Crea sito

Impasti di base

Crostata tiramisù

| Dolci, Impasti di base

Auguri papà!

Buongiorno la festa del papà e passata e io arrivo un Po in ritardo col dolce che ho preparato al mio papà ma prima di scrivervi questa ricetta dovevo avere l’ approvazione dei famigliari che sono i miei giudici!

Bene loro l’ hanno promossa a pieni voti e quindi ecco a voi la ricetta della mia crostata tiramisù!

Un guscio di frolla al caffè chector racchiude la classica crema al mascarpone.

La ricetta della crema ve l’ho già data altre volte (Quì e Quì) è la classica ricetta di famiglia, la crema che ha sempre preparato mia mamma e che adesso posso preparare a occhi chiusi.  Ma si sa ricetta che vince non si cambia.

Se volete un modo nuovo di assaporare il tiramisù provate questa ricetta e poi fatemi sapere se vi è piaciuta!

Ingredienti per una crostata di 26 cm:

Per la frolla al caffè:

400 g di farina

200 g di burro

120 g di zucchero

1 tuorlo d’uovo

1 tazzine di caffè freddo

Per la crema al mascarpone:

250 g di mascarpone

2 uova

2 cucchiai colmi di zucchero

Per decorare:

Gocce di cioccolato q.b.

Cominciamo preparando la frolla.

Nella ciotola della planetaria con gancio a k mettere il burro morbido a pezzetti e lo zucchero, lavorare 30 secondi poi aggiungere il tuorlo d’uovo e il caffè,  lavorare altri 30 secondi.

Aggiungere infine la farina e lavorare 1 minuto. Compattare l’impasto con le mani fino a formare una palla. Impellicolare e mettere in frigo almeno mezz’ora.

Stendere ora l’impasto alto circa 1 cm, metterlo nella teglia, bucherellare con una forchetta e cuocere in forno già caldo a 180 gradi per circa 20 minuti.

Sfornare e far raffreddare completamente.

Nel frattempo preparare la crema. In una ciotola sbattere bene il mascarpone con lo zucchero e i tuorli d’uovo.

A parte montare gli albumi a neve ferma e poi incorporare al mascarpone con una spatola.

Quando la base della crostata èfredda inumidirla appena spennellandola con del caffè freddo zuccherato. Ricoprire ora con la crema e decorare con le gocce di cioccolato.

Ps.: con le dosi sopra indicate la pasta frolla sarà di più di quella che serve per una teglia da 26 cm, con quella che avanza potrete preparare dei biscotti per decorare la torta o conservarla in frigo per 2 giorni o in freezer anche un mese.

Buon appetito a tutti!

 

 

0 commenti

Tagliatelle rosa di grano duro

| Impasti di base, Primi piatti, Senza categoria

Colorando….

 

Buongiorno a tutti! Oggi è domenica si fa la pasta fatta in casa…ma non la solita pasta! Facciamo delle belle tagliatelle rosa con farina di grano duro per colorare un Po l’inverno!

Io come condimento ho scelto semplicemente una fonduta con panna e taleggio che con il suo sapore forte si sposa bene con il dolciastro della barbabietola.

Avevo già sperimentato questo abbinamento negli Gnocchi e mi era piaciuto molto.

Più avanti voglio sperimentare anche nuovi colori devo solo pensare prima a che sapori abbinarlo!

Al lavoro adesso mani in pasta!

Ingredienti per 2 o 3 persone:

200 g di farina di grano duro

1 uovo

1 barbabietola piccola (io compro quelle già cotte)

Per la fonduta:

200 ml di panna fresca

200 g di taleggio

Sale e pepe q.b.

Per cominciare frullare molo bene la barbabietola e passarla con uno schiacciapatate.

In una ciotola mettere la farina, creare una fontana e mettere al centro l’uovo e la purea di barbabietola. Iniziare a mescolare con una forchetta e continuare poi con le mani.

Lavorare l’impasto fino a ottenere un impasto liscio poi coprire con la pellicola è lasciarlo riposare in frigo almeno mezz’ora.

