Verza stufata con curry e semi, ricetta vegana

In inverno la verza stufata non manca mai sulla mia tavola. La verza, così come il cavolo nero e tutta la famiglia di cavolo e broccoli, è una delle mie verdure che apprezzo di più e in padella con pochissimo olio è il modo che preferisco per cucinarla. Però anche con le cose che ami, e che mangeresti sempre e comunque, a volte c’è bisogno di variare, di sare quel pizzico di gusto in più. Stavolta quindi ho dato alla mia verza stufata un tocco orientale speziato, aggiungendo curry e salsa di soia, e per dare una nota croccante, che mi piace tanto soprattutto nei piatti in umido e nelle zuppe, ho aggiunto anche semi di zucca, di lino e di sesamo. In questo modo la mia amata verza è diventata più gustosa e anche più nutriente, perchè i semi fanno molto bene alla salute. Io mangio la verza stufata come primo piatto, perchè è una sorta di minestra, ma va bene anche come contorno, in tal caso otterrete delle porzioni più piccole, per circa 4 persone.

Ingredienti per 2/4 persone

  • 1 verza
  • 1 cucchiaio di curry
  • 3 cucchiai di salsa di soia
  • 1 manciata di semi di zucca
  • 1 manciata di semi di lino
  • 1 manciata di semi di sesamo
  • olio di oliva
  • cipolla
  • sale

Verza stufata con curry e semi

Verza stufata con curry e semi

Preparazione

  1. Tritate un po’ di cipolla e fatela appassire in padella con un filo d’olio.
  2. Lavate la verza e tagliate le foglie a julienne, versatele nella padella, aggiungete un pizzico di sale e 2 bicchieri di acqua, coprite con il coperchio e fate appassire la verza a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto e aggiungendo acqua se necessario.
  3. A metà cottura aggiungete il curry e la salsa di soia, mescolate e proseguite la cottura. Le quantità di curry e salsa di soia indicate sono in base al mio gusto, voi potete metterne di più o di meno in base al vostro.
  4. Poco prima di terminare la cottura aggiungete i semi, mescolate, fate asciugare completamente l’acqua e servite la verza stufata.

Copyright © iocucinocosi



Precedente Namelaka alla nocciola Successivo Rigatoni alla Giancaleone

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.