Come capire se un cibo è ancora buono?

Ogni anno in Italia si buttano via 5 milioni di tonnellate di prodotti alimentari. Molti sarebbero ancora buoni: è per questo che presso mercati e supermercati si organizzano raccolte di alimenti in scadenza, mentre quasi tutti i ristoranti offrono ormai la doggy bag. Ma la lotta allo spreco può cominciare dalla cucina di casa. Secondo alcune statistiche, in media le famiglie italiane buttano nella spazzatura circa 2 chili di cibo al mese: si tratta di avanzi, di prodotti scaduti e di alimenti che non hanno più un bell’aspetto. L’ideale sarebbe ovviamente comprare solo ciò che serve: ma quando capita di fare acquisti in eccesso, dopo averli stipati nel frigo ad attendere il loro turno è importante sapere riconoscere il cibo che è ancora buono e quello che non lo è più. A meno che non abbiate fatto scorta di formaggi o di prodotti esotici, la regola dell’odore è quasi sempre valida: ciò che ha un cattivo odore non è più commestibile. Ma in caso di dubbi, aguzzate la vista e gli altri sensi per capire cosa si può ancora mangiare, ricordando alcune semplici regole.

Frutta e verdura annerite, afflosciate o ammaccate. L’annerimento di frutta e ortaggi, specie se già sbucciati, è parte del processo naturale di ossidazione, che non ne compromette il gusto: uno spicchio di mela che dà sul marrone o una banana dalla buccia macchiata sono perfettamente commestibili. Se l’annerimento vi fa proprio passare l’appetito, potete prevenirlo spruzzando sulla frutta già tagliata succo di limone, oppure immergendo le patate spezzettate in acqua fresca, in attesa della cottura. L’acqua molto fredda è anche un rimedio per l’afflosciamento: broccoli, ravanelli e carote pronti per il pinzimonio possono ritrovare tono e colore con un veloce bagno nell’acqua ghiacciata. Per quanto riguarda le ammaccature, il consiglio è di consumare al più presto il frutto o l’ortaggio danneggiato, evitando così che nella parte colpita si sviluppino muffe.

Muffa. La muffa è formata da minuscoli funghi che possono sviluppare tossine e portare frutta e verdura ad andare a male molto velocemente. Se vi accorgete che un ortaggio, un frutto o un formaggio dalla consistenza compatta inizia ad ammuffire, eliminate la parte colpita e cercate di consumarlo al più presto. Se invece ad essere colpito è un alimento dalla consistenza liquida o morbida, come un succo di frutta, un formaggio fresco o lo yogurt, il cibo non è più recuperabile. L’eccezione alla regola è costituita dalla marmellata: l’alta quantità di zucchero evita la diffusione delle tossine. A meno che non si tratti di una confettura light, con zuccheri fin troppo ridotti, sarà sufficiente eliminare lo strato superficiale.

Latte acido e yogurt scaduto. Il latte pastorizzato non sviluppa di norma microorganismi pericolosi per l’uomo: se avete bevuto per sbaglio un caffellatte inacidito, con ogni probabilità non vi accadrà nulla di male (anche se il sapore non è certo dei migliori). Il processo che porta il latte a inacidire e cagliare è in realtà lo stesso che permette di produrre formaggi e yogurt: questi ultimi, in particolare, possono essere consumati fino a sette giorni dopo la data di scadenza. Ricordate però che più tempo passa dalla produzione dello yogurt, meno vitali saranno i batteri che lo rendono un alimento tanto speciale.

Olio rancido. Se invece è l’olio ad aver acquisito un cattivo odore, il consumo alimentare è decisamente sconsigliato. L’irrancidimento dell’olio è dovuto all’ossidazione: per evitarla, in futuro, scegliete olio d’oliva in bottiglie scure e conservatele in un luogo buio e fresco, lontano da fonti di calore. L’olio irrancidito potete invece utilizzarlo per scopi non alimentari, come la produzione di sapone.

Uova scadute. Su ogni confezione di uova è impressa la data di scadenza; potete superarla di qualche giorno, se avete conservato le uova in frigo. In caso di dubbi, fate il test del galleggiamento: se l’uovo galleggia in una ciotola piena di acqua fresca, al suo interno ha sviluppato molti gas e il consumo non è consigliato. La regola non vale per le…Continua a leggere >>

Leggi anche:

336 Visite totali, 1 visite odierne

Precedente Tiramisù al limone Successivo Millefoglie caramellata ai frutti di bosco

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.