Patate riso e cozze “Tiella” , con video

Patate riso e cozze “Tiella” è la regina delle minestre pugliesi, ha parecchie varianti, a seconda dei paesi. E’ un piatto unico e completo.

OGGI FACCIAMO  PATATE  RISO E COZZE, TUTTE INSIEME FANNO PATATERISOECCOZZEEEE con due C COME S DISC A BAR 😀

Qui vi spieghiamo, in maniera semplice, la ricetta della mia mamma Vera che è una garanzia di successo.

Le tradizioni di questo piatto risalgono alla tradizione contadina, un modo rapido ed efficace per ottenere un piatto unico e ricco al ritorno dai campi. Il tegame di terracotta dove è preferibile cucinare questa pietanza è chiamato “Tiella” e da qui l’origine del nome della ricetta. Questo tegame è in grado di esaltare ancora di più il profumo ed il sapore di patate riso e cozze. I contadini univano le patate al riso ed alle verdure , ad esempio le zucchine; poi con l’influenza spagnola si arricchì aggiungendo le cozze, che troviamo nella classica ricetta barese e tarantina.

In fondo trovate il video della ricetta grazie al canale you tube di “Different Player“, basterà cliccare sulla foto. Vedrete come è spiegata in maniera semplice e farete un figurone.

Patate riso e cozze

La “tiella” barese

 INGREDIENTI:

  • 500 G DI COZZE pulite
  • 500 G DI PATATE a pasta gialla
  • 500 G DI RISO
  • OLIO d’oliva Q.B.
  • 1 BARATTOLO DI PELATI da 250 g
  • SALE FINO e PEPE
  • FORMAGGIO Q.B. (pecorino preferibilmente)
  • PREZZEMOLO tritato
  • 1 CIPOLLA GRANDE tritata
  • 4 SPICCHI D’AGLIO tritati

PROCEDIMENTO:

Preparare prima alcuni ingredienti prima di formare il piatto.

Pulire le cozze staccandole dal giunco, lavarle bene raschiando i gusci per pulire dalle impurità. Prenderle una per volta e aprirle in modo che il frutto rimanga tutto in una sola valva. Se non si è capaci di eseguire tale operazione, che richiede esperienza e praticità, si possono aprire a fuoco vivace in un tegame, conservando il liquido filtrato che emetteranno.

Tagliare le patate a fette sottili e conservarle in acqua fino al momento dell’utilizzo.

Lavare il riso e lasciarlo un pò in ammollo, scolarlo lasciandolo umido.

Cominciamo ad assemblare la tiella con i diversi strati.

Prendere il tegame e mettere un giro di olio extravergine di oliva, la cipolla e l’aglio tritati, prezzemolo, un pò di cubetti di pomodori pelati, una spolverata di pepe, sale e formaggio.

Sistemare sopra le patate, altro formaggio, un pò di prezzemolo, pepe, sale, un altro pò di pomodoro, un giro d’olio, tutto il riso lasciato umido ma scolato, le cozze sgusciate (volendo se ne può lasciare qualcuna con una valva attaccata ) con il loro liquido passato al setaccio.

Aggiungere altro formaggio, pepe, sale, prezzemolo, cipolla, aglio, pomodoro, olio ed infine coprire il tutto con patate.

Cospargere con un altro pò di cipolla e aglio, prezzemolo, formaggio, pomodoro, pepe, sale ed infine altro giro di olio.

Ora aggiungere acqua fino al livello quasi dell’ultimo strato.

Cuocere in forno già caldo a 200° per 1 ora e mezza.

Lasciare la “tiella” riposare un pò prima di servire, non va gustata molto calda.

ECCO LA VIDEO-RICETTA

NOTE:

Pro: la terracotta è un particolare tipo di ceramica e un materiale non metallico. Gli utensili in terracotta si riscaldano e rilasciano il calore che hanno assorbito molto lentamente. Sono dunque perfetti per la cottura a fiamma bassa e senza sbalzi di temperatura, come nel caso di legumi, minestroni, risotti e stufati. Le pentole in terracotta si lavano facilmente con acqua calda.

Contro: sono molto fragili e possono rovinarsi a causa degli shock termici. Si raccomanda di mettere in ammollo una pentola di terracotta in acqua fredda per 12 ore. Per evitare rotture, si suggerisce di immergere le pentole di terracotta in acqua fredda per qualche minuto dopo l’utilizzo, per permettere che la terracotta seccata dal calore si reidrati.

 

Ti invito a diventare fan della mia pagina Facebook “In cucina con Marta Maria” per essere così sempre aggiornati sulle mie nuove ricette e restare in contatto con me :D

Clicca sulla foto, ti aspetto:In cucina con Marta Maria

 

 

 

 

 

 

Precedente Il pane di mamma, con video Successivo Spaghetti trafilati al bronzo con zucchine e alici

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.