Tirare fuori dal frigo e con la macchina della pasta stendere delle sfoglie, a me piacciono un pochino spesse quindi le tiro fino al numero 2 ma ognuno ha le sue preferenze.

Tagliarle adesso a formare delle tagliatelle.

Mettere a bollire l’acqua col sale e un goccio di olio. Nel frattempo in una padella scaldare la panna col taleggio a cubetti e mescolare fino a quando il taleggio è completamente sciolto. Tenere la fiamma bassissima.

Quando l’acqua bolle cuocere le tagliatelle per 2 minuti poi scolare e far saltare un paio di minuti nella fonduta. Impiattate e cospargere con una macinata do pepe nero.

Buon appetito a tutti con le tagliatelle rosa!

Ecco il piatto finito
0 commenti

Pane sfogliato all’olio (con lievito madre)

| Impasti di base, Pane e lievitati

.Pane sfogliato all'olioBuongiorno a tutti! Come vi raccontavo qualche post fa ho dovuto combattere a lungo col mio lievito madre per poterlo rinforzare dopo che l’avevo abbandonato per lungo tempo. E ora che si è ripreso alla grande voglio impastare qualunque cosa. Così l’altro giorno cercavo dei nuovi tipi di pane da provare quando ho letto pane sfogliato. Ho abbandonato subito la lettura e sono corsa a impastare! Ve l’ho detto che sono un impaziente no? Così ho pensato di impastare del pane normale sono usando la farina di Manitoba che è un Po più forte e poi fare una sfoglia tura tipo quella che uso per i miei  Croissant. Be il risultato è davvero fantastico, una crosticina sottile fuori e una mollica dolce e tenera! Provatelo e non ve ne pentirete!

Ingredienti per una treccia di pane:

200 g di farina bianca

300 g di farina di Manitoba

10 g di sale

150 g di lievito madre (già rinfrescato)

2 cucchiai di olio

300 ml di acqua

Per la  sfogliatura olio q.b.

Preparate il pane seguenti il procedimento che trovate Qui. Coprite e lasciate lievitare una notte. Al mattino prendete il vostro impasto e stendetelo a formare un rettangolo su una spianatoia infarinata. Ungete tutta la superficie con olio evo, prendete adesso la parte superiore del rettangolo e tiratela fino a 2/3, chiudete con la parte inferiore. Sigillate bene in bordi poi coprite e lasciate riposare per un ora. Schiacciate adesso il vostro impasto e ripiegatelo ancora in 3 come avete fatto prima. Lasciatelo riposare ancora un ora. Adesso tirate leggermente l’impasto per allungarsi tagliatelo in 3 lasciando l’inizio intero e intrecciatelo. Fate riposare ancora mezz’ora.

Infornate  ora a 220 gradi per circa 25 minuti o fino a quando non sarà bello dorato. Sfornate e lasciate raffreddare. Buon appetito a tutti!

0 commenti

Rosette soffiate con lievito madre

| Impasti di base, Pane e lievitati, Senza categoria

Rosette soffiare con lievito madreEccomi qui con le mani in pasta anche oggi…pronta a sfidare nuovamente il mio lievito madre! Oggi preparo le rosette soffiate! Ovviamente prima di iniziare ho girato e rifilato sul web, tra i siti dei vari “maestri” panificatori alla ricerca di una ricetta che mi piacesse. E l’ho trovata sul Blog ” Con le mani in pasta”. Ovviamente l’ho un po modificata adeguandola al mio lievito, lei dice di usare il lievito madre solido ma io lo tengo semiliquido. Ho dovuto adeguare anche la quantità d’acqua in quanto ogni farina è a se è la mia ne ha assorbita di più.  Ci vuole più di un giorno per farle…ma come al solito il profumo del pane appena sfornato ripaga di tutto il lavoro. Vi devo confessare che non tutte le rosette sono venute davvero soffiate, alcune erano un po piene dentro, ma si sa, non tutte le ciambelle escono col buco e comunque il sapore del pane fatto in casa è impareggiabile.

