Vellutata di asparagi con mandorle ed erba cipollina

vellutata di asparagi

Mangiato troppo a Pasqua? C’è qualcuno che ha il coraggio di rispondere no a questa domanda? Sono pronta a scommettere che non sono in molti.

Anche se per la casa sono rimasti residui di colombe, uova di cioccolato e altre leccornie tradizionali, da oggi è il caso di tornare nei ranghi con qualche piatto più leggero e soprattutto con abbondanti porzioni di verdura e frutta.

 

Ho recentemente letto uno studio che conferma che aumentare le porzioni di frutta e verdura fino a 7 al giorno apporta notevoli benefici in termini di prevenzioni di malattie degenerative. Il buonsenso ce lo faceva intuire, ma una conferma dal mondo scientifico è un incentivo in più a consumare i prodotti dell’orto e del frutteto.

 

Certo, sette porzioni sono veramente molte, ma con un minimo di pianificazione e organizzazione in cucina, è un risultato alla portata di tutti. Iniziamo con un frutto a colazione, uno spuntino a metà mattina a base di frutta o verdura (anche una semplice carota!) due porzioni a pranzo, una macedonia senza zucchero aggiunto per merenda e due porzioni a cena. Et voilà, il gioco è fatto!

 

La mia proposta culinaria di oggi è un concentrato di verdura, così che abbinandola ad un ricco contorno l’obiettivo delle sette porzioni al giorno sarà facilmente raggiunto!

 

Questa vellutata di asparagi ha un contenuto di ben 250 gr di ortaggi a persona! E’ buonissima e sfrutta anche le virtù benefiche delle mandorle. Un’altra dimostrazione che l’alimentazione sana non comporta grandi privazioni, ma solo un piccolo cambiamento nelle abitudini alimentari.

 

vellutata di asparagiVellutata di asparagi con mandorle ed erba cipollina

 

Ingredienti per 4 persone

  • Asparagi, 1 kg
  • Cipolla, mezza
  • Brodo vegetale, ½ lt
  • Ricotta vaccina fresca, 2 cucchiai colmi
  • Mandorle, 20
  • Erba cipollina, 1 mazzetto
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale marino integrale

Preparazione

 

  • Lavate gli asparagi, eliminate la parte dura del gambo e cuoceteli in acqua nell’apposita pentola, in mancanza di quest’ultima potrete utilizzare una pentola alta e stretta avendo l’accortezza di lasciare le punte appena fuori dall’acqua. Cuocete per 7-8 minuti.

 

  • Con carta da cucina o un panno morbido pulite i fili di erba cipollina e tagliatela a pezzetti di mezzo centrimetro.

 

  • Scolate gli asparagi, tenendo da parte l’acqua di cottura, e tagliateli a tocchetti di qualche centimetro.

 

  • Sbucciate la cipolla, tritatela e soffriggetela in una casseruola con poco olio, quindi, unite gli asparagi, fatta eccezione per le punte, e insaporitele nel soffritto. Aggiungete il brodo o l’acqua di cottura degli asparagi, aggiustate di sale, e cuocete per altri 10 minuti mescolando spesso.

 

  • Immergete l’apposito frullatore nella casseruola e azionatelo ripetuamente ed intermittenza in modo da ridurre gli asparagi in purea. Se necessario aggiungete altra acqua di cottura o brodo in modo che la vellutata sia morbida e fluida, ma non troppo liquida.

 

  • Unite le punte di asparagi tenendono da parte alcune per decorare. Cuocete ancora per 5 minuti. Spegnete il fuoco e unite la ricotta e metà erba cipollina. Mescolate accuratamente in modo da incorporare completamente la ricotta.

 

  • Impiattate la vellutata e decorate con la restante erba cipollina e con le mandorle.

 

  • Servite la vellutata di asparagi calda, eventualmente con crostini di pane integrale.

Print Friendly, PDF & Email

4 comments

  1. Erica Di Paolo says:

    Io non faccio testo, non rispondo neanche alla domanda ^_^
    Mi assaporo solo questa delizia, che è il genere di piatto che accompagna le mie giornate e ti abbraccio forte.
    Spero tu abbia trascorso una serena Pasqua e ti auguro una bellissima giornata.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.