Gnocchi con guanciale, Porcini e pecorino

Qui in Calabria questi non sono gnocchi, ma “Rascatiell”, ovvero un impasto fatto con farina di semola e acqua bollente. Sono senza patate e perciò un po’ più pesanti e consistenti dei classici gnocchi di patate. Con questo condimento, il gusto è assicurato!

  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo15 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

500 g farina di semola
q.b. acqua
300 g guanciale
175 g funghi porcini
q.b. olio extravergine d’oliva
q.b. sale
q.b. pepe nero
1 spicchio aglio
1/2 bicchiere vino bianco
q.b. prezzemolo

Info sui funghi da usare

Io uso dei funghi Porcini trifolati in barattolo, già pronti, ma si possono usare anche dei funghi Porcini freschi, puliti e tagliati, degli Champignon o qualsiasi altro tipo di fungo preferiate.

Passaggi

1. Iniziate preparando l’impasto per gli gnocchi, che avrà bisogno di un po’ di tempo per riposare: in una ciotola capiente mettete la farina e poi, a filo, unite l’acqua bollente e impastate con una forchetta.

Quando l’impasto prende un po’ di consistenza rovesciatelo su una spianatoia infarinata e continuate ad impastare aggiungendo farina al bisogno.

Un volta pronto lasciate l’impasto a riposare per 10-15′ bene infarinato.

2. Nel frattempo preparate il condimento: in una padella capiente preparate un soffritto con aglio, pochissimo olio e prezzemolo. Togliete l’aglio non appena sarà dorato e unite i Porcini, il sale e il pepe. Lasciate cuocere a fiamma vivace per qualche minuto, poi sfumate con il vino e lasciate evaporare.

*il condimento deve essere cremoso ma non asciutto: aggiungete al bisogno acqua bollente o brodo (a piacere).

3. Adesso preparate gli gnocchi: infarinate bene tutta la spianatoia o il piano di lavoro, quindi tagliate l’impasto in pezzi e successivamente in filoni.

Allungate i fiiloni fino a raggiungere la grandezza desiderata e tagliate gli gnocchi con un coltellino a lama liscia. L’impasto deve essere liscio e compatto e non deve attaccarsi al coltello nè alle mani, se risulta appiccicoso aggiungete altra farina.

Gli gnocchi finiti dovranno essere lunghi circa 2.5 cm.

Dopo averli tagliati, dategli la classica forma conca con i polpastrelli; i classici gnocchi sono rigati, la conca si ottiene con una forchetta, questi lisci sono una versione che ho sempre visto fare a casa mia.

Spostateli man mano su un vassoio con abbondante farina di semola che impedisce loro di appiccicarsi, una volta finito l’impasto copriteli con un canovaccio e teneteli da parte fino alla cottura.

4. Cuocete gli gnocchi in acqua bollente salata (tenetevi bassi con il sale: pancetta e pecorino sono già molto sapidi!).

5. Nel frattempo che gli gnocchi cuociono fate soffriggere in padella il guanciale (senza olio) fino a renderlo croccante.

6. Cotti gli gnocchi scolateli nella padella con i funghi, unite il pecorino, il pepe nero e saltate finchè il condimento non si sarà perfettamente amalgamato alla pasta, aggiungendo acqua di cottura se necessario.

Ultimate con la pancetta croccante e, a piacere, del prezzemolo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da incucinaquantobasta

𝑀𝑎𝑑𝑒 𝑖𝑛 𝐶𝑎𝑙𝑎𝑏𝑟𝑖𝑎 🌶|| 𝐶𝑙𝑎𝑠𝑠𝑒 '𝟿𝟹 || 𝑇𝑟𝑒 𝑓𝑖𝑔𝑙𝑖, 𝑢𝑛 𝑚𝑎𝑟𝑖𝑡𝑜, 𝑢𝑛 𝑐𝑎𝑛𝑒 || 𝐼𝑛 𝑐𝑢𝑐𝑖𝑛𝑎 𝑞𝑢𝑎𝑛𝑡𝑜 𝑏𝑎𝑠𝑡𝑎 🌪

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.