Peperoncini sott’olio, ricetta facile

Con questo semplice procedimento si conservano I peperoncini sott’olio mantenendone così inalterati i loro sapori fruttati e piccanti , inoltre consentirà di avere anche il famoso OLIO SANTO apprezzato e diffuso nella cucina Pugliese.

Con l’olio santo dato dai peperoncini sott’olio si condiscono pasta, legumi, pizza, semplicemente una fetta di pane tostato, carne, pesce.

A questa preparazione si potrà volendo aggiungere 1 spicchio d’aglio e un rametto di rosmarino che andranno tolti dopo il mese di macerazione, lasciando però i peperoncini nell’olio. Man mano che l’olio diminuirà basterà aggiungerne dell’altro.

peperoncini-piccanti

Il numero di unità di Scoville indica la quantità di capsaicina equivalente contenuta, il peperoncino di Cayenna (che ho usato io) ne ha 30.000-50.000. Con questa scala ci si può regolare del grado di piccantezza che si vuol dare all’ OLIO SANTO più alto è il valore più piccante sarà il peperoncino.

PEPERONCINI SOTT’OLIO

E

OLIO SANTO

peperoncini sott'olio e olio santo

Ingredienti:

peperoncini

olio extravergine di oliva

sale grosso

Preparazione dei peperoncini sott’olio e olio santo:

Lavare e asciugare bene i peperoncini.

Tagliarli a pezzetti indossando dei guanti in lattice e facendo attenzione a non toccarsi le mucose e la pelle.

Stenderli in un colapasta e ricoprirli di sale grosso, alternando ad ogni strato di peperoncini uno strato di sale.

Lasciarli riposare per 24 ore, poi rimuovere il sale totalmente, aiutandosi con un colino, senza sciacquarli.

Sistemarli in un vasetto sterilizzato e riempire di olio facendo in modo che i peperoncini vengano completamente sommersi.

Si possono utilizzare dopo circa tre settimane e si conservano in un luogo fresco fino a 8 – 10 mesi.

olio santo

Precedente Gnocchi di patate senza uova, ricetta facile Successivo Pomodori a pezzettoni, ricetta facile

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.