Panfocaccia alla salvia e rosmarino, ricetta con poolish

Panfocaccia alla salvia e rosmarino

Ho sempre pensato che fare il pane fosse una delle cose più lunghe, difficili e noiose del mondo, forse perché i miei esperimenti di pizze fatte in casa non avevano prodotto risultati particolarmente brillanti.

Negli ultimi tempi, però, l’idea della panificazione è diventata come un tarlo, si è insinuata e in me e non mi ha più abbandonata, complice anche il fatto che è sempre più arduo trovare il pane che rispecchi le mie molteplici esigenze: integrale o con farine diversificate(non solo grano), magari con l’aggiunta di qualche seme, con lieviti naturali, per di più biologico e ad un prezzo accessibile.  Quasi un’utopia.

Ho pensato, all’inizio, di acquistare una macchina del pane, ma mi si subito presentato il problema di dove sistemarla nella mia minuscola cucina.  E poi, sarò una inguaribile romantica, ma il pane impastato con le proprie mani, per me ha un significato, un valore diverso; quindi, idea scartata.

A allora mi son rimboccata le maniche e mi sono detta che dovevo imparare. Guarda caso (ma esiste il caso?) proprio recentemente ho conosciuto di persona lo Chef Giovanni Allegro che stimo moltissimo per le se idee sull’alimentazione oltre che per la sua cucina. Ho saputo che era in procinto di organizzare un corso di panificazione con la pasta madre e mi ci sono fiondata.

Ho rotto i ghiaccio e da lì è iniziata la mia passione per il pane fatto in casa. Vi rivelerò che non mi sento ancora totalmente pronta per la pasta madre che è il miglior tipo di lievito che si possa utilizzare, ma col tempo penso proprio che mi convertirò!

Per il momento mi sono dedicata alla panificazione col metodo detto poolish (o metodo indiretto) ovvero una lavorazione con pre-impasto che consente di ottenere una lievitazione perfetta e naturale, un pane digeribile che si conserva più a lungo.

Ho trovato questa ricetta su un numero di Cucina Naturale di qualche anno fa e fare pane è non stato per nulla complicato, anzi mooolto divertente e il risultato, super!!!

Che soddisfazione aver realizzato questo panfoccaccia, con e mie mani!

Panfocaccia alla salvia e rosmarino1

Panfocaccia alla salvia e rosmarino

 Ingredienti per 7 panini:

  • Farina di grano integrale bio, 125 gr
  • Farina di grano bianca bio, 125 gr
  • Lievito di birra in granuli o fresco, 10 gr.
  • Rosmarino fresco, 2 rametti
  • Salvia fresca, 10 foglie
  • Olio extra vergine di oliva, 3 cucchiai
  • Limone, mezzo
  • Zucchero di canna grezzo o miele, la un punta di un cucchiaino
  • Sale marino integrale

Panfocaccia alla salvia e rosmarino3

Preparazione:

  • In 125 ml di acqua tiepida mettete un pizzico di zucchero o miele e qualche goccia di succo di limone e stemperate il lievito, quindi, in una terrina mescolate acqua e farina integrale finchè non saranno per amalgamate in un impasto morbido. Coprite la ciotola con della pellicola e ponetela in un luogo tiepido (es. vicino ad un termosifone o camino). Fate lievitare per 30 minuti.
  • Nel frattempo pulite le erbe aromatiche e tritatele finemente con una mezzaluna. Alla pasta lievitata nella ciotola unite la restante farina, 2 cucchiai d’olio, il sale. Lavorate la pasta a mano su di un piano infarinato per circa 10 minuti, quindi unite le aromatiche e impastate ancora per  qualche minuto per incorporarle uniformemente. Date all’impasto una forma tonda, tipo palla, e lasciatelo riposare in una un luogo caldo per 15 minuti, coperto  da una panno.
  • Stendete appena la pasta con un mattarello (mantenete comunque uno spessore di 1 cm, 1cm e mezzo) e dividetela in 7 parti a cui darete la forma di dischi del diametro di ca. 7 cm.  Prelevate il piatto del forno, foderate con carta da forno  e disponetevi sopra i panetti sul piatto del forno ricoperto da carta da foro. Miscelate il restante cucchiaio di olio con poca acqua tiepida e un pizzico di sale, emulsionate sbattendo con una forchetta e spennellate la superficie dei panini. Lasciate lievitare per altri 30 minuti, mantenendo il panini coperti con un canovaccio.
  • Portate il forno oltre  200°, quando sarà trascorsa la mezz’ora di lievitazione finale, rimuovete il panno e inserite la teglia con i panini nel forno caldo. Cuocete per qualche minuto a forno molto caldo per creare una crosticina croccante, quindi, abbassate la temperatura a 200° e continuate la cottura per un tempo totale di 20 minuti.
  • Sfornate  e mettete le pagnotte su una griglia a raffreddare ed “asciugare”.

Pubblicato da Silvia

Sono Silvia, naturopata e, da sempre, appassionata di cucina. Questo blog nasce dalla volontà di dimostrare che una alimentazione sana non deve necessariamente penalizzare il gusto. Alimentarsi correttamente e secondo natura è una necessità e anche i buongustai saranno felici di scoprirlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.