Chiacchiere di carnevale ricetta di Massari

Chiacchiere di carnevale ricetta di Massari, l’anno scorso ho preparato le Meraviglie del maestro con tante bolle e leggerezza. Quest’anno non potevano mancare le chiacchiere o lattughe del grande Maestro pasticciere, Le ricette del maestro me le ha fatte conoscere mio figlio, un giorno mi portò un libro (Non solo zucchero vol.2) e io mi sono persa in tutte quelle ricette e sono rimasta incantata anche dalle foto. Le chiacchiere le ho sempre fatte, ma come quelle che ho fatto questa volta, piene di bolle e cosi leggere non mi erano mai riuscite cosi bene!.Sarà merito della grappa che ho usato al posto del marsala, l’alcool evapora con il calore ed agisce da lievitante dando croccantezza e leggerezza o sarà merito della farina Manitoba, una farina forte che contribuisce ad ottenere una sfoglia sottile senza che si rompa nella lavorazione come spiega il maestro. L’olio di arachidi non deve superare i 176° per non fare assorbire troppo olio e farle restare di un bel colore dorato, le chiacchiere con tutti questi accorgimenti assorbono meno olio e diventano leggerissime, piene di bolle e croccanti.
E allora venite in cucina con me, andiamo a preparare le Chiacchiere ricetta di Iginio Massari 😀

Chiacchiere ricetta di Massari

Chiacchiere di carnevale ricetta di Massari

Chiacchiere di carnevale ricetta di Massari

Chiacchiere o Lattughe ( da Non solo zucchero vol. 2 di Iginio Massari)

Ingredienti

  • 500 g di farina Manitoba
  • 60 g di zucchero
  • 60 g di burro morbido
  • 175 g di uova ( circa 3)
  • 5 g di sale fino
  • 50 g di marsala o grappa
  • La buccia grattugiata di un limone
  • I semi di un baccello di vaniglia
  • Olio di semi di arachide per friggere
  • Zucchero a velo per spolverare

Preparazione

Mettete tutti gli ingredienti in una planetaria, usare la frusta a gancio e impastare velocemente, quando avrete un panetto sodo e liscio, coprirlo con la pellicola e farlo riposare per 30 minuti a temperatura ambiente.

Se non avete la planetaria impastate a mano (io quando si tratta d’impasti veloci, preferisco farli a mano, mi rilassa).

Setacciate la farina sull’asse da lavoro, fate una fontana al centro e incorporate le uova sbattute leggermente, il burro morbido (tolto dal frigo 2 ore circa che serva), il marsala, la buccia di limone grattugiata fine, lo zucchero, aprite la bacca di vaniglia per il lungo e raschiate i semi, al posto della bacca potete usare una bustina di vanillina, impastate fino a che non otterrete un panetto come vi ho spiegato sopra, ci vuole poco più che con la planetaria.

Trascorso il tempo di riposo, stendere la sfoglia molto sottile, se avete voglia fatelo a mano usando il matterello, io ho usato la nonna papera, così son sicura di avere sfoglie belle sottili.

Iniziate dal primo numero e poi arrivate al numero più alto o al penultimo, tagliatele a strisce rettangolari con una rotella dentata, incidetele al centro per evitare che si faccia una bolla gigante.

Cuocete in una pentola dai bordi alti e con olio profondo, a temperatura di 176° se avete il termometro, altrimenti regolatevi con una paletta di legno immergendo il manico quando inizia a fare le bollicine l’olio è pronto.

Consigli per la frittura

Immergetele poche per volte, state attenti a non farle bruciare devono essere dorate, scolare  su una gratella per evitare l’unto in eccesso.

Sistemarle su un vassoio e spolverare con abbondante zucchero a velo.

A questo punto non resta che gustarle le chiacchiere di carnevale. Buon Appetito da Mire

Vi consiglio di dare un occhiata alla Raccolta di dolci per carnevale

Chiacchiere al succo di mandarino 

Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved In cucina con Mire

Seguimi nella mia pagina facebook IncucinaconMire  mi trovi, anche, su Twitter.  Pinterest  Google+ Linkedin

Vuoi essere sempre aggiornato gratis

Iscriviti alla newsletter

[wysija_form id=”5″]

Precedente Cuori di pasta sfoglia Successivo Ricette per carnevale - dolci e salate

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.