Pane di segale

Pane di segale

Amo i dolci e i pani grezzi con le farine integrali, con cereali insoliti, pani e focacce ruvidi, poco raffinati che fanno venire desiderio di cose semplici e atmosfere agresti.

Uno dei miei preferiti è il pane di segale, sia nella versione semplice sia con il finocchio. Questo pane è tipico delle zone montane del nord Italia ed è diffuso in tutto il nord Europa. Di solito lo acquisto quando capito in Valtellina, ne faccio una piccola scorta e lo congelo per voglie improvvise.

L’ultima volta però sono rimasta letteralmente a bocca asciutta: terminato! Tra Livigno e Bormio nessun forno aveva più pane di segale….

Non potendo assolutamente rinunciarci, ho deciso di farlo da me e il risultato non è stato niente male!

Eccovi la ricetta, non aspettatevi un pane morido e croccante, quello di segale non è così, ma il suo gusto è pieno e ruvido, davvero ottimo. Si sposa benissimo con il miele grezzo, la bresaola e i formaggi di capra, il massimo è una bella bruschetta ai funghi porcini, che siano freschi o sott’olio, il gusto è assicurato!

pane di segalePane di segale

Ingredienti per 5 pagnottelle

  • Farina di segale integrale bio, 250 gr
  • Farina di frumento 0 bio, 250 gr
  • Lievito di birra secco, 12 gr
  • Acqua, 280 ml
  • Miele poco aromatico o zucchero di canna grezzo, la punta di un cucchiaino
  • Sale marino integrale, 1 cucchiaino raso

Preparazione

  • Sciogliete il miele nell’acqua appena tiepida, quindi, stemperatevi il lievito e mescolate fino a che non sarà completamente sciolto.
  • Unite l’acqua con il lievito alla farina di segale e mescolate fino ad ottenere un impasto molto morbido.
  • Coprite la terrina con la pellicola e mettete a lievitare in un posto ben caldo per circa un’ora o poco più. La farina di segale lievita con una certa difficoltà, pertanto, se vedete che fatica a lievitare, trasferite la terrina in forno appena tiepido e prolungate il tempo di lievitazione di 15/20 minuti.
  • Unite, quindi, la restante farina e il sale, impastate per una decina di minuti e rimettere l’impasto a lievitare, questa volta per almeno un paio d’ore o fino a che non avrà raddoppiato il volume.
  • Scaldate il forno a 220°, quindi lavorate l’impasto lievitato e date la forma desiderata. Io ho scelto quella del tradizionale pane di segale valtellinese, ovvero a ciambella.
  • Lasciate riposare le pagnotte per 5 minuti, quindi, infornatele e cuocetele per 20/25 minuti a 220°. Abbassate il forno a 190° e continutate la cottura per altri 10/15 minuti.

Ti è piaciuta questa ricetta? Seguimi anche su Facebook

Print Friendly, PDF & Email

4 comments

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      Io amo la segale così grezza, è davvero magica, con alcuni alimenti è secondo me insostituibile. Un abbraccio, carissima

  1. Ely says:

    Se c’è un pane che mi fa impazzire è proprio quello di segale: quando vado da mia zia in Germania ne fanno uno troppo buono.. ora voglio provare il tuo che promette altrettanto bene!! <3 <3

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      Ciao Ely, anch’io ne vado letteralmente pazza, ma qui si fatica a trovarlo! La lievitazione non è semplicissima, ma con un po’ di accortezza si riesce ad ottenere un buon risultato. Io ne sono rimasta soddisfatta. Un abbraccio e buon week end 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.