Che delizia!

È conosciuto soprattutto il melo coltivato.
Quello selvatico dà piccoli pomi, del diametro massimo di 3 cm, frutti polposi, sferici e sgraziati, visibilmente imperfetti; il sapore non è privo di asprezze e acidità che lo rendono difficilmente utilizzabile, ma sa regalare anche sapori “paradisiaci”, soprattutto quando sono raccolti direttamente dalla pianta in autunno inoltrato.

La pianta spontanea ama il sole e i terreni freschi e fertili; matura anno dopo anno ed è pianta di lunga vita. Un tempo era un frutto assai consumato, perché economico e di facile conservazione. È un frutto delizioso, fragrante, dissetante, considerato antiacido, protettivo, disintossicante, ricco di vitamine.
La mela selvatica si trova ancora nei boschetti sulle colline, dove fruttifica abbondante.

Leggi anche: Cotognata leccese (marmellata di mele cotogne) la ricetta

La raccolta può cominciare a fine estate e durare tutto l’autunno.

http://www.gifanimate.com/data/media/329/mela-immagine-animata-0011.gif

 

Si tratta di un frutto che non subisce trattamenti, che può essere conservato per una parte dell’inverno e che rinsecchendosi, acquista dolcezza.

Va mangiata maggiormente al naturale, ma può essere cotta al forno nella crostata, nelle torte e nello strudel.

Ancora, si possono ottenere confetture,gelatine,purea, salsa per carni, frittelle, si può unire a insalatine, usare in pasticceria, essiccata a fettine,

http://www.mondodelgusto.it/gallery/14651.jpg

 

per dolci al cucchiaio, nell’involucro di….. Continua a leggere »

Leggi anche:

282 Visite totali, 1 visite odierne

Precedente Una delizia tutta da spalmare! #BirraSpalmabile Successivo Cetriolo e zenzero: le proprietà benefiche

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.