Il #CarbonaraDay

Per i puristi italiani esiste solo una maniera per farla e 5 ingredienti: guanciale, pecorino, uovo, sale e pepe. I più innovatori invece credono che essendo la pasta un piatto versatile, non debbano esserci limiti all’interpretazione culinaria di questa ricetta.
Sto parlando di una tra le ricette più amate di cui oggi, 6 Aprile, si celebra l’evento che unisce appassionati e buongustai di tutto il mondo: il Carbonara Day!
La prima edizione dell’evento voluto dai pastai italiani di Aidepi (Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane) e Ipo (International Pasta Organisation),quest’anno in collaborazione con Tuttofood, nel 2017 è stata un caso social: ha coinvolto 83 milioni di “pasta lovers”, e in 29 mila si sono scambiati sui social opinioni e ricette su quello che è ormai considerato un piatto internazionale.
Per questo è stato promosso l’hastag #carbonaraday, evento virtuale che vede coinvolti in un dibattito blogger, giornalisti, food influencer e chef.

 

 

Carbonara le origini…

Vi sono varie ipotesi sulle origini della pasta alla carbonara:
secondo la prima,la sua nascita risiederebbe nella ‘Razione K’ che Ancel Keys, biologo e fisiologo statunitense, inventò nel 1942 per garantire una dieta adeguata alle truppe alleate. I soldati americani accompagnavano la ‘Razione K’, nello specifico il tuorlo d’uovo in polvere e il bacon con gli spaghetti per aumentare la dose di carboidrati.
La seconda ipotesi è che il piatto sarebbe stato “inventato” dai carbonai appenninici (carbonari in romanesco), i quali lo preparavano usando ingredienti di facile reperibilità e conservazione. La carbonara in questo caso sarebbe l’evoluzione del piatto detto ‘cacio e ova’, di origini laziali e abruzzesi.
Un’ultima ipotesi ricondurrebbe l‘origine della ricetta alla cucina napoletana. Questa tesi individua in alcune ricette presenti nel trattato del 1837 Cucina teorico-pratica di Ippolito Cavalcanti una possibile origine della pietanza.
Invenzione di un cuoco di Carbonia, in Sardegna, trasferitosi a Roma? Modo di condire la pasta tipico dei carbonai dei boschi umbri o degli affiliati alla segreta carboneria? O magari quel carbone si riferisce all’abbondante pepe nero che la ricopre come fosse polvere delle miniere?
Una cosa è certa:non c’è nessuna ricetta che accende così tanto la passione culinaria degli italiani come la pasta alla carbonara!

 

Gli errori da non fare

 

 

Il guanciale?
Preferiamolo sempre, laddove possibile, ma non disperiamoci se ogni tanto capita di utilizzare la pancetta stesa al suo posto.
A seguire abbiamo l’uovo: meglio utilizzare solo il tuorlo ma non è un delitto aggiungere un po’ di albume.
La cosa da evitare è farlo diventare una frittata cuocendolo in padella.
Ma veniamo agli errori più “gravi”:
il primo è sostituire il pecorino con il parmigiano. La tradizione della carbonara nasce tra…Continua a leggere >>

Leggi anche:

 283 total views,  1 views today

Precedente Cookies ripieni alla Nutella Successivo #RicettediPasqua:Torta di grano, ricotta e pistacchi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.