Pasta Madre O Lievito Naturale

Buongiorno,da un pò di tempo volevo provare a fare la Pasta Madre o Lievito Naturale ma pensando che ci volesse almeno un mese o per lo meno tanto tempo per farla diventare attiva e poter creare un perfetto pane,grissini,piadine,focacce ecc.ecc. non mi sono documentata. Un giorno però sbirciando su Facebook ho trovato un gruppo dedicato La Pasta Madre e mi sono iscritta. Esplorando il sito ho trovato tanti file che spiegano come produrla da se e quali ricette poter fare con essa. Dopo avermi documentata su quale fare cioè solida o liquida chiamata li.co.li anche se in realtà non è liquida ma cremosa,ho cercato qualcuno che mi aiutasse ad iniziare e magari farla in poco tempo. Mi sono imbattuta nel file di Vita Da Muffin e devo dire che la ricetta è perfetta e la consiglio a tutti anche perchè già dopo il primo rinfresco ho avuto le mie soddisfazioni……Cmq andiamo a noi,io ho scelto di fare la Pasta Madre Solida e l’ho fatta in 10 giorni.

Ingredienti ed occorrente come iniziare:

200 g di farina 00

100 g di acqua tiepida

1 cucchiaio d’olio d’oliva

1 cucchiaio di miele

un barattolo di vetro da 2 litri

un panno di lino

un elastico pennarello

Inizio: 12 Maggio ore 13:40

Procedimento:

Impastate tutti gli ingredienti e formate un panetto liscio ed omogeneo,mettete nel barattolo di vetro,fate un segnetto con un pennarello per sapere quanto poi aumenta di volume e coprite con un panno di lino bagnato e mettete a riposare per 48 ore nella dispensa in cucina che non viene aperta spesso o in un posto cmq riparato. Inizio 12 maggio Passate le 48 ore passate le 48 ore  14 maggio ore 13:40- 1° rinfresco

Prendete il barattolo di vetro e come potete vedere la vostra Pasta Madre è raddoppiata,togliete la crosta sopra che si è formata e togliete anche 100 g di Pasta Madre e buttate. L’altra restante Pasta Madre mettetela in una ciotola e sciogliete con 100 g di acqua tiepida,aggiungete 200 g di farina,impastate il tutto e mettete di nuovo nel barattolo di vetro che avete lavato e asciugato precedentemente,fate il solito segnetto per vedere poi il raddoppio,coprite con il panno bagnato e mettete a riposare per 24 ore. Questa operazione viene chiamata Rinfresco e lo dovete fare per 8 volte e quindi per 8 giorni. 14 maggio 1° rinfresco Passate le 24 ore passate le 48 ore I 100 g di Pasta Madre che togliete ogni volta che fate il rinfresco si chiama Esubero. Per il 1° rinfresco che fate l’Esubero conviene buttarlo perchè ha un gusto acido e non è buono ma dal 2° rinfresco in poi si può usare facendo delle ricette come ho fatto io.

21 Maggio ore 13:40

Pasta Madre pronta In questo tempo che avete fatto rinfreschi alla Pasta Madre avete sicuramente notato che la vostra Pasta Madre è raddoppiata di volume in 4/6 ore e presenta dei piccoli buchi come un alveare e quindi vuol dire che è pronta per essere messa in frigo e chiusa con il coperchio. Da ora in poi la Pasta Madre la rinfrescate ogni volta che la usate o se non la usate almeno una volta a settimana e deve essere rinfrescata così:

Rinfresco per ogni volta che si usa o settimanale: Prendete il contenitore dal frigo,pesate la Pasta Madre in una ciotola e aggiungete lo stesso peso in farina e metà in acqua tiepida per esempio se la Pasta Madre pesa 200 g,aggiungete 200 g di farina e 100 g di acqua tiepida,impastate il tutto e mettete di nuovo nel barattolo di vetro che avete precedentemente lavato ed asciugato. Ci sono ricette che c’è bisogno della Pasta Madre rinfrescata e quindi fate il procedimento che vi ho detto sopra e prima però di metterla nel barattolo prendete la quantità che vi serve,e ricette che vogliono la Pasta Madre non rinfrescata ed in quel caso togliete la quantità di Pasta Madre che vi serve e la restante la rinfrescate come scritto sopra e mettete in frigo col coperchio.

Per sapere le ricette che ho fatto e che faccio con l’Esubero e la Pasta Madre andate qui: Ricette Con La Pasta Madre

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.