Tagliatelle in camicia

Le tagliatelle in camicia sono uno dei primi piatti, se non proprio il primo piatto più gettonato a casa mia, nei giorni di festa. Con questa ricetta faccio la felicità di tutti! Provatele!

Tagliatelle in camicia

Tagliatelle in camicia

Per realizzare questa ricetta, le tagliatelle le ho fatte in casa, utilizzando la semola di grano duro perché le tagliatelle passeranno in forno per alcuni minuti e la semola terrà meglio la cottura.

Se non avete molto tempo, potete usare 500 grammi di tagliatelle all’uovo confezionate. Vi darò comunque gli ingredienti per realizzare le tagliatelle in casa.

Ingredienti per le tagliatelle:

400 grammi di semola di grano duro non rimacinata

2 uova

acqua tiepida q.b.

Per condire le tagliatelle in camicia:

10 fette di prosciutto cotto affumicato non troppo sottili

300 grammi di carne tritata

una carota

un gambo di sedano

mezza cipolla

750 grammi di passata di pomodoro

acqua q.b.

250 grammi di ricotta

latte q.b

mozzarella tritata

formaggio grattugiato (pecorino o parmigiano)

olio d’oliva

sale

Per realizzare le tagliatelle in camicia io utilizzo delle pirofile in ceramica monoporzione. Dopo diverse prove sono giunta alla conclusione che sia questa la soluzione migliore per mantenere la temperatura della pasta, in modo che non si raffreddi troppo in fretta.

Setacciate in una ciotola la semola di grano duro, praticate un buco al centro dove romperete le due uova. Con una forchetta cominciate ad amalgamare e poi continuate con le mani, aggiungendo dell’acqua tiepida all’occorrenza. Trasferite l’impasto sulla spianatoia e lavoratelo energicamente fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.

Stendete in una sfoglia sottile la pasta (se avete una sfogliatrice a manovella, vi aiuterà moltissimo) e ricavate le tagliatelle, infarinando bene la sfoglia.

Preparate un trito con il sedano, la carota e la cipolla. In una casseruola versate un filo d’olio e fate soffriggere dolcemente il trito di verdure. Aggiungete la carne trita e lasciatela soffriggere insieme alle verdure, mescolando spesso. Salate e aggiungete la passata di pomodoro. Coprite con un coperchio e lasciate cuocere il ragù dolcemente per almeno un’ora, aggiungendo acqua qualora si restringesse troppo.

Con un frullatore ad immersione preparate una crema con la ricotta ed un po’ di latte. La ricotta da me utilizzata era di due giorni, per cui era un po’ asciutta e ho utilizzato il latte. Se la vostra ricotta è più fresca, potrebbe non essere necessario aggiungere latte.

In alternativa al frullatore potete setacciare la ricotta con un passino.

Tritate la mozzarella (possibilmente non troppo fresca), oppure potete usare un altro formaggio, sempre a pasta filata come una scamorza o una treccia. Se la vostra mozzarella fosse troppo fresca, mettetela a sgocciolare in un passino.

Foderate le pirofile, ognuna con una fetta di prosciutto, lasciando fuori da entrambe i lati parte della fetta.

Lessate al dente le tagliatelle in abbondante acqua salata. Se le avete preparate in casa, lessatele giusto il tempo della ripresa del bollore e poi spegnete immediatamente e scolatele. Condite le tagliatelle (anche nella pentola stessa)  con qualche mestolo di ragù, il formaggio grattugiato, la crema di ricotta e la mozzarella tritata. Riempite le pirofile con le tagliatelle condite, e richiudete la fetta di prosciutto, in modo da coprirle. Mettete sopra ogni pirofila un mestolino di ragù (in modo che non vi si secchi in forno). Infornate tutte le pirofile a 200° per circa 6-7 minuti, il tempo necessario che la mozzarella si sciolga.

Impiattate, sformando le tagliatelle in camicia direttamente nel piatto e completando con un altro po’ di ragù e il formaggio grattugiato. Servitele caldissime.

Con queste dosi, ho ottenuto 9 porzioni. Ovviamente dipende da quanto sono grandi le vostre mini-pirofile e da quante tagliatelle mettete in ognuna.

Tagliatelle in camicia 2

Vieni a trovarmi su facebook e diventa mio fan.

 

 

 

 

 

Precedente Focaccia al rosmarino con esubero di PM Successivo Pane casereccio con lievito madre

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.