Mini timballo di riso nero con gamberi in guazzetto agli agrumi

Gamberi e riso nero

Ieri siamo entrati ufficialmente nella settimana che ci porterà alla Pasqua, probabilmente sarà ricordata come una delle più fredde della storia: il mio termometro stamattina segnava solo 5°!

Nonostante ciò, proprio oggi, sul mio terrazzo è fiorita la prima camelia, che temeraria! Io, invece, sono ancora qui con la coperta sulle ginocchia che spulcio ricette per un ipotetico pranzo pasquale, eppure fuori sembra Natale!

Se anche voi non avete ancora deciso cosa portare in tavola il giorno di Pasqua e soprattutto non volete appesantirvi con portate eccessive che si faranno ricordare per le prossime settimane, potete prendere spunto dalla ricetta che oggi vi propongo.

Spero di non deludervi, niente di aderente alla tradizione, niente agnelli o capretti (se cercate ciò forse siete sul blog sbagliato!), ma un’idea, secondo me molto carina, per una pranzo leggero,  di sicuro effetto e, soprattutto, che non vi terrà tutta la mattinata intrappolate ai fornelli.

Questo raffinato e gustoso piatto unico potrà essere abbinato ad un antipasto primaverile di crudité e ad un contorno di verdure. Avrete così un pranzo completo che accontenterà anche i più esigenti, senza bisogno della classica abbuffata.

Protagonista della ricetta è un curioso cereale di origine orientale: il riso nero. Questa varietà di riso integrale, dal naturale colore ebano, ha un aroma speziato e legnoso e nell’antica Cina  era considerato talmente pregiato da essere riservato agli imperatori, da lì la denominazione di riso proibito.

Ci avevano visto bene gli imperatori cinesi! A distanza di qualche secolo, forse qualche millennio, le ricerche scientifiche hanno confermato il valore di questo cereale per la nostra salute. Le antocianine, responsabili della colorazione scura del riso, lo rendono un alimento dalle provate proprietà antitumorali ed ottimo per contrastare le malattie cardiache.

Con un riso così salutare possiamo concederci dei gamberi, sui quali di solito i più rigorosi storcono il naso, soprattutto se cucinati con una salsa agli agrumi.

Ed ecco che il piatto prende una bellissima colorazione arancione e mi dà lo spunto per partecipare al contest Color Food del blog Fior di Rosmarino di Donatella.banner color food

 Buona settimana di Pasqua!

IMG_4372ds

Mini timballo di riso nero con gamberi in guazzetto agli agrumi

Ingredienti per 4 persone

  • Gamberi, 1kg
  • Riso nero integrale, 300 gr
  • Pompelmo rosa, 1
  • Arancia, 2
  • Limone, 1
  • Aglio, 1 spicchio
  • Scalogno, 2 piccoli
  • Brandy, 2 cucchiai
  • Timo essiccato, un pizzico
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale  marino integrale

Preparazione

  • Pulite i gamberi, lavateli e marinateli nella spremuta di agrumi per un minimo di 30 minuti.
  • Mettete il riso in acqua fredda salata e iniziate la cottura; dal bollore dovranno passare  40-45 minuti o quanto indicato sulla confezione.
  • In una padella scaldate l’olio di oliva e soffriggete l’aglio e uno dei due scalogni tritati, unite i gamberi scolati dalla marinata e insaporiteli a fuoco vivace, bagnateli con il brandy e fatelo evaporare. Togliete i gamberi dalla padella e teneteli al caldo.
  • Filtrate la spremuta che avete utilizzato per la marinata e mettetela in padella, unite un pizzico di timo e fate restringere il sugo per 5 minuti. Trascorso questo tempo aggiungete i gamberi, aggiustate di sale e pepe e cuocete a fuoco dolcissimo per 2 minuti.
  • Scolate il riso e passatelo in una padella in cui avrete scaldato l’olio e soffritto il restante scalogno tritato, quindi mettete il riso in stampini da creme caramel premendo bene con un cucchiaio e capovolgete sul piatto che servirete in tavola. Unite i gamberi con il loro guazzetto e guarnite con fettine di agrumi.

 

Print Friendly, PDF & Email

4 comments

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      Grazie! I complimenti di foodblogger esperti come te non solo mi fanno piacere, mi lusingano ;-). Buona Pasqua!!!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.