Panettone classico con lievito naturale

Continuano i preparativi per il Natale e quest’anno ho deciso di provare a fare il panettone classico con lievito naturale. Praticamente è il mio primo panettone (degno di questo nome). 😀 Ho preso la ricetta da questo video, dove troverete anche tutta la spiegazione per impastare a mano. Si, perchè io ho impastato nella planetaria, lo confesso! 😀

Panettone classico con lievito naturale

Panettone classico con lievito naturale

Ingredienti

Primo impasto:

120 grammi di lievito naturale

150 grammi di manitoba

1 uovo (50 grammi)

50 grammi di tuorli (io ne ho usati 3)

20 grammi di burro morbido

50 grammi di zucchero

acqua in caso di necessità

Secondo impasto

Il primo impasto

200 grammi di manitoba

60 grammi di burro morbido

1 uovo (50 grammi)

50 grammi di tuorli (ne ho usati 3)

50 grammi di zucchero

80 grammi di uvetta

70 grammi di frutta candita

5 grammi di sale

3 grammi di rum

la scorza grattugiata di un’arancia biologica

Primo impasto

Rinfrescate il lievito naturale e dopo il suo raddoppio, pesatene 120 grammi. Nella ciotola della planetaria mettete la farina, lo zucchero, il burro morbido (tiratelo fuori dal frigo con largo anticipo). Azionate la macchina, che  comincerà a mescolare. Senza fermare il motore, aggiungete uno alla volta le uova, prima l’uovo intero e poi i tuorli. Unite il lievito madre a piccoli pezzi e lasciate lavorare la macchina per il tempo necessario. Se l’impasto risultasse un po’ duro aggiungete dell’acqua (io non l’ho messa). Riponete l’impasto in una ciotola leggermente imburrata, copritela con una pellicola e riponetela nel forno spento, che potete riscaldare precedentemente a bassa temperatura (50°) per qualche minuto. Lasciatelo lievitare per tutta la notte.

Il giorno dopo, mettete l’uvetta a rinvenire in un po’ d’acqua, per circa mezz’ora, poi scolatela.

Secondo impasto

Nella ciotola della planetaria mettete la  farina manitoba, lo zucchero, il sale. Azionate e aggiungete le uova sempre una alla volta, e il burro morbido. Aggiungete il primo impasto a pezzetti. Unite l’uvetta e la frutta candita, il rum e la scorza d’arancia grattugiata. Mettete l’impasto a riposare per una buona mezz’ora.

Imburrate il piano di lavoro e anche le vostre mani, prendete l’impasto e procedete alla pirlatura (niente paura, era una parola nuova anche per me). Eccovi il video con le istruzioni per la pirlatura. Dopo avergli dato la forma riponete l’impasto nel pirottino di carta. Copritelo con un po’ di pellicola per non fargli fare la crosta e lasciatelo lievitare fino a che non arrivi quasi all’orlo del pirottino. Nel mio caso ci sono volute 20 ore, perché in questi giorni fa freddo. Poi dipende anche dalla temperatura ambiente che avete nella vostra casa. Quando la lievitazione sarà arrivata a termine, incidete il panettone in superficie con una lametta e mettete un  pezzettino di burro sulle incisioni, come si vede sul video.

Infornate in forno preriscaldato a 180° per circa un’ora, io ho fatto la prova stecchino. Sfornate il vostro panettone, infilzatelo con due ferri da maglia o due spiedini, come nella foto e capovolgetelo su di una pentola alta.

panettone infilzato

Quando si raffredda, conservate il panettone in una busta di plastica per alimenti.

Vieni a trovarmi su facebook e diventa mio fan!

 

 

 

 

 

 

Precedente Tarallo dell'Immacolata Successivo Panzerotti pugliesi con lievito madre

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.