Crea sito

Brick tunisino

Il brick tunisino è una sorta di antipasto tunisino, questo piatto è semplicissimo e chi ama il tonno e le patate se ne innamorerà! Mia sorella l’ha preparato per me quando sono stata a farle visita, un suo amico è tunisino e gli ha insegnato molti piatti tipici, tra cui anche il cous cous con verdure e agnello. Questo piatto è semplicissimo e chi ama il tonno e le patate se ne innamorerà! E a giorni vi poterò una ricetta di un dolce che ho preparato ieri, mamma mia me ne sono innamorata! I dolci di Knam non si toccano sono veramente favolosi!

Inoltre vi volevo informare che a breve ci saranno i corsi di In cucina da Eva con l’associazione TheaRte a Chieti, chi volesse informazioni riguardo ai corsi può contattare me alla email: incucinadaeva@libero.it oppure la mail del direttore theartechieti@gmail.com. 

Brick tunisino

Brick tunisino

Brick tunisino

Difficoltà: facile

Tempo: circa 15/20 minuti 

Gruppo ricette: Antipasti – ricetta estera

Ingredienti:

  • 2 patate lesse
  • 1 scatoletta di tonno sgocciolata
  • 1 uovo
  • qualche cappero tritato (almeno 2 per pezzo)
  • prezzemolo tritato
  • 4 fogli di brick
  • sale e pepe qb
  • (ho letto che ci sta qualcuno che ci mette il cumino o la paprica piccante ma non ho sperimentato)
  • olio di semi per friggere

Sotto la foto della versione triangolare. Esiste anche la versione con uovo, che finalmente ho sperimentato, qui trovi la ricetta.

Preparazione del brick tunisino:

  1. Schiacciare le patate già lessate ed unire il tonno sgocciolato, l’uovo, il prezzemolo lavato e tritato, regolare di sale e pepe.
  2. Mescolare bene.
  3. Nel frattempo scaldare l’olio per friggere.
  4. Ora potete fare il brick con 4 sfoglie piegandolo su se stesso, oppure come ha fatto mia sorella dividendo le sfoglie a metà (lei ha utilizzato le sfoglie rotonde, che si trovano nei centri commerciali più forniti, qualcuno utilizza anche la pasta fillo).
  5. Prendere una sfoglia, dividerla a metà metterci un cucchiaio circa di composto e qualche cappero tritato.
  6. Arrotolare la sfoglia su se stessa.
  7. Friggere il brick fino a farlo diventare dorato.
  8. Scolare bene e servire ancora caldo. Lo potete mangiare anche freddo, ma evitate di scaldarlo altrimenti diventa molle.
  9. Ho visto in giro per il web che ci sono anche altre tecniche di piegatura, tipo a triangolo o a pacchetto, però mi hanno detto che questa è la tecnica più utilizzata, credo perché è più semplice da realizzare.

Brick tunisino

Brick tunisino

Brick tunisino

Ecco alcune fasi delle lavorazioni:

Torna alla Home per vedere le ultime ricette.

Vuoi seguire i mie aggiornamenti da FACEBOOK? Metti il like!!! Clicca QUI per la fan page

Ti aspetto anche nel gruppo facebook, In cucina da Eva & amici foodblogger dove troverai tante ricette di altri amici foodblogger.

Ti aspetto negli altri social: ** TWITTER ** GOOGLE ** YOUTUBE ** PINTEREST**INSTAGRAM **

Vuoi trovare altre ricette interessanti o con ingredienti specifici? Vai nel menù a tendina e cerca la voce che ti interessa, o cerca con la lente d’ingrandimento. Troverai tante ricette dagli antipasti al dolce, per intolleranti al lattosio e al glutine oltre a tanti utili consigli! Che aspetti? Cerca la tua ricetta. E se provi una mia ricetta inviamela la metterò tra le ricette dei fan nella mia fan page!

5 Risposte a “Brick tunisino”

    1. Si sono buonissimi, a me mi ha insegnato mia sorella che ha a sua volta li ha visti fare dal compagno che pure lui è tunisino, sono buonissimi anche con i capperi ma non li avevo, mi sono scordata di menzionali, grazie ora correggo.

  1. Buongiorno Eva, devi provare a farli con un tuorlo d’uovo poggiato sul ripieno prima di richiuderli. Con il cucchiaio si fa un solco nel ripieno e si poggia il tuorlo in questa specie di nido, poi si chiudono a pacchetto o a triangolo, infine dritti nell’olio bollenti. Mia nonna era tunisina e me li preparava sempre così! ^_^

    1. Grazie tante Valeria! Mio cognato mi ha detto che è un’altra variante, prima o poi li devo provare. Devono essere spettacolari! Solo che in Abruzzo non ho trovato la pasta adatta. Spero che mia sorella me li può spedire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.