CHIACCHIERE PERFETTE

Tutti i trucchi, i consigli e i suggerimenti per una ricetta chiacchiere perfette, bollose e leggerissime che si sciolgono in bocca in un attimo.

Chiacchiere, frappe, crostoli, bugie, galani, cenci e chissà quanti altri nomi ancora. Tutti per indicare un unica cosa: queste meraviglie dolci di Carnevale di cui tutti siamo ghiotti.

Tutti ne siamo ghiotti, ma in quanti sanno prepararle a regola d’arte? Oggi vi insegno come preparare chiacchiere perfette come quelle della pasticceria. Una ricetta facilissima che vi lascerà senza parole!

Partiamo dalle regole fondamentali:

  • quale farina utilizzare? Quasi tutti utilizzano solo farina 00. Io ho studiato, ho confrontato impasti e ricette e vi posso dire che spezzare la farina 00 con una farina forte tipo la farina manitoba è la soluzione ottimale. La farina forte (tipo Manitoba o comunque con un almeno un W220) dona elasticità all’impasto e ci consente di stendere la sfoglia fino a spessori inimmaginabili, quasi a velo, senza che si “stracci”.
  • nelle chiacchiere ci va il burro. C’è chi ne mette di meno chi di più, a seconda delle ricette. Ma ci vuole il burro e deve essere morbido. Morbido significa che non va bene se è freddissimo di frigorifero e non va bene se è sciolto. Bisogna toglierlo dal frigorifero e lasciarlo a temperatura ambiente per 5-10 minuti.
  • nelle chiacchiere ci vanno le uova. Insieme al burro, le uova donano leggerezza e friabilità.
  • Il liquore nelle chiacchiere si mette per conferire croccantezza durante la frittura e per aiutare la formazione delle bolle. L’alcol durante la cottura evapora completamente quindi se siete astemi o se avete bambini, tranquilli… tutti possono mangiare le chiacchiere.
  • l’impasto delle chiacchiere va steso più volte e il risultato finale deve essere una sfoglia sottilissima. Più sottile è la sfoglia più le frappe si gonfieranno e saranno leggere e croccanti. Inoltre, più volte si piega l’impasto su se stesso mentre lo si stende, più le chiacchiere si sfoglieranno.
  • come stendere le frappe? va benissimo con il matterello, basta che vi armiate di pazienza e di olio di gomito. Se avete nonna papera ossia la classica macchina per la pasta è meglio.
  • non ci va assolutamente il lievito. Più o meno. Perché dico più o meno? Perché il lievito, negli inesperti, è garanzia di riuscita. Cosa intendo? Se non avete nonna papera, se non siete capaci a stendere benissimo la pasta con il matterello, potreste rischiare di ottenere una sfoglia non abbastanza sottile che non vi consentirebbe un risultato finale con tante bolle. Il lievito, un pizzico eh, ovvia a questo problema e rende le frappe a portata anche di chi è meno pratico in cucina. A voi la scelta!
  • le frappe si friggono, inutile girarci intorno. Al forno non sono assolutamente la stessa cosa. E si friggono per pochissimi secondi, 2-3 secondi forse 4. Non di più. Devono giusto prendere colore sopra e sotto e via.
  • Come capire quando l’olio per friggere è alla giusta temperatura? Beh, se avete il termometro da cucina il gioco è facile. Basta controllare che la temperatura dell’olio si aggiri sempre sui 175°C e siete a cavallo. Se non avete il termometro da cucina, tranquilli… è facile. Basta fare la prova. Immergete una chiacchiera nell’olio: se la frappa scende sul fondo e non risale immediatamente formando le bolle in superficie, vuol dire che l’olio è ancora poco caldo e dovete aspettare ancora un po’ prima di friggere; se, al contrario, la chiacchiera diventa immediatamente scura, vuol dire che avete riscaldato troppo l’olio, in tal caso toglietelo dal fuoco per qualche secondo in modo che si raffreddi leggermente e poi friggete tranquillamente le vostre frappe. Olio tropo bollente vuol dire non solo bruciare le frappe ma anche liberare durante la cottura sostanze nocive. Per questo per friggere è importante utilizzare olii con alto punto di fumo ossia olio extravergine di oliva oppure olio di semi di arachidi, i quali tengono bene alle alte temperature senza liberare sostanze nocive.
    Altrimenti potete utilizzare il metodo di cottura antico e friggerle nella sugna (o strutto), otterrete un risultato davvero super anche se al palato potrebbero sembrarvi un pò più pesanti di sapore ma non come friabilità che ne guadagna invece tantissimo.

