Tarallo dell’Immacolata

Il tarallo dell’Immacolata (U taradde della Maculete), è un pane a forma di tarallo aromatizzato con i semi di finocchio. Nella nostra tradizione gravinese viene consumato la vigilia dell’Immacolata e dà inizio alle festività natalizie.

Tarallo dell'Immacolata

Tarallo dell’Immacolata

Ingredienti

400 grammi di semola rimacinata di grano duro

130 grammi di farina 00

1/4 di panetto di lievito di birra

20 grammi di olio d’oliva

30 grammi di liquore all’anice

un cucchiaio di semi di finocchio

mezzo cucchiaio di semi d’anice

due cucchiaini di sale fino

acqua per l’impasto (circa 300 ml)

un cucchiaino di zucchero

Scaldate l’acqua a temperatura tiepida (circa 37°). In una tazza capiente versate 200 ml di acqua, il lievito di birra e il cucchiaino di zucchero. Mescolate fino al completo scioglimento del lievito.

In una ciotola capiente setacciate le due farine, praticate un buco al centro e versate l’acqua dove avete sciolto il lievito. Aggiungete l’olio, il sale sui bordi interni della ciotola (in modo da non far venire a contatto il lievito con il sale) e cominciate ad amalgamare con le dita. Introducete i semi di finocchio, i semi di anice, il liquore all’anice. Aggiungete man mano la restante acqua fino a raccogliere tutta la farina. A questo punto trasferite l’impasto sulla spianatoia in modo da poterlo lavorare più agevolmente.

Quando avrete ottenuto un impasto liscio e omogeneo, riponetelo nella ciotola coperta in luogo privo di correnti d’aria fino al raddoppio del volume.

Infarinate il piano di lavoro e stendete l’impasto in una sfoglia abbastanza sottile (non sottilissima).

tarallo sfoglia

Arrotolate la sfoglia fino ad ottenere un cilindro e lasciate il lato aperto sotto.

tarallo rotolino

Spennellate con un po’ d’acqua le estremità e chiudete a cerchio, dandogli la forma di un tarallo.

tarallo crudo

Riponete il tarallo in una teglia e mettetelo a lievitare nuovamente nel forno spento. Praticate dei taglietti sulla superficie del tarallo, con una lametta.

Preriscaldate il forno a 200° e mettete sul fondo un pentolino con dell’acqua per creare vapore. Infornate il tarallo e dopo 15 minuti togliete il pentolino. Proseguite la cottura per altri 25 minuti (regolatevi in base al vostro forno). L’aspetto deve essere dorato. Eccovi un particolare dell’interno:

Tarallo fette

Vieni a trovarmi su facebook e diventa mio fan!

Precedente Brownies Successivo Panettone classico con lievito naturale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.