Mani in pasta si comincia!

Ingredienti per circa 12 rosette :

Per il primo impasto(biga):

100 g di lievito madre rinfrescato

500 g di farina di manitoba

250 g di acqua

Per il secondo impasto:

60 g di acqua

1 cucchiaino di zucchero di canna

60 g di farina bianca

10 g di sale

Il giorno prima di sfornare il vostro pane preparate la biga mettendo nella ciotola della planetaria il lievito, scioglierlo nell’acqua,aggiungere la farina e impastare. Far lievitare questo impasto coperto da un canovaccio per circa 20 ore.

Riprendere ora l’impasto e aggiungere l’acqua dove avrete sciolto lo zucchero. Lavorare ( a mano o con la planetaria) fino a completo assorbimento. Aggiungere adesso la farina e il sale e impastare. Lasciar riposare l’impasto per 10 minuti. Stendere l’ impasto su una spianatoia infarinata, dare con le mani la forma di un rettangolo dopo di che piegare il lato sinistro fino al centro, ripetere con il destro poi chiudere a portafoglio. Lasciar riposare per 10 minuti e ripetere altre 2 volte.

Dopo l’ultima volta oliate leggermente l’impasto e coprite con un canovaccio per circa mezz’ora.

Formate adesso delle palline di circa 70 grammi l’una, schiacciare leggermente ogni pallina e tirare un lato verso il centro, sulla destra si formerà angolo, chiudere anche questo verso il centro e proseguire per tutti e 4 gli angoli. Lasciar riposare 10 minuti. Dopo di che incidente ogni pagnotta con il tagliamela andando bene a fondo, capovolgere ogni rosetta sottosopra, coprire e lasciar riposare mezz’ora.

Nel frattempo scaldare il forno a 230 gradi, mettere sul fondo una pirofila con dell’acqua per creare umidità e scaldare bene la teglia dove poi cuocerete le vostre rosette. Passata la mezz’ora girate i vostri panini e metteteli sulla teglia, far cuocere 10/15 minuti a 230 gradi dopo di che abbassate la temperatura a 190 gradi e terminate la cottura,ci vorranno ancora circa 15 minuti. Sfornare e far raffreddare su una griglia.

Le vostre rosette soffiate con lievito madre sono pronte! Buon appetito a tutti!

0 commenti

Focaccia con lievito madre

| Impasti di base, Pane e lievitati, Senza categoria

Focaccia con lievito madreLa focaccia è una di quelle cose che piace sempre a tutti, va bene al posto del pane, da mangiare da sola, farcita,come aperitivo a merenda insomma va bene sempre! Quindi ogni tanto la faccio, e finisce subito!!! Certo anche quelke comprate sono buone ma volete mettere il sapore si quella appena sfornata in casa? Di quella fatta con il lievito madre ovvio e una luuuunga lievitazione. È una preparazione molto semplice da fare e se avete a disposizione un’ impastatrice non dovete neanche fare fatica penserà a tutto lei. Mettiamoci al lavoro!

Ingredienti per una teglia del forno di focaccia:

500 g di farina di semola rimacinata
150 g di lievito madre rinfrescato
350 g di acqua

1 cucchiaio di sale fine
1/2 bicchiere d’olio
1/2 bicchiere d’acqua
1 manciata di sale grosso

Qualche ago di rosmarino

Nella ciotola della planeraria sciogliete il lievito con un po d’acqua, aggiungete la farina e il sale e iniziate a impastare. Aggiungete mano a mano che impasta tutta l’acqua. Fate impastare per almeno 10 minuti. A questo punto coprite e lasciate lievitare per almeno 8 ore. Prendete adesso il vostro impasto e stendetelo sulla teglia del forno coperta da carta forno. Coprite e lasciate lievitare nel forno spento per almeno 3/4 ore di modo che raddoppi di volume. Adesso scaldate il forno a 250 gradi. Con le mani fate dei “buchi” nell impasto. Adesso in un vasetto mettete l’avqua il sale e l’olio e agitate bene. Versate questa miscela sull’impasto. Se volete potete aggiungere anche degli aghi di rosmarino. Infornate per circa 15 minuti. Sfornate tagliate a pezzi e affrettatevi a mangiarla prima che finisca!!! Buon appetito! !!

