Crea sito

Spaghetti al pomodoro con melanzane fritte

Gli SPAGHETTI AL POMODORO CON MELANZANE FRITTE sono una variante della pasta alla Norma, più semplici e senza ricotta salata.
Questa variante la preparava sia mio padre che mia madre, da non confondere con la ricetta siciliana, perché è molto più semplice e senza latticini.
Quando ero piccola facevamo a gara per l’ultima fetta di melanzana fritta! Il condimento era un sugo “semplice”, chiamato così appunto perché molto facile e veloce da preparare. Mamma aggiungeva anche qualche fogliolina di basilico verso la fine cottura, oggi non ne avevo quindi ho optato per un sugo semplicissimo! Una ricetta economica e facile da preparare, che aspetti? Scopri la ricetta.

Spaghetti al pomodoro con melanzane fritte
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni2
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gspaghetti
  • 400 gpolpa di pomodoro (O passata di pomodoro)
  • 200 mlacqua (Più l’acqua di cottura per la pasta)
  • 1 fogliabasilico
  • q.b.sale
  • 300 gmelanzana ovale nera
  • 20 gcipolla bianca
  • 2 cucchiaiolio extravergine d’oliva
  • q.b.olio di semi
  • q.b.parmigiano 30 mesi (facoltativo))

Strumenti

  • 1 Casseruola bassa con coperchio
  • 1 Casseruola alta
  • 1 Padella
  • 1 Ramaiolo
  • Carta assorbente
  • 1 Padella Paletta di legno o di silicone

Preparazione degli Spaghetti al pomodoro con melanzane fritte:

La ricetta degli spaghetti al pomodoro e melanzane fritte è semplicissima anche per chi è alle prime armi in cucina. Se stai imparando a cucinare, basta che segui perfettamente le indicazioni, ti assicuro che è veramente una ricetta facile ed economica.
  1. Spaghetti al sugo con melanzana fritta

  2. Per prima cosa prepara il sugo:

    Sminuzza la cipolla privata della buccia, versala in una casseruola, aggiungi l’olio ed accendi la fiamma, non deve essere alta.

  3. Rosola la cipolla, se hai paura che si brucia, puoi aggiungere 1 cucchiaio di acqua.

  4. Aggiungi la polpa di pomodoro e 200 ml di acqua, regola di sale, mescola e copri con un coperchio.

  5. Gira ogni tanto il sugo, è cotto quando si ritira l’acqua ed è bello denso, ma non troppo ritirato, se si ritira troppo puoi sempre aggiungere l’acqua di cottura della pasta.

  6. Nel frattempo metti a bollire l’acqua per la pasta, il sugo cuocerà in circa 30 minuti, così hai tutto pronto in contemporanea.

  7. Quando il sugo è quasi pronto, aggiungi una foglia di basilico (facoltativa).

  8. Lava la melanzana ed asciugala, togli la calotta. Tagliala a fettine spesse circa 3 mm.

  9. Scalda l’olio di semi, quando è ben caldo, friggi le melanzane ambo i lati, devono diventare dorate. Scola bene le melanzane su della carta assorbente da cucina.

  10. Se hai dubbi sulla temperatura dell’olio, prima prova a friggere una fettina piccola di melanzana, oppure aggiungi un pizzico di farina nell’olio, se frigge formando le bollicine attorno, l’olio è pronto.

  11. Quando l’acqua bolle, regola di sale, versa la pasta facendola scendere pian piano.

  12. Cuoci la pasta al dente, scola e versala nel sugo, aggiungi poca acqua di cottura della pasta e mescola velocemente.

  13. Servi subito gli spaghetti al sugo direttamente con sopra le melanzane fritte, oppure lasciate in un piatto unico ed ogni commensale si prende la sua.

  14. Ovviamente come ho detto manca la ricotta salata, a casa mia l’abbiamo sempre spolverata con abbondante parmigiano, per me quello da 30 mesi. Se non ti piace puoi anche ometterlo.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da incucinadaeva

Mi chiamo Eva, sono abruzzese ed amo cucinare fin da quando ho ricordi. Autodidatta fino a quando nel 2011 ho aperto il blog, così ho iniziato a studiare. Amo tramandare le ricette delle mia regione e sperimentare. Copyright © dal 2011 "In cucina da Eva" – Tutti i diritti riservati. E’ vietato l’utilizzo, anche parziale, la manipolazione e la modifica di testi o foto. La violazione dei diritti d’autore è perseguibile e punibile a norma di legge. È possibile condividere il link o citare le mie ricette, scrivendo la fonte e link negli articoli. No copia ed incolla, nemmeno parziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.