Gnocchi di zucca e grano saraceno al pesto di frutta secca e salvia (gluten-free)

gnocchi di zucca

Finalmente ce l’ho fatta a postare questa ricetta! E’ un bel po’ che è in cantiere, l’ho sperimentata diverse volte, ma era sempre da perfezionare: un po’ meno farina, un po’ più di zucca, un po’ più di porro, poi un giorno è venuta assolutamente perfetta, ma….. non l’avevo fotografata! Non avevo però intenzione di desistere e volevo ad ogni costo condividerla perchè questa è una di quelle ricette che ho schedato come “da invito”. Fare gli gnocchi non è immediato, ma neppure poi tanto laborioso e se li preparate in anticipo, imbastire questo semplice “sughetto” sarà davvero un gioco da ragazzi; per contro questo piatto vi stupirà per la sua squisitezza, ma soprattutto perchè è vero un passepartout ed è sorprendentemente sano.

Si tratta di una ricetta veg, gluten-free ed è un primo piatto a medio impatto glicemico, quindi, adatto anche a chi soffre di glicemia alta e diabete. In tempi in cui mettere d’accordo tutte le esigenze alimentari in un invito a cena sta diventando una reale impresa, questa ricetta è una vera manna dal cielo. E non solo…

…il grano saraceno è un simil cereale che non contiene glutine ed in più ha un indice glicemico che è pressochè la metà del grano tradizionale, parliamo di un valore di 40 contro 85. Non solo, grazie alla presenza del D-chiro-inositolo, sarebbe, secondo alcuni studi recenti, in grado di abbassare la glicemia.

Siccome sono una maniaca della stagionalità vi dico anche che tendo a non mangiare (salvo casi rarissimi) il grano saraceno nella stagione calda poiché ha un discreto potere riscaldante ed ecco perchè quella saggia di Madre Natura ha pensato bene di farlo maturare all’inizio della stagione fredda. Novembre è un mese perfetto per iniziare a portarlo in tavola per scaldare i nostri pasti invernali e godere dei suoi molti benefici.

Che dire della meravigliosa zucca? A dispetto del suo sapore dolce è tra gli ortaggi indicati in caso di diabete, lo hanno dimostrato ben due studi, uno pubblicato su Journal of Medicinal Food e l’altro su Chemistry and Industry, proprio quest’ultimo ha evidenziato che la polpa della zucca avrebbe la capacità di riparare le cellule pancreatiche danneggiate dal diabete.

A volte resto davvero basita di come dei piatti tanto buoni possano essere anche tanto salutari e mi convinco sempre di più che curarsi con l’alimentazione deliziando il palato non sia affatto utopia.

gnocchi di zucca

Gnocchi di zucca e grano saraceno con pesto di frutta secca alla salvia (gluten-free*)

Gnocchi di zucca e grano saraceno al pesto di frutta secca
 
Preparazione
Cottura
Tempo totale
 
Di:
Portata: Primo piatto
Cucina: Naturale
Porzioni: 4
Cosa serve:
  • Zucca pulita, 800 g
  • Farina di grano saraceno, 230 g + altra per il piano di lavoro
  • Porro, 2 grossi
  • Gherigli di noce, 30 g
  • Pinoli, 30 g
  • Salvia fresca, 6/7 foglie
  • Sale marino integrale
  • Olio extra vergine di oliva
Come fare:
  1. Tagliate la zucca a tocchi e cuocetela, preferibilmente a vapore, o lessandola per ⅞ minuti fino a che non sarà morbida ma compatta.
  2. Trasferite la zucca in un piatto e riducetela in purea schiacciandola con i rebbi di una forchetta. Salatela e lasciatela intiepidire, quindi, incorporatevi la farina di grano saraceno.
  3. Con le mani infarinate lavorate brevemente l'impasto, quindi lasciatelo riposare per una decina di minuti coperto da un canovaccio.
  4. Trascorso il tempo indicato, adagiatelo sulla spianatoia ben infarinata e dividetelo in sei o sette pari.
  5. Lavorate ciascuna parte con le mani facendola rotolare sotto le dita per dare la forma di un bastoncino del diametro di ca. 2 cm, tagliate quindi il bastonicino in diversi punti in modo da ricavare dei bocconcini.
  6. Ripetete l'operazione fino all'esaurimento dell'impasto, quindi, infarinate leggermente gli gnocchi e teneteli da parte.
  7. In una pentola portate a bollore abbondante acqua.
  8. Pulite i porri, eliminate le radichette e la parte verde più coriacea, quindi, tagliateli a rondelle.
  9. In una padella scaldate 4 cucchiai di olio evo e fate appassire brevemente il porro senza colorirlo troppo.
  10. Pulite la salvia tritatela nel mixer, quindi, aggiungete le noci e i pinoli e azionate nuovamente per tritare la frutta secca grossolantamente.
  11. Aggiungete poco olio e azionate nuovamente.
  12. Salate l'acqua e quando sarà in pieno bollore tuffatevi gli gnocchi. Non appena verrano a galla rimuoveteli con una schiurola e uniteli alla padella conl porro, mescolate con estrema delicatezza, quindi impiattate e condite ciascun piatto con il mix di frutta secca alla salvia.
Mi piace perchè:
Perchè è un piatto elegante e buonissimo, ma soprattutto perchè è una vera ricetta di cucina del benessere adatta a diversi regimi alimentari

*in caso di celiachia o intolleranze conclamate al glutine, utilizzare unicamente prodotti certificati  gluten-free.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

4 comments

  1. Erica Di Paolo says:

    Sulla stima che nutro per te non mi dilungo: lo sai bene, te lo ripeto ogni volta. Imparo sempre qualcosa di nuovo (la stagionalità del grano saraceno…. sai che non ci avevo mai pensato?). Ma quello che mi sconvolge è un insieme perfetto di sapori, perfettamente incastrati tra loro. Silvia, questo piatto mi conquista. E mi conquista anche la tua osservazione finale, perché io lo credo bene: curarsi con l’alimentazione deliziando il palato non è assolutamente utopia!

  2. Valeria says:

    Ciao! Cucino vegano da anni e lo faccio anche di mestiere. Ho provato i tuoi gnocchetti ma si sono completamente sciolti nell’acqua di cottura. Li ho tuffati e si sono sciolti nel giro di 30 secondi. Le dosi le ho seguite e la zucca era ben asciutta. Come mai? Grazie

    • Silvia says:

      Ciao Valeria, mi spiace tantissimo che la ricetta non ti sia riuscita. Io ho cucinato questi gnocchi un paio di settimane fa con le stesse dosi e il risultato è quello che vedi nella foto. Secondo la mia esperienza i motivi possono essere due: l’acqua era solo al primo bollore e quindi non sufficientemente calda, in questo caso, di solito, gli gnocchi si dissolvono completamente, oppure la zucca era molto matura e morbida e quindi è risultata troppo cotta e avrebbe necessitato di più farina. Negli gnocchi senza uova, calibrare il rapporto vegetale-farina è una delle cose più complesse perchè dipende molto dalla farinosità della zucca (o della patata negli gnocchi tradizionali). Se una volta pronti, gli gnocchi risultano appiccicosi significa che sono troppo morbidi. Spero di esserti in qualche modo stata di aiuto. Grazie per la tua visita. Ciao. Silvia

Lascia un commento

Difficoltà:  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.