Taralli dolci all’anice glassati

I taralli dolci all’anice glassati sono dei biscotti semplici e profumati, con liquore all’anice sia nell’impasto sia nella glassa che li ricopre. Ricordano un po’, per sapore e aspetto, le scalille e le ginette, altri due dolci tipici calabresi che si preparano in occasione del Natale e che vengono ricoperti, oltre che con il miele, anche con una glassa di zucchero e anice, proprio quella che ho utilizzato per ricoprire i taralli dolci.

Ingredienti per circa 20/25 taralli dolci all’anice

  • 250 g di farina 00
  • 50 g di zucchero
  • 2 uova
  • 50 g di liquore all’anice anice
  • 50 g olio di oliva molto delicato (oppure olio di semi)
  • 1 limone non trattato
  • 1/2 bustina di lievito per dolci

Per la glassa

  • 150 g di zucchero a velo
  • 30 g di anice

Taralli dolci all'anice glassati

Taralli dolci all’anice glassati

Preparazione

  1. In una ciotola capiente (o direttamente sulla spianatoia) disponete la farina a fontana e versate dentro le uova, sbattendole con una forchetta, poi aggiungete lo zucchero, la scorza grattugiata del limone, l’olio e l’anice ed impastate il tutto, prima con un cucchiaio di legno e poi con le mani sul piano di lavoro infarinato.
  2. Se necessario aggiungete ancora farina fino ad ottenere una consistenza morbida ma lavorabile.
  3. Prelevate dei pezzetti di impasto, arrotolateli formando dei bastoncini lunghi e poi richiudeteli a cerchio formando i taralli e sigillando le estremità una sull’altra.
  4. Disponete i taralli dolci su una teglia rivestita di carta forno ben distanziati e cuocete a 180° in forno ventilato preriscaldato per circa 15/20, fino a leggera doratura (io tengo i taralli dolci nel forno 15 minuti e gli ultimi 5 minuti li lascio asciugare nel forno spento ancora caldo).
  5. Fate raffreddare per ben i taralli e poi ricopriteli con la glassa preparata con anice e zucchero a velo (deve essere densa, non troppo liquida).
  6. Sistemate i taralli su un vassoio senza sovrapporli e lasciate asciugare bene la glassa prima di servirli. Se volete, per dare ai taralli un’aria natalizia, potete decorarli con codette colorate o argentate, distribuendole sulla glassa prima che si asciughi.

Copyright © iocucinocosi


Precedente Lestopitta - Pane calabrese senza lievito Successivo Biscotti al vin santo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.