Crema di borlotti con crostini all’aglio

crema di borlotti

Se non amate l’aglio dovrete necessariamente rinunciare a questa crema di borlotti, ma se gradite il suo sapore deciso apprezzerete il tocco inconfondibile e irrinunciabile che questo prezioso bulbo dona ad una semplice zuppa.

Non solo aglio, alloro, rosmarino, timo e salvia, un mix di aromatiche senza le quali questo piatto sarebbe certamente meno gustoso ed interessante.

Tutte le volte che cucino questa crema di borlotti, mi rendo conto di quanto le erbe aromatiche possano fare la differenza in cucina, cambiando i connotati di ricette apparentemente banali. Nella tradizione mediterranea sono il corrispettivo delle spezie per le cucine africane ed orientali e dovremmo decisamente aumentarne il consumo. Ecco una serie di motivi per aggiungerle ai nostri piatti

  • consentono di ridurre l’utilizzo del sale conferendo sapidità ai piatti

  • hanno proprietà medicamentose (differenti a seconda del tipo di erba)

  • rendono i piatti più digeribili ed in alcuni casi riducono le fermentazioni

  • sono decisamente economiche e la maggior parte può essere coltivata con soddisfazione in terrazzo o persino sul davanzale della finestra

Rispetto a questo ultimo punto, io di solito mi faccio prendere la mano alla grande ed ogni volta che vado al vivaio torno con una nuova aromatica, tanto che ormai di spazio in terrazzo non ce n’è praticamente rimasto. Di conseguenza nelle ricette le infilo ormai ovunque e, con mia grande soddisfazione, come diceva una vecchia pubblicità, “il gusto ci guadagna!”

crema di borlotti

Crema di borlotti con crostini all’aglio

Ingredienti per 4 persone

  • Borlotti freschi, 1 kg oppure secchi 600 g
  • Patate, 300 g
  • Carota 1 piccola
  • Cipolla, 1 piccola
  • Aglio, 2 spicchi
  • Brodo vegetale senza glutammato, q,b.
  • Alloro 1 foglia
  • Timo 3 rametti
  • Rosmarino, 1
  • Salvia, 2 foglie
  • Pane casereccio integrale, 4 fette
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale marino integrale

Preparazione

  • Sgranate i fagioli se freschi o metteteli in ammollo per 12 ore se utilizzate quelli secchi.
  • Pelate le patate, lavatele e tagliatele a pezzi.
  • In una pentola mettete i fagioli, le patate, la foglia di alloro e di salvia, uno rametto di timo e uno di rosmarino. Coprite con abbondante acqua calda, salate, portate ad ebollizione e cuocete lentamente per 80 minuti. Trascorso questo tempo scolate i fagioli e le patate dall’acqua di cottura.
  • Pulite la carota, la cipolla e un spicchio d’aglio e tritateli. Con la carta da cucina pulite le restante erbe aromatiche tenendo da parte una rametto di timo.
  • In una capace casseruola soffriggete la cipolla, la carota, l’aglio e le erbe aromatiche, unite i borlotti (conservatene un cucchiaio per persona per la decorazione) e le patate e insaporiteli per qualche minuto. Bagnate con il brodo vegetale caldo e cuocete altri 10 minuti, allungando eventualmente con altro brodo. Aggiustate di sale.
  • Eliminate le erbe aromatiche e riducete i fagioli e le patate in crema con l’aiuto di un frullatore ad immersione. Lasciate sobbollire ancora per qualche minuto, se necessario unite ancora poco brodo caldo.
  • Tostate le fette di pane nel forno o in un tostapane, strofinatele con il restante rametto di timo e lo spicchio d’aglio, riducetele a dadini ed irroratele con olio extra vergine di oliva
  • Impiattate la crema di borlotti e decorate con i borlotti interi tenuti da parte, i crostini di pane all’aglio e un filo di olio.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

2 comments

  1. Alice says:

    Adoro le erbe aromatiche e, nelle giuste quantità, anche l’aglio…e i piatti caldi e cremosi in questa stagione sono molto graditi! Quindi che dire, proposta apprezzata in pieno 😉 A presto un abbraccio!

    • Silvia says:

      Anch’io adoro le erbe aromatiche anche solo guardarle e annusarle mi mette di buon umore. Figuriamoci assaggiarle! Grazie per la tua visita, carissima Alice, ti abbraccio. 🙂

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.