 

 

Bene, finito coi preliminari non ci resta che passare alla ricetta.

Sapete il bello di questa ricetta per chiacchiere perfette?n Che impiegherete più tempo per leggere e imparare tutti i trucchi e i consigli che ad impastarle, cuocerle e mangiarle!!

 

RICETTA CHIACCHIERE PERFETTE chiacchiare di carnevale bollose
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    45 minuti
  • Cottura:
    10 minuti
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • 120 g Farina 00
  • 120 g Farina Manitoba
  • 2 Uova
  • 20 g Zucchero
  • 20 g Burro
  • 2 cucchiai Grappa (oppure vodka o vino bianco)
  • 1 pizzico Sale
  • q.b. Zucchero a velo (per decorare)

Preparazione

Preparare l’impasto delle chiacchiere perfette

  1. Nella ciotola della planetaria con la frusta K oppure sul tavolo da lavoro, unire tutti gli ingredienti e lavorarli velocemente (con la planetaria oppure a mano) in modo da ottenere un impasto omogeneo ed elastico. Avvolgere il panetto così ottenuto nella pellicola trasparente e farlo riposare in frigorifero per 30 minuti.

Stendere la sfoglia delle chiacchiere di carnevale

  1. Staccare un pezzettino di impasto e stenderlo con il matterello su un piano infarinato. Piegarlo su se stesso e stenderlo nuovamente. Piegarlo ancora e stenderlo. Ripetere questa operazione per 5-6 volte (tenete presente che più si piega e si stende e più le chiacchiere saranno leggere e friabili).
    Se si utilizza la macchina per stendere la pasta, mettere il pezzetto di impasto e stenderlo allo spessore 6, quindi piegarlo su se stesso e stenderlo ancora allo spessore 5, piegarlo nuovamente e stenderlo a 4 e procedere in questo modo fino a raggiungere lo spessore di 1.

  2. RICETTA CHIACCHIERE PERFETTE chiacchiare di carnevale bollose

Formare le frappe perfette

  1. Una volta stesa la sfoglia sottilissima, tagliarla in tanti rettangolini e al centro di ogni rettangolo fare una incisione. L’incisione centrale aiuterà la formazione delle bolle durante la cottura.

Cuocere le bugie di carnevale

  1. Friggere le chiacchiere in abbondante olio bollente di oliva o di arachidi. Io utilizzo pentole dai bordi alti e piccole, in modo da friggere 2 massimo 3 chiacchiere alla volta. Così facendo si ottiene una cottura omogenea senza il rischio di bruciarle. Le chiacchiere necessitano di tempi di cottura brevissimi, giusto 3-4 secondi in tutto. Devono solo leggermente prendere colore e poi si scolano immediatamente con la schiumarola e si adagiano su un vassoio ricoperto di carta assorbente.

  2. Decorare le chiacchiere perfette con abbondante zucchero a velo prima di servirle.

  3. Le frappe si conservano intatte in un contenitore ermetico per 1-2 giorni. Di più non so perché a casa mia non sono mai durate più di tanto. Se voi riuscite a tenerle in casa per più giorni, fatemi sapere come e quanto si conservano!!

  4. Per non perdere nessuna ricetta visitate anche la mia pagina facebook L’inventaricette, In cucina con Maria

Precedente PASTA CON CREMA DI BROCCOLI Successivo CUPCAKES PER SAN VALENTINO

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.