Crea sito

SEADAS

Le Seadas sono un piatto tipico della tradizione sarda a base di semola formaggio fresco  e miele. Si lavora la sfoglia ben fine. Sulla sfoglia si pongono i dischi di formaggio, li si ricopre con un’altra sfoglia eliminando bene l’aria dall’interno.Va consumata fresca prima che la sfoglia si secchi. Si accompagna a vini bianchi dolci.

La ricetta che vi propongo è una mia personalizzazione, perchè per esempio nel nuorese il formaggio viene fatto inacidire un paio di giorni, viene sciolto in padella e viene aggiun ta la semola, poi viene aromatizzato con scorza di limone.

La ricetta che vi riporto è per 1 kg di formaggio. Potete tranquillamente dimezzare le dosi. Io le congelo per averne la disponibilità all’occorrenza.


 

Ingredienti per circa 50  seadas

Per la sfoglia

  • 800 g di farina 00
  • 200 g di semola rimacinata
  • 200 g di strutto o burro
  • sale 1 pizzico
  • acqua tiepida circa 200 ml e comunque q.b.

Per il ripieno

  • 1 kg di formaggio fresco di vacca o pecora
  • la scorza di 3-4 arance

 

Occorrente: olio per friggere e miele q.b.

 

Procedimento

Prepariamo la sfoglia.

Ammorbidite  lo strutto a temperatura ambiente ed impastatelo  alle farine setacciate con un pizzico di sale. Aggiungete l’ acqua  man mano che le farine la richiedono e lavorate fino a che l’impasto sarà la liscio ed elastico. Se poi preferite fare come me usate anche l’impastatrice . Coprite con un panno umido sino al momento di utilizzare la pasta.

Il Ripieno

Grattugiate il formaggio a mano o con il robot da cucina e amalgamatelo insieme alla scorza grattugiata delle arance.

Sciogliete il formaggio all’arancia in un pentolino e versatelo su una spianatoia e stendetelo con un mattarello.

Ricavate dei dischi con diametro minore rispetto ai dischi di sfoglia.

Tirate la sfoglia con la macchinetta prima a spessore 6, successivamente a 2. Su ogni disco mettete sopra un disco di formaggio aromatizzato con la scorza e richiudete con i restanti dischi  sigillando i bordi  con i rebbi di una forchetta o con l’apposita formina.

Se non volete sciogliere il formaggio, grattugiatelo e unite la scorza, poi prendetelo a mucchietti e compattatelo con le mani e disponetelo sul disco di sfoglia. Procedete come da ricetta.

 

Friggete le SEADAS  in abbondante olio caldo e servite ricoperte di miele o zucchero semolato.

 

13 Risposte a “SEADAS”

  1. io metto anke le uova e l impasto una volta fritto risulta piu friabile…provale…e poi io le faccio spesso con la ricotta….sono super..

    1. Franca mi daresti la tua ricetta con il procedimento??? vorrei provarle e pubblicarle nel blog. Ti aspetto!!!! mi attira tantissimo questa variante 🙂

      1. io abolisco lo strutto ma,la il procedimento principale perchè siano ottime è non tagliuzzare il formaggio bensì scioglierlo sul fuoco, è un pò faticoso ma il risultato è ottimo..una volta sciolto si formano dei dischi da posare sulla pasta..logicamente il formaggio va un pò aromatizzato con limone o arancia grattuggiati..ah sono sarda! 🙂

        1. si Maria Pia hai ragione, non le ho mai fatte facendo sciogliere il formaggio, ho sempre preparato le seadas in questo modo e son sempre venute ottime, però ora che mi hai dato un’idea.. proverò col tuo consiglio. Quindi tu utilizzi il burro??? Sono sarda anche io ..sardissima yeahhhhhh

        1. Sinceramente non le ho mai fatte da sola, ho aiutato mia madre,specie per il procedimento con il formaggio che,ripeto,è faticoso perchè bisogna girare con un mattarello fino a farlo sciogliere…è pronto quando si forma uno strato sottile che si attacca alla pentola…per la ricetta me la faccio dare…so che ci vanno le uova comunque..

    1. ciao Valentina, il formaggio deve essere fresco, va bene sia di pecora che di vacca, chiedi al banco dei formaggi ti sapranno consigliare ^_^

  2. Il formaggio va bene anche quello da “tavola”, l’importanteèche sia fresco e non staggionato, tagliare delle fettine spesse mezzo cm circa e procedere allo stesso modo . Così le faceva mia madre. (Il formaggio di rigore…….SARDOOOO ! ) Un saluto da Sassari!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.