La rucola: proprietà, benefici e usi in cucina

Arriva la bella stagione e, un’ alimento che dalla primavera fino all’estate non manca mai nella mia cucina è la rucola, la metto quasi ovunque. Sarà il nostro Ingrediente del mese e scopriremo insieme i suoi benefici e le sue proprietà, ma anche i suoi usi in cucina. La rucola fa parte della famiglia delle Crucifere e il suo nome scientifico è Eruca Sativa Mill. Viene chiamata anche rughetta e può nascere spontaneamente oppure essere coltivata.

La rucola: proprietà, benefici e usi in cucina
La rucola: proprietà, benefici e usi in cucina

 

La rucola è ricca di vitamine, minerali e molta, ma molta acqua. Pensate che è composta per ben il 91% da acqua. Povera di calorie, solo 25 ogni 100 grammi, la rucola è fonte di vitamina C da non sottovalutare. Ma osserviamo da vicino le proprietà della rucola:

  • Stimola l’appetito: la rucola è indicata per chi soffre di inappetenza perché contiene sostanze capaci di stimolare l’appetito.
  • Ricostituente: la rucola offre aiuto a chi è influenzato grazie al suo apporto di minerali e vitamina C.
  • Purificante: la rucola è diuretica e ideale per disintossicare il fegato.
  • Amica delle ossa: contiene anche vitamina K, A, vitamine del gruppo B, che insieme al calcio e al magnesio aiutano la salute delle ossa.
  • Digestiva: grazie ai suoi componenti la rucola ha proprietà capaci di stimolare la produzione di succhi gastrici.
  • Rilassante: assunta come infuso la rucola ha proprietà rilassanti ed è consigliata per favorire il buon sonno. Fa parte infatti di alcune “tisane della sera”.
  • Aiuta il sistema immunitario: grazie ai minerali che contiene, la rucola aiuta il sistema immunitario rafforzandolo.
  • Protettiva: grazie alle alti dosi di vitamina A la rucola è protettiva per la pelle e per lo stomaco. Studi dimostrano che favorisce la guarigione dell’ulcera.

Rucola: controindicazioni

Come tutti gli elementi naturali, anche la rucola non ha importanti controindicazioni, se non nei soggetti allergici. L’unico accorgimento da prendere è di non consumarne troppa: a dosi elevate infatti la rucola produce un metabolita che può avere effetti irritanti sull’organismo. Si consiglia quindi di assumere al massimo 2 pugni di rucola cruda al giorno. Per il suo contenuto di vitamina K, se si assumono farmaci anticoagulanti (es: Coumadin®) consultare il medico prima di consumare rucola.

In cucina:

Come alimento, le foglie di rucola si consumano crude in insalata. Gli abbinamenti più riusciti sono quelli con cicoria, radicchio, ravanelli, tarassaco, crescione e soncino. La troviamo inoltre in tantissime insalate di pasta fredda, così come accompagnamento di squisiti secondi piatti.

Ovviamente il massimo beneficio si ottiene con la rucola cruda ma vi sono anche dei piatti che prevedono la cottura (almeno in parte). Come decotto la rucola  è utile, in caso di ritenzione di liquidi e sovraffaticamento dell’organismo, per le sue qualità diuretiche e depurative. Portare a ebollizione 5 g di foglie in 150 ml di acqua e lasciate cuocere per 10 minuti, quindi filtrate.

Questo mese quindi, largo spazio alla rucola, la troveremo in tantissimi delle mie ricette, e non solo questo mese!!Ehehehe!!!

Precedente Cestini di pasta fillo con prosciutto cotto, mozzarella e rucola Successivo pasta integrale con crema alla ricotta e zafferano con speck pomodorini e rucola