, disciogliere il lievito, aggiungere l’olio e poi la farina, iniziare ad inpastare, aggiungere il sale e l’uovo, continuare ad impastare, lavorando energicamente, sino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo, abbastanza morbido.

Lasciar riposare un paio d’ore. Trascorso questo tempo, prendere l’impasto che avrà raddoppiato il volume e staccare piccole palline di circa 50 gr l’una, schiacciatele tra le mani quasi a voler formare una pizzetta, poi prendete due lati opposti e congiungeteli, come se voleste piegarla in due, fate altrettanto con gli altri 2 poli, dovreste ottenere una pallina. Man mano che sono pronti appoggiare su un piano infarinato. Una volta terminata questa operazione, lasciare riposare un’altra mezz’ora.
Passato questo tempo, mettete l’acqua nella pentola per la cottura a vapore, facendo attenzione che l’acqua non tocchi il cestello, ponete sul fuoco e portare a bollore. A questo punto mettete nel cestello i panini, facendo attenzione a distanziarli, perchè cuocendo aumenteranno ancora di volume. incoperchiate e fate cuocere, ripetendo l’operazione fino ad esaurimento di tutti i panini, facendo però attenzione, ogni volta che metterete altri panini a controllare la quantità di acqua, dovesse esaurirsi, agggiungete, portate a bollore nuovamente e poi mettete il cestello. Più o meno occorre una mezz’ora per ogni cestello. Comunque per controllare se sono cotti, basta fare questa prova, pressate leggermente sulla superficie con la punte del dito, una volta tolto non deve rimanere l’affossamente, ma la pasta deve ritrarsi, ritornando alla forma originale, un pò come un palloncino.
Oggi ho voluto fare qualche variante. Alcuni li ho spennellati di olio e poi cosparsi di paprica, altri dopo averli spennelati li ho cosparsi di aghi di rosmarino, e un pizzichino di sale, non vi dico il profumo per casa. Doveste stancarvi, perchè sono troppi ed è lunga dovendoli cuocere pochi per volta, prendete quelli che vi rimangono e metteteli in forno cuocendoli a 200° per circa 15′. Sono buonissimi lo stesso.
I panini al vapore sono ottimi farciti con dei salumi o con quello che più vi piace. Provateli, poi fatemi sapere, e se conosceste la ricetta originale, vi ringrazio, se me la fate avere. Vi aspetto con i vostri commenti.

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »