Crea sito

Pizzoccheri al pesto di cavolo nero, cannellini e semi di lino

pesto di cavolo nero

Mi son sempre chiesta perchè i pacchi di pizzoccheri li facciano da un chilo. Se la pasta è venduta in unità da mezzo chilo, i pizzoccheri dovebbero essere al massimo da 320 grammi, così organizzi una “pizzoccherata valtellinese” con un paio di amici e li fai fuori in una sera. Invece no, gironzolano per la dispensa per settimane e settimane e ti viene la tentazione di riorganizzare un’altra pizzoccherata per sbarazzartene.

Che poi il problema non sono i pizzoccheri in sé, ma il condimento che tradizionalmente si usa: è un vero attentato alle coronarie anche del più ligio dei salutisti.

I pizzoccheri, al contrario, sono un alimento piuttosto sano, con una buona percentuale di grano saraceno, un simil-cereale che contiene ben 8 amminoacidi essenziali, ha basso indice glicemico ed è privo di glutine (ma non lo sono i pizzoccheri che contengono anche farine con glutine e non sono quindi adatte ai celiaci), ha inoltre un forte potere antiossidante grazie alla presenza di polifenoli.

A questo punto la furbata è quella di trovare un condimento alternativo che esalti il pizzocchero senza compromettere il fegato.

Ci avevo già pensato su un bel po’ di tempo fa, appena aperto il blog avevo postato questa ricetta, ma recentemente mi è venuta un’altra idea che secondo me si sposa alla perfezione con la ruvida consistenza del pizzocchero.

Come vi sembra un bel pesto di cavolo nero? Io ne ho fatto una mia personale versione resa più cremosa dai cannellini. In un pesto che si rispetti non possono poi mancare i semi oleosi e quindi ho aggiunto quelli di lino. Questi minuscoli semi sono tanto piccoli quanto ricchi di nutrienti, sono una delle principali fonti vegetali di omega 3, non andrebbero mai cotti, ma vanno sempre triturati, quindi sono perfetti nel pesto.

D’ora in poi credo che non avanzerà più un pizzocchero a casa mia!

pesto di cavolo nero

Pizzoccheri al pesto di cavolo nero, cannellini e semi di lino

Pizzoccheri al pesto di cavolo nero, cannellini e semi di lino
 
Preparazione
Cottura
Tempo totale
 
Di:
Portata: Primo
Cucina: Naturale
Porzioni: 4
Cosa serve:
  • Cavolo nero, 350 g
  • Pizzoccheri valtellinesi, 320 g
  • Cannellini cotti, 3 cucchiai
  • Aglio, 1 spicchio piccolo
  • Semi di lino, 2 cucchiaini
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale marino integrale
Come fare:
  1. Pulite il cavolo nero e cuocetelo a vapore o bollitelo in abbondante acqua salata per una decina di minuti.
  2. Prelevate il cavolo nero dalla pentola di cottura ed eliminate le coste e le parti che sono rimaste dure.
  3. Mettete il cavolo nel mixer insieme allo spicchio d'aglio pelato ed azionate alla massima velocità, aggiungete quindi i cannellini (tenetene da parte qualcuno per decorare) e azionate nuovamente.
  4. Unite l'olio fino a raggiungere in una consistenza cremosa, oppure, per una versione più leggera, olio e poca acqua di cottura.
  5. Unite infine i semi di lino, azionate il mixer brevissimamente ed ad intermittenza per rompere solo parzialmente i semi.
  6. Aggiustate il pesto di sale.
  7. Portate a bollore abbondante acqua salata e cuocete i pizzoccheri per il tempo indicato sulla confezione.
  8. Condite con il pesto e decorate con qualche cannellino intero e con altri semi di lino.
Mi piace perchè:
Perchè è un condimento alternativo a quello tradizionale più leggero e povero in grassi saturi, inoltre abbina cereali, legumi e verdure (un perfetto abbinamento dal punto di vista nutrizionale!) e semi di lino crudi.
Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato da Silvia

Sono Silvia, naturopata e, da sempre, appassionata di cucina. Questo blog nasce dalla volontà di dimostrare che una alimentazione sana non deve necessariamente penalizzare il gusto. Alimentarsi correttamente e secondo natura è una necessità e anche i buongustai saranno felici di scoprirlo.

4 Risposte a “Pizzoccheri al pesto di cavolo nero, cannellini e semi di lino”

  1. Meravigliosi, bellissimi, e sani…che dire a questi pizzoccheri non manca nulla che faccia venire voglia di divorarli all’istante 🙂 Anche io adoro questo formato di pasta e mi sbizzarrisco a condirli in modo leggero…sicuramente da oggi ne ho uno in più da provare 😉 Un abbraccio!

    1. Grazie Alice, le tue visite sono sempre gradite! Anch’io adoro questo formato di pasta rustico e ricco di grano saraceno, dovremmo mangiarne di più! Ti abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Difficoltà:  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.