Mangiare verdure fa bene. Anche ai batteri amici dell’intestino

Ce l’hanno ripetuto sin da piccoli: mangiare verdure fa bene. Ma non solo a noi anche ai batteri “buoni” che vivono dentro di noi, è possibile aggiungere. Questi si nutrono di una molecola contenuta nelle verdure tanto per crescere quanto per allontanare i batteri “cattivi”. É la conclusione di uno studio realizzato da scienziati del Walter and Eliza Hall Institute e della University of Melbourne (Australia) e di quella di York (Gran Bretagna).

Spinaci, ma anche broccoli, cavolo nero, verza e bietola. Per noi sono fonte di vitamine, fibre e minerali come ferro e calcio, per i batteri sono fonte di uno zucchero (sulfoquinovose, contenente solfuro) che viene assorbito e metabolizzato grazie a un enzima. Questa molecola viene sfruttata come mezzo di sostentamento ed energia per la crescita. Con quale effetto? Secondo i ricercatori alcuni ceppi “amici” di Escherichia coli che fanno parte del nostro microbioma intestinale, riescono ad esempio a creare una sorta di barriera protettiva con cui respingere i batteri “cattivi”. Questi, di conseguenza, non trovano spazio per colonizzare l’intestino.

 

La verdura permette così di mantenere e migliorare lo stato dei batteri intestinali a loro volta importanti per la nostra salute digestiva. Da questa ricerca, concludono i suoi autori, potrebbero derivare importanti evidenze per sviluppare una nuova classe di antibiotici e superare la resistenza sviluppata dai batteri. Lo studio è stato pubblicato su Nature Chemical Biology.

La verdura è quindi utile oltre che a noi anche al nostro…. Continua a leggere »

Leggi anche:

191 Visite totali, 1 visite odierne

Precedente Vellutata di pomodoro Successivo Freschezza verde #mentachepassione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.