Pulizia di padelle e pentole incrostate

Pulizia di padelle e pentole incrostate per la rubrica i rimedi della nonna utili consigli di come pulire il pentolame senza graffiarlo con rimedi naturali.

Pulizia di padelle e pentole incrostate

Pulizia di padelle e pentole incrostate

Oggi parliamo di come pulire le padelle o pentole incrostate. Spesso in casa abbiamo padelle antiaderenti in teflon o in altri materiali, o addirittura in pietra lavica, o spruzzate in pietra lavica. Se sono in teflon o in pietra lavica, se andiamo a pulirle con la retina, tranne se utilizziamo quella della Stanhome che permette di non graffiare le padelle, le padelle sicuramente si graffierano indelebilmente, e spesso andranno buttate o messe in fondo alla dispensa. 

Per prima cosa un consiglio, controllare sempre la cottura degli alimenti, se necessità di acqua meglio aggiungerne gradualmente e calda, altrimenti interrompiamo la cottura. Durante la cottura di sughi tenere una fiamma medio bassa, mescolando con frequenza fino in fondo alla casseruola con una paletta di legno.

Se prepariamo fritture, attenti al punto di fumo, oltre a formare sostanze dannose e rendono l’olio inutilizzabile, perché troppo caldo e non ha cuocerebbe bene, anzi brucia il cibo. Inoltre non usare troppo la padella con lo stesso olio, la incrosta e la rovina. Per pulirla, serve molto olio di gomito, e va pulita a caldo e in alcuni casi anche detergenti chimici come potenti sgrassatori, perché l’olio si attacca alle pareti esterne della padella stessa. In caso pulirla a caldo con bicarbonato mescolato a poco aceto e limone e la retina antigraffio, ovviamente per l’esterno.

Ma per l’interno, se si è incrostata? Abbiamo preparato un sugo e si è ristretto troppo, un soffritto, o carne con un filo di olio e non abbiamo pulito subito la padella, o carne ben cotta sulla bistecchiera?

Ricordiamoci c’è sempre una soluzione, quindi calma tranquilli ed iniziamo!

Mettere acqua fredda nella padella o casseruola o bistecchiera o altro. Portare ad ebollizione a recipiente coperto, e far intiepidire leggermente. Ora potete utilizzare lo spazzolino per piatti io uso quello dell’Ikea osta solo 99 centesimi, ma ne trovate anche altri, ma questo è molto comodo ergonomico e dura molto, e lo utilizzo anche per altre pulizie, tipo per la pulizia dello scolapiatti da appoggio. Insieme allo spazzolino ovviamente o il detersivo per i piatti, o bicarbonato ed aceto e limone, o detersivo naturale bio fatto in casa*.

Se lo sporco è particolarmente resistente, cambiate l’acqua mettere a bollire la padella, con bicarbonato e acqua e poi lasciare riposare dai 15 minuti o se ostinato anche una notte intera, e poi procedere alla pulizia come sopra descritto. Addirittura è utilissimo se si attacca il riso, perché viene via facilmente, meglio se riposa una notte intera.

Dopo aver lavato la padella, prima di riporla farla asciugare bene, o asciugare con un panno pulito, o addirittura farla asciugare sulla fiamma far raffreddare e riporre in dispensa.

Lo sapevate che al primo acquisto le padelle antiaderenti, vanno sciacquate prima dell’utilizzo (anche per norma igienica) e poi oleate internamente e poi saranno pronte per l’uso.

Pulizia di padelle e pentole incrostate: Ecco una soluzione anche per le casseruole in acciaio:

Per le casseruole in acciaio invece, che sono più adatte per la bollitura, quando si forma il calcare si può rimuovere strofinando il limone sulla casseruola. Se è molto si può formare un impasto di bicarbonato e limone in rapporto 2 ad 1. Ovvero 2 cucchiai di bicarbonato ed 1 di limone. Si forma una pastella e si strofina sulla casseruola e poi si sciacqua. Se particolarmente resistente, lasciare agire per 15 minuti. Potete utilizzare anche l’aceto al posto del limone. L’aceto serve anche per disinfettare togliere odori o lucidare. Anche il limone toglie gli odori.

Qui trovate le indicazioni dell’uso del limone in cucina

Qui trovate le indicazioni dell’uso dell’aceto in cucina.

*Per la pulizia di padelle e pentole incrostate potete provare anche prodotti fatti in casa naturali e biologici. Un detersivo naturale,io personalmente ancora non lo preparo, ma mi è stato regalato e mi trovo bene ma se volete farlo per ora vi posto un link esterno a breve proverò anche io su GreenMe trovate la ricetta. Leggo spesso i loro articoli, sempre utili mai scontati e soprattutto tutto naturale ed ecologico.

Torna alla Home per vedere le ultime ricette.

Vuoi seguire i mie aggiornamenti da FACEBOOK? Metti il like!!! Clicca QUI per la fan page

Ti aspetto anche nel gruppo facebook, In cucina da Eva & amici foodblogger dove troverai tante ricette di altri amici foodblogger.

Ti aspetto negli altri social: ** TWITTER ** GOOGLE ** YOUTUBE ** PINTEREST**INSTAGRAM **

Vuoi trovare altre ricette interessanti o con ingredienti specifici? Vai nel menù a tendina e cerca la voce che ti interessa, o cerca con la lente d’ingrandimento. Troverai tante ricette dagli antipasti al dolce, per intolleranti al lattosio e al glutine oltre a tanti utili consigli! Che aspetti? Cerca la tua ricetta. E se provi una mia ricetta inviamela la metterò tra le ricette dei fan nella mia fan page!

Pubblicato da incucinadaeva

Mi chiamo Eva, sono abruzzese ed amo cucinare fin da quando ho ricordi. Autodidatta fino a quando nel 2011 ho aperto il blog, così ho iniziato a studiare. Amo tramandare le ricette delle mia regione e sperimentare. Copyright © dal 2011 "In cucina da Eva" – Tutti i diritti riservati. E’ vietato l’utilizzo, anche parziale, la manipolazione e la modifica di testi o foto. La violazione dei diritti d’autore è perseguibile e punibile a norma di legge. È possibile condividere il link o citare le mie ricette, scrivendo la fonte e link negli articoli. No copia ed incolla, nemmeno parziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.