Crea sito
I pasticci di casa mia

Falso risotto al tonno

2013-04-07 12.13.30

Falso risotto col tonno

L’altro giorno ho fatto gli spaghetti al tonno, e come vi avevo detto avevo fatto un pò di sugo in più, che avrei utilizzato in altro modo.
Sugo al tonno e olive
gr. 250 di riso per minestre (per 3 persone)
sale e pepe q.b.
Ecco oggi cosa ho preparato per il pranzo: Ho preso il sugo e nella stessa pentola ho aggiunto dell’acqua e un pò di sale, ho portato ha bollore e ho aggiunto il riso , ho portato a cottura.
Una volta impiattato un giro di pepe ed ecco pronto.
Come al solito cucinare un pò di più un giorno, tanto, non sono le quantità che allungano i tempi, per poi avere qualcosa di pronto per fare 2 piatti diversi.
Oggi però ho sbagliato un pò la quantità d’acqua, è venuto leggermente brodoso, ma comunque era buono lo stesso.
D’inverno lo faccio apposta a mettere un pò più di acqua, per trasformarlo in una minestra diversa. Ma credetemi, è comunque molto saporito, se poi si abbonda un pòcol pepe, che a me piace tanto, è veramente stuzzicante.
Potreste bollire il riso in acqua salata, poi scolarlo e condirlo col sugo, ma non è la stessa cosa, è molto più saporito così, in quanto il riso si insaporisce meglio, cuocendolo direttamente nel sugo.

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »