Focaccine integrali con salvia e limone

Focaccine

Quando tutte le sere (o quasi) ti addormenti su divano, esci di casa la mattina ed appena avviata l’auto ti chiedi: “avrò spento il gas, dato la pappa al gatto, staccato il ferro da stiro?”, quando devi farti mille post-it per ricordarti ogni singola cosa, significa la stanchezza ha raggiunto il livello di allerta e che non c’è via di scampo …..urge staccare la spina.

E’ quello che sta accadendo a me negli ultimi giorni, quindi è ufficiale, c’è bisogno di vacanza! Anche se quelle di quest’anno non saranno le vacanze che ho sempre sognato, l’importante è prendersi una pausa, una tregua dagli impegni quotidiani.

In fondo il significato di vacanza è proprio questo. Vacans, ovvero libero, libero da impegni e da obblighi.

Non c’è bisogno di partire per mete esotiche, la vacanza può anche essere una condizione mentale, anzi forse deve essere soprattuto quello. Che senso ha essere dall’altra parte del mondo se la nostra mente è fissa sui soliti pensieri?

Spesso anche cucinare senza particolari vincoli di tempo e aspettative nei risultati può essere una piccola vacanza dalla incombenze giornaliere. Così è successo a me con queste focaccine, le ho preparate per divertimento, per il puro piacere di mettere le mani in pasta oltre che per smaltire un po’ di salvia che la mia piantina ha generosamente prodotto.

Il risultato è stato molto apprezzato. Io le trovo un’idea carina da servire insieme al pane in una cena di pesce. Sono simpatiche e profumate ed anche molto estive. In fondo con le temperature di quest’anno, accendere il forno non rappresenta certo un problema.

focaccine

Focaccine integrali alla salvia e limone

Ingredienti per 8 foccaccine

  • Farina integrale, 150 gr
  • Farina tipo 1, 150 gr
  • Acqua, 150 ml
  • Lievito di birra secco attivo, 7 gr.
  • Salvia fresca, una dozzina di foglie
  • Limone (scorza), mezzo
  • Olio extra vergine di oliva, 5 cucchiai
  • Sale marino integrale, qb
  • Zucchero di canna integrale, un pizzico

Preparazione

  •  Mettete la farina integrale in una terrina. Sciogliete nell’acqua a 38° lo zucchero di canna integrale, stemperatevi quindi il lievito di birra Unite alla farina integrale per ottenere un impasto molto morbido. Coprite la terrrina con pellicola da cucina e con un canovaccio e ponete al lievitare per 45-50 minuti in un luogo tiepido.

 

  • Pulite con un panno la salvia, tritatela finemente con una mezzaluna ed unitela alla farina tipo 1, aggiungete anche la scorza di limone gratuggiata e il sale. Amalgamate gli ingredienti all’impasto lievitato, aggiungete 4 cucchiai d’olio e impastate nuovamente per ottenere una palla di pasta.

 

  • Depositate la pasta di pane in una terrina leggerimente infarinata e lasciatela lievitare coperta con un canovaccio per altri 45 minuti.

 

  • Portate il forno alla temperatura di 200°

 

  • Trascorso il tempo di lievitazione dividete la pasta in 8 parti, modellate con le mani per ottenere delle focaccine di diametro 10-12 cm. Appoggiatele sulla placca del forno ricoporta dell’apposita carta e lasciate riposare per 20 minuti.

 

  • Con tre dita fate pressione sulla superficie delle focaccine per formare delle fossette, ungete con il restante olio ed eventualmente cospargete con pochi cristalli di sale grosso.

 

  • Infornate e cuocete per 20 minuti a 200°. Controllate la fase di cottura, in quanto ogni forno è differente e i tempi potrebbero variare leggermente.

 

Print Friendly, PDF & Email

4 comments

  1. Erica Di Paolo says:

    Ma quanto mi piacciono Silvia!!! Quelle farine, lo sai ormai bene, le adoro. Poi la salvia e il limone nell’impasto sono davvero un tocco di classe. Complimenti, le vorrei davvero provare. Ovviamente….. non appena avrò un po’ di tempo, perché per me non è ancora giunto il momento di staccare ^_^ (giungerà mai????)
    Un abbraccio.

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      Conosco il tuo amore per le farine speciali e devo dire che anch’io mi sto appassionando ai livitati. Mi sa che vengo a prendere qualche spunto da te che sei una veterana. 😉 Un abbraccio

  2. Alice says:

    Anche per me cucinare con calma è proprio rilassante e terapeutico…peccato che non si possa fare sempre 🙂 Se poi ci si delizia con risultati come questi…tanto meglio 😉

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.