Crea sito

Olive addolcite con soda

Olive addolcite con soda: un metodo di conservazione delle olive nel lungo tempo che dà risultati in poco tempo senza dover stare lì a cambiare acqua per tantissimi giorni. Bisogna solo fare un pò di attenzione nel maneggiare la soda, ma seguendo i consigli che vi darò più sotto non avrete alcun tipo di problema.

Per conoscere anche altri metodi di conservazione delle olive cliccate QUI .

Olive addolcite con soda
Olive addolcite con soda

COSA SERVE?

  • 1 kg di olive
  • 20 g di soda
  • acqua q.b.
  • 150 g di sale

COME SI PROCEDE?

Innanzitutto bisogna scegliere olive che abbiano tutte più o meno la stessa grandezza e lo stesso grado di maturazione.

Preparare le olive e la soda. Versare le olive in un recipiente non di alluminio ma preferibilmente in vetro o in materiale plastico apposito. Versare sulle olive acqua a temperatura ambiente fino a ricoprirle completamente.
Indossare i guanti da cucina, sciogliere la soda in poca acqua fredda e far attenzione ai vapori che eventualmente sprigiona evitando di respirarli. Versare la soda nell’acqua e non l’acqua sulla soda perché si creerebbe una reazione chimica violenta. L’aggiunta di soda nell’acqua provoca un aumento della temperatura dell’acqua, è per questo che va aggiunta in poca acqua e solo in seguito versata sulle olive altrimenti si creerebbe un eccessivo calore nel barile delle olive che le rovinerebbe.
A questo punto versare quindi la soda nelle olive e mescolare bene con un mestolo di legno in modo da distribuirla uniformemente.
Poggiare sulle olive un piatto o una rete o qualcosa che le spinga verso il basso e le tenga sempre ben immerse nell’acqua perché il contatto con l’aria le annerirebbe.

Far riposare le olive nella soda per 8-12 ore.
Quindi rimettere i guanti e prelevare 2-3 olive. Fare dei taglietti sulle olive con un coltello per verificare se il processo sia completo. Per capire se la soda è penetrata al punto giusto si fa il TEST DEL COLTELLO : si fa un taglietto a tutto spessore sulle olive e si guarda la polpa delle olive stesse. Se dopo il taglio la polpa si scurisce per i 2/3 o i 3/4 del proprio spessore allora le olive sono pronte. Se la polpa si scurisce poco o niente vuol dire che le olive non sono pronte.

Se le olive non sono pronte, eliminare la loro acqua di ammollo, sciacquarle abbondantemente sotto l’acqua corrente, versarle di nuovo nel barile e coprirle con acqua fredda. Da parte mescolare nuovamente soda e acqua e versare il tutto nelle olive. Mescolare, coprire con un peso e far riposare per altre 8-12 ore. Quindi rifare di nuovo il test del coltello e vedere se sono pronte.

Quando le olive risultano essere pronte, eliminare l’acqua di ammollo e sciacquarle abbondantemente sotto acqua corrente.
Versarle nuovamente nel barile e coprirle subito con acqua fredda cercando di lasciarle all’aria quanto meno tempo possibile per evitare che scuriscano.
Coprire di nuovo con il pesetto e far riposare per 3-4 giorni cambiando l’acqua 2-3 volte al giorno sia per allontanare l’amaro delle olive sia per evitare la formazione batterica.

A questo punto preparare la salamoia per la conservazione a lungo termine. Sciogliere il sale nell’ acqua tiepida, aspettare che l’acqua si raffreddi completamente. Quando sarà fredda, togliere le olive dalla soda e sciacquarle abbondantemente con acqua corrente, versarle nel barattolo sterile e aggiungere immediatamente l’acqua salata fino a coprirle completamente. Chiudere il barottolo e capovolgerlo per 20 minuti in modo da creare il sottovuoto. Se non siete sicuri del vostro sottovuoto, riponete il barattolo in una pentola piena d’acqua fredda, portate a bollore e fate cuocere per 20 minuti in modo da sterilizzare completamente il tutto.

Conservare in luogo fresco, asciutto e lontano da fonti di calore e al buio.

Per non perdere nessuna ricetta visitate anche la mia pagina facebook L’inventaricette, In cucina con Maria

Olive addolcite con soda
Olive addolcite con soda

Pubblicato da inventaricette

Inventaricette è il blog di ricette di Maria Della Vedova, Medico per professione e Food blogger per passione.