0 commenti

Crema pasticcera

| Dolci, Impasti di base

Ovviamente dopo la ricetta di ieri dei krapfen non poteva mancare la mia ricetta della crema pasticcera con cui farcirli! Quindi eccola qui!

La crema pasticcera è secondo me la più versatile delle creme in pasticceria, si puo usare per riempire krapfen, brioche, bignè torte e crostate insomma va bene un po per tutto.

Si può poi aromatizzare come più vi piace anche in base alla ricetta, la classica è aromatizzata al limone. Ma si puo fare anche al cacao o al cioccolato.

Quella che vi darò oggi è la classica crema pasticcera profumata al limone. Io non metto la vaniglia perche a me non piace, voi potete aggiungerne una stecca mentre scaldate il latte.

Ci vorrà davvero un attimo a prepararla! Cominciamo!

Ingredienti:

500 ml di latte freddo
La scorza a pezzi di un limone
4 tuorli d’uovo
150 g di zucchero
50 g di farina

In un pentolino scaldiamo il latte con la scorza del limone fino a raggiungere quasi il bollore. Nel frattempo in un altro pentolino sbattiamo molto bene i tuorli con lo zucchero, aggiungiamo adesso la farina setacciata e mescoliamo stando attenti a non lasciare grumi. Aggiungiamo adesso il latte a filo poco alla volta sempre continuando a mescolare con una frusta. Mettiamo sul fuoco basso e giriamo fino a quando non inizia a bollire. Lasciamo cucere un paio di minuti dal bollore poi spegniamo. Trasferiamo la nostra crema pasticcera in una ciotola e copriamo con la pellcola a contatto in modo da non fargli fare la crosticina. Lasciamo raffreddare completamente prima di usarla.

Questa ricetta basta per una crostata del diametro di circa 26 cm, una torta a 2 strati del diametro di 22/24 cm. Per i krapfen usate metà dose di tutto. Se dovete fare torte più grandi basterà moltiplicare gli ingredienti!

0 commenti

Pane in cassetta

| Impasti di base, Pane e lievitati, Senza categoria

Pane in cassetta

Ieri mi sono resa conto che il mio lievito si stava ingigantendo! Mi stava invadendo il frigo e ho detto devo fare qualcosa! Così ho provato varie ricette che vi mostrerò. ..la prima è stata il pane in cassetta! Si lo so che lo vendono già bello che pronto pronto da farcire, ma a me piace mettere le mani in pasta, poi quello confezionato secondo me ha quell’ odore di alcool! Quindi dopo un po che ci pensavo ieri l’ho fatto. Il risultato strepitoso, morbido morbido e con un profumo impateggiabile! Non è per niente complicato da fare quindi avete proprio scusanti! Mani in pasta si comincia!

Ingredienti per uno stampo da plum cake:

100 g lievito madre
150 g di manitoba
150 g di farina
40 g di burro
100 g latte
50 g acqua
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino colmo di sale

Nella ciotola della planetaria sciogliere il lievito con l’acqua e lo zucchero. Aggiungere adesso le 2 farine,il sale e il latte e impastare per una decina di minuti. Quando l’impasto sarà incordato aggiungere il burro morbido a pezzetti, aggiungerlo poco per volta e far assorbire bene. Quando il burro sarà ben assorbito mettere in una ciotola coperta e far lievitare circa 3 ore. Prendete il vostro impasto e stendetelo su una spiamatoia infarinata. Con un mattarello fornate un rettangolo, dopo di che arrotolatelo a formare un salsicciotto e mettetelo in uno stampo da plumcake, coprite con un telo e mettete a lievitare nel forno spento per circa 8/10 ore. A questo punto riscaldate il forno a 180 gradi e quando è ben caldo infornate il vostro pane per circa 25 minuti. Sfornate e fate raffreddare su una griglia. Sformate il vostro pane tagliatelo a fette e gustatelo farcito come più vi piace! Buon appetito a tutti! !!

