Confettura di fioroni ”iuri e ficu”

La Confettura di fioroni ”iuri e ficu”preparata con con questi bei fioroni, (sono i primi fichi del mese di giugno) è diventata una dolce specialità.
In Calabria, Il fico è stato sempre stato un albero molto diffuso ed i suoi frutti copiosi sono stati considerati il pane dei poveri perché, freschi o essiccati, contribuivano a sfamare la popolazione delle zone rurali.
È un albero rustico e resistente che si può trovare ovunque in Calabria.
Alcune varietà di piante (le bifere) fruttificano due volte l’anno ((hanno una produzione precoce di “fioroni”a giugno oltre alla principale in agosto-settembre), altre (le unifere)fruttificano una volta sola.
Sono una ricca fonte di potassio, per cui aiutano a regolarizzare e tenere sotto controllo la pressione arteriosa .
Hanno una fonte preziosa di zuccheri naturali e semplici ma sono anche ricchi di sali minerali e fibre. Se consumati freschi apportano, solo 47 kcal contro le 247 kcal dei fichi secchi

Confettura di fioroni ”iuri e ficu”

Confettura di fioroni ”i primi iuri e ficu du mise e giugnu”

Nel 400 l’abate Gioacchino da
Fiore così scrive sui fichi Calabresi:
“..niente di
più prezioso, e per la
copia e per la perfezione
egli è il raccolto dei fichi.
Principia egli nel mese
di giugno e si allunga fino
a dicembre, sempre le
une succedendo alle
altre… nere, bianche, altre
brune, altre rossacce, tutte
però così dolci, che filano
dalla creduta bocca stille di
miele”

 

Ingredienti

  • 1 kg di fioroni già sbucciati
  • 250/300 gr di zucchero
  • Il succo di 1 limone
  • 1 bicchiere d’acqua

Procedimento

Sbucciare e tagliare in quattro i fioroni, metterli in una pentola con un bicchiere d’acqua ed il succo del limone spremuto, aggiungere lo zucchero e portare a cottura, come una normale confettura.
Lavare i vasi di vetro, sterilizzare assieme ai coperchi ( che devono essere nuovi) in forno caldo. Versare la confettura, ancora, calda nei vasi di vetro, chiudere bene e capovolgere, lasciarli per 10/15 minuti e girarecon i tappi all’insù, questo per ottenere il sottovuoto. Per maggior sicurezza, conviene far bollire i vasetti a bagnomaria almeno per 20 minuti.

foto-immagini-2-123

 

foto-immagini-2-052

La confettura di fioroni è pronta a voi gustarla come meglio credete, crostate, dolci vari o sul pane!

Linee Guida per la corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico

Ti piacciono le mie ricette, seguimi nella mia pagina facebook In cucina con Mire mettete mi piace e spuntate ricevi le notifiche, mi trovate anche su Twitter.  Pinterest  Google+ Linkedin

Mandami le tue foto/ricette nella mia pagina Facebook e le aggiungerò nella categoria Le vostre ricette

Vuoi essere sempre aggiornato

Iscriviti alla newsletter

[wysija_form id=”5″]

 

Precedente Treccia argentina all’olio Successivo Insalata di pomodori

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.