Bucatini all’amatriciana e Frascati doc Villa Simone

L’Amatriciana è un fior di poesia lo cito, senza dire un’eresia, scritta col Guanciale, Pecorino e peperoncino un goccio di buon Olio e teneri Pelati poi gli Spaghetti, ben bene amalgamati, l’Origine il nome ve lo dice è quella di “Città dell’Amatrice” ( cit)…Un grande classico della tradizione culinaria laziale al quale ho abbinato questo eccezionale Frascati doc omaggio dell’azienda Villa Simone con la quale collaboro, un vino giallo paglierino con riflessi verdognoli. I profumi sono intensi, fini e ricordano agrumi, mela gialla e fiori di acacia. Al palato è intenso, fine ed equilibrato.

  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

750 ml Frascati doc (Ho abbinato questo dell’azienda Villa Simone )
400 g spaghetti
250 g guanciale
150 g pecorino romano
600 g pomodori

Strumenti

1 Coltello
1 Cucchiaio di legno
1 Mestolo
1 Padella
1 Pentola
1 Pinza
1 Grattugia
1 Tagliere

Passaggi

Per prima cosa mettere l’acqua a bollire in una pentola con una presa di sale grosso.  Tagliare il guanciale a listarelle e non a cubetti, non è una carbonara, metterlo in una padella antiaderente e lasciatelo soffriggere nel suo stesso grasso, a fuoco basso, assolutamente non aggiungere olio o peggio burro, fino a che come dicono a Roma inizia a “SFRIGOLA’”. Il guanciale deve diventare trasparente nella parte grassa, iniziando poi a dorare, e quando sarà ben croccante e abbrustolito – attenzione a non bruciarlo – raccoglietelo con una schiumarola e mettetelo da parte su un piattino, il suo grasso deve restare all’interno della padella. Versare i pomodori, prima li avremo lavorati e schiacciati per bene con le mani, se volete potete usare anche la passata di pomodori, nella padella e aggiungere qualche listarella di guanciale, lasciate cuocere per 10 /15 minuti riducendo il sugo, scolate gli spaghetti 2 minuti prima del termine di cottura, e continuare in padella, saltando a fuoco vivo per 2 minuti amalgamando bene, unire una buona parte di pecorino, mescolare velocemente. Come avrete notato non ho aggiunto sale in quanto tra guanciale e pecorino la sapidità è notevole, al limite se proprio lo desiderate aggiungete un paio di cucchiaini di sale fino. Per mpiattate servendosi di una pinza da cucina ed un mestolo formare una spirale, completare con un pò di sugo ed il guanciale, infine un’abbondante manciata di pecorino ovviamente grattuggiato fresco e grossolanamente..

/ 5
Grazie per aver votato!