(altro…)

0 commenti

Pane all’80 per cento di idratazione

| Impasti di base, Pane e lievitati, Senza categoria

Pane all'80 per cento di idratazioneVi avevo detto che sono una patita di impasti di pane e pizza vero? Be leggendo qua e là tra i vari blog ho capito che non lo sono! Cioè a me piace farli e adoro mangiarli, ma non faccio grandi studi sulla liquidità del lievito o l’idratazione dell’impasto. Però ho letto dai veri appassionati che più idrati l’impasto più il pane viene soffice, quindi senza grandi studi matematici ho detto proviamo! Che dire il mio pane all’80 per cento di idratazione è sofficissimo, essendo fatto con il lievito madre super digeribile insomma in una parola squisito! Quindi vi darò la mia ricetta, spiegandovi come ho fatto a farlo. In modo molto semplice…certo i veri panificatori sono altri, ma non mi posso proprio lamentare!!! Su al lavoro mettiamo le mani in pasta!

Ingredienti per una pagnotta:

300 g di farina di Manitoba

200 g di farina bianca

150 g di lievito madre rinfrescato  (quando lo rinfrescate usate più acqua che farina lasciandolo molto molle)

1 cucchiaio di sale

400 g di acqua

Nella ciotola della planetaria sciogliete il lievito con metà dell’acqua. Aggiungete la farina e il sale e cominciate a impastare. Aggiungete adesso la restante acqua poco per volta e continuate a impastare fino a quando l’impasto inizierà a incordare. Ci vorranno circa 15 minuti. L’impasto rimarrà comunque molto molle. È normale. Ribaltate adesso l’impasto su una spianatoia ben infarinata stendetelo in un triangolo e piegatelo in 3. Lasciate lievitare un ora poi ripiegatelo ancora in 3. Ripetete questo procedimento un’altra volta. Fate lievitare un altra ora dopo di che fate una palla e mettetela in una ciotola chiusa con la pellicola. Mettete a lievitare una notte in frigo. Alla mattina tirate fuori l’impasto e lasciatelo a temperatura ambiente 3 ore. Mettete l’impasto sulla teglia del forno cercando di dare la forma di una pagnotta. Coprite con una tovaglia e attendete che l’impasto raddoppi di volume. Infornatelo adesso nel forno gia caldo a 250 g insieme a un pentolino d’acqua. Lasciate cuocere circa 20 minuti. Sfornate e mettete su una griglia a raffreddare. Cercate di resistere a mangiarlo finché è completamente freddo di modo che sia uscita completamente l’umidità.  Assaporate adesso il vostro pane! La sua morte secondo me è farcito con bologna e acciughe provate!!!

0 commenti

Pizza con lievito madre

| Impasti di base, Pane e lievitati, Senza categoria

Pizza! Ecco cosa mancava ancora nel blog! Perché ultimamente non l’ho fatta spesso mi sono un po fissata con altri impasti vedi Danubio e Ciambelle di pizza che avevo un po messo da parte la cara e vecchia pizza. Ma ogni tanto la voglia di mangiarne una buona e semplice fatta in casa ritorna. Così ho approfittato del weekend per farla fatta bene con i giusti tempi di lievitazione. È uscita proprio bella alta come piace a me (in realtà la adoro in tutte le sue forme la pizza!!!) Morbidissima ma con una bella crosticina croccante sotto. Quesra volta l’ho preparata metà con la salsiccia e i pomodorini l’altra metà acciughe scaglie di grana e pomodorini. Ma una volta ottenuta la base potrete condirla come più vi piace. Mettiamoci al lavoro…come per tutti gli impasti col lievito madre il giorno prima di mangiarla!

