Minestra di riso e scarola alla calabrese

La minestra di riso e scarola alla calabrese è un piatto semplice e povero della tradizione contadina, arricchito con prodotti tipici del territorio, come il peperoncino piccante e la cipolla di Tropea, ed insaporito con filetti di acciuga. Questo piatto è naturalmente privo di glutine, perchè preparato con alimenti semplici della tradizione italiana che non ne contengono, quindi è adatto a chi soffre di celiachia, oltre ad essere buono, salutare e leggero per chiunque.

Ingredienti per 4 persone

  • 1 cespo di scarola
  • 300 g di riso Arborio o Carnaroli
  • 2 filetti di acciuga
  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • 2 patate
  • 2 carote
  • 1 gambo di sedano
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • olio extravergine di oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • peperoncino piccante
  • sale

Minestra di riso e scarola alla calabrese

Minestra di riso e scarola alla calabrese

Preparazione

  1. Lavate la scarola, sfogliatela e tagliate le foglie a strisce più piccole.
  2. Preparate un brodo vegetale (almeno 3 litri di acqua) con carote, sedano, cipolla, patate e prezzemolo (precedentemente lavati, sbucciati e tagliati a pezzi grossi) ed un pizzico di sale, facendolo cuocere per un’ora circa.
  3. Eliminate le verdure dal brodo, versatevi le scarole e cuocetele decina di minuti.
  4. Aggiungete il riso ed ultimate la cottura lasciandolo al dente.
  5. In una padella versate un filo d’olio extravergine di oliva e fate imbiondire lo spicchio d’aglio, poi aggiungete i filetti di acciuga e fateli sciogliere nell’olio, aiutandovi con un cucchiaio di legno.
  6. Infine aggiungete la minestra di riso e scarola insieme ad uno o due mestoli del brodo nel quale li avete cotti.
  7. Aggiungete peperoncino piccante (fresco, in polvere o sott’olio), fate insaporire il tutto, fate asciugare il brodo in base al vostro gusto e poi servite la zuppa molto calda.

Copyright © iocucinocosi



Precedente Lasagna roll - Rotoli di lasagna con ricotta prosciutto e piselli Successivo Zuppa di lenticchie

Lascia un commento