Crea sito

SUGHETTI dolce tipico della vendemmia

Sughetti dolce tipico della vendemmia …. I sciugheti…La miseria e la fame  guzane l’ingegno.  ‘Na volta le vergare in campagna nun pudevane spregà, sopratuto la roba da magnà. Alora cul mosto de la vendemia se inventane i sciucheti  ‘na spece de “pulenta” dolce. Se prepara cul mosto, se fa bulì e se schiuma  ‘gni tanto, po se buta giù a piova la farina giala de granturco e ‘na cuchiarata de zuchero. El  fai bulì pianì pianì  pe na mezoreta, ma devi muginà sempre, poi ce meti un pugneto de noci strigolate . finito de coce, trabalti i scigheti ‘nte ‘na fiaminga de cocio, e quando enne giaci, poi magnà e liccate i bafi!!

Questa introduzione la devo alla mia amica Orietta che scrive poesie in vernacolo anconitano.

 

sughetti dolce tipico della vendemmia


sughetti  dolce tipico della vendemmia

 

Ingredienti:

  • 1 litro di mosto (già fatto bollire)
  • 200 g di farina di granturco ( si può anche fare metà di granturco e metà di farina 0 )
  • 10 noci
  • zucchero q b

Procedimento:

Il mosto prima che inizi la fermentazione , viene preso dalla botte, versato in una pentola e fatto bollire per una decina di minuti., e aiutandovi con una schiumarola togliete la schiuma che si fornma in superfice.

Una volta il mosto veniva fatto bollire fino a farlo ridurre della metà, questo si faceva per far diventare dolce il mosto, ma oggi si può aggiungere dello zucchero, che una volta era molto caro, e ottenere più sughetti, questa operazione, un tempo, veniva fatta sul focolare nel paiolo.

Toglietelo dal fuoco e passatelo con un colino, in un’altra pentola, assaggiate il mosto e se vi sembra agro aggiungete ancora zucchero, non so dirvi la quantità esatta perche’ cambia da mosto a mosto, quindi regolatevi secondo il vostro gusto.

Tenendo la fiamma bassa versate a pioggia la farina di granturco e continuamente a rimestare con un cucchiaio di legno o una frusta in modo da evitare che, come si dice ancora in campagna, si creino dei “zallocchi” o “pallocchi”, cioè dei grumi.

Dopo 30 minuti, di cottura, versate le noci tritate grossolanamente, potete anche aggiungere per rendere questo piatto più gustoso delle mandorle , delle nocciole, ed anche semi di zucca, cucocete ancora qualche minuto dopo di che potete scodellare i sughetti nelle fiamminghe.

Questo antico dolce una volta impiattato si deve far raffreddare prima di essere mangiato, col cucchiaio o con la forchetta, il piatto alla fine rimarrà bello che pulito.

I sughetti , si mantengono per diversi giorni, ricordo che venivano tenuto coperti con una carta sopra la credenza della cucina, e se sulla superficie affiorava una leggera patina, non era muffa, ma zucchero cristallizzato, la credenza era piena di piatti che dovevano durare per settimane, oggi questo non accade più anche perché è molto difficile procurarsi il mosto e ancor più difficile lasciarli lì.

Io mi ritengo fortunata, dato che vivo in campagna e sono circondata da vigne, posso ancora gustare questi ” sughetti dolce tipico della vendemmia ” che mi riporta indietro all’infanzia.

sughetti

Se  desiderate seguire tutte le mie ricette e tenervi aggiornati basta che cliccate su  Il ricettario delle vergare e diventate fan della mia pagina, vi aspetto……Ivana

 

Molte mie Ricette sono state pubblicate nel Sito→ #RicetteBloggerRiunite Grazie al Gruppo  @RBR♥

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.