Ingredienti per una teglia del forno:

Per l’impasto:

250 g farina bianca

250 g farina di manitoba

150 g lievito madre rinfrescato

250 ml circa di acqua

1 cucchiaio abbondante di sale

Per il condimento:

Una lattina di passata di pomodoro

1 o 2 mozzarelle

A piacimento salsiccia pomodorini scaglie di grana acciughe

In una ciotola (o nella planetaria a seconda di come volete impastare) scigliete il lievito madre nell’acqua,aggiungete adesso le farine e il sale e lavorate energicamente l’impasto per 10/15 minuti, fino a quando sentite l’impasto diventare bello elastico. Adesso mettete il panetto coperto in forno a lievitare per una notte. Al mattino sarà raddoppiato di volume. Se volete una pizza bella alta stendete l ‘impasto sulla teglia del forno e lasciate lievitare ancora fino al momento di cuocerle la vostra pizza. Adesso accendete il forno a 270 gradi. Prendete la polpa di pomodoro mettetela in un piatto e conditela con olio  sale e origano. Condite la vostra pizza con la salsa,la mozzarella spezzettata le acciughe e la salsiccia. Infornate per circa 15 minuti o fino a quando sotto è bella dorata. Sfornate aggiungete il grana e i pomodorini tagliati in 4 e servite la vostra pizza caldissima! Buon appetito a tutti!!!Pizza con lievito madre

0 commenti

Gnocchi radicchio taleggio e noci

| Impasti di base, Primi piatti, Senza categoria, Una cena in 15 minuti

Gnocchi radicchio taleggio e nociGnocchi radicchio taleggio e noci… questo piatto mi è rimasto nel cuore da quando l’ho mangiato in un ristorante a Bormio qualche anno fa. Da allora ho provato varie volte a rifarlo e finalmente sono rimasta soddisfatta! Certo non saranno mai come quelli che ho mamgiato li….ma sarà stata l’aria di vacanza! Il connubio radicchio e noci secondo me è qualcosa di sublime, abbinati al taleggio nom ne parliamo! Quindi mettiamoci subito ai fornelli,la parte più lunga sarà fare gli gnocchi ma se usate quelli pronti si trasforma in una ricetta da 15 minuti! Cominciamo!

Ingredienti per 3 persone:

Per gli gnocchi:

750 g di patate

1 uovo

Farina q.b.

Un pizzico di sale

Per il condimento:

1 ceppo di radicchio

7/8 noci

100 g di taleggio

Latte q.b

Iniziamo mettendo a bollire le patate intere e con la buccia in abbondante acqua fredda. Ci vorra circa mezz’ora quaranta minuti dal bollore,dipende dalla grandezza delle patate. Quando sono cotte lasciatele intiepidire poi sbucciatele e schiacciatele con l’apposito attrezzo o con una forchetta.  Su una spianatoia mettete una mancista di farina, aggiungete la purea di patate, un pizzico di sale e un uovo. Impastate e aggiungete farina quanta ne assorbono le patate. Contimuate cosi fino ad ottenere un impasto abbastanza compatto (non duro) e che appiccica. Dividete l’impasto in 4 e formate dei cordoncini spessi circa un paio di cm o come più vi piacciono,tagliatelo adesso a pezzetti lunghi circa 2 cm e con i rebbi di una forchetta rigateli facendoli ruotare. Mettere gli gnocchi pronti im uma teglia infarinata.  A questo punto mettete l’ acqua a bollire.  In una padella scalfate un paio di cucchiai d’olio. Aggiungete il radicchio lavato e tagliato a striscioline. Salate e lasciate appassire per circa 5 minuti. Aggiungete adesso le noci spezzettate grossolanamente.  In un altro pentolino mettete il taleggio tagliato a dadini,aggiungete latte fino a coprirlo e scaldate a fuoco molto basso girando fin quando il taleggio non è sciolto. Quando l’acqua bolle buttste gli gnocchi,scolateli con un mestolo forato non appena vengono a galla e metteteli nella padella con il radicchio.  Aggiungete la fonduta di taleggio e impiattate. Spolverate con un po di pepe nero appena macinato e servite subito!!! Buona cena a tutti!!

0 commenti