Tiramisù ai Fichi

Il Tiramisù ai Fichi è una variante estiva del classico dessert al caffè. Questo ottimo dolce al cucchiaio che vi propongo è semplice da preparare e sorprende per il gustoso abbinamento dei Fichi alla crema di Mascarpone, aromatizzata con del profumatissimo Vino cotto e decorata con granella di Mandorle tostate…Tiramisù ai Fichi

Tiramisù ai Fichi

Ingredienti (per 4 persone)

  • 8 Fichi biologici
  • 4 Savoiardi
  • 250 gr di Mascarpone a temperatura ambiente
  • 2 Albumi a temperatura ambiente
  • 1 pizzico di Sale
  • una manciata di Mandorle spellate
  • 1 cucchiaio di Vino cotto (o Miele)
  • 2 cucchiai di Vino passito
  • 2 cucchiai di Acqua
  • 1 cucchiaio di Grappa (o altro Liquore secco)

Procedimento: Lavare i Fichi, tagliarli in 4 spicchi e sistemarli in una pentola antiaderente e dai bordi bassi. In un pentolino riscaldare un cucchiaio di Vino cotto con il Vino passito e l’Acqua, versare il composto sui Fichi e cucinare per circa 3 minuti. Spostare i Fichi in un piatto a raffreddare e mettere lo Sciroppo cotto in un contenitore basso. In un padellino, tostare le Mandorle, farle raffreddare un po’ quindi tagliuzzarle grossolanamente e poi metterle da parte. In una ciotola capiente lavorare il Mascarpone con un cucchiaio di Vino cotto, aromatizzando poi con la Grappa. Montare gli Albumi con un pizzico di Sale e unirli delicatamente al Mascarpone con una spatola flessibile per non smontarli. Bagnare i Savoiardi nello Sciroppo di cottura dei Fichi e sistemarne uno sul fondo di ogni coppa. Aggiungere un cucchiaio della Crema preparata su ogni Savoiardo, poi 5-6 spicchietti di Fichi (tenendo da parte 4 spicchi per il Top della coppa) e coprire con la crema rimasta. Decorare ogni coppa con uno spicchio di Fico, poi le Mandorle tostate e un filo di Vino cotto. Conservare il Tiramisù ai Fichi in frigo per qualche ora, fino al momento di servire.

Un po’ di storia e curiosità: Non c’è traccia della Ricetta del Tiramisù negli anni antecedenti al 1960 e nelle Enciclopedie e Dizionari degli anni 1970-’80. Questo fa presumere che questo dolce, come lo si conosce adesso, sia un’invenzione degli ultimi decenni del XX secolo. Solo nel 1980 il dizionario della lingua italiana Sabatini Coletti lo menziona. Anche la paternità e territorialità è di difficile collocazione, ma quasi con certezza si può affermare che sia nato nelle zone tra il Veneto e il Friuli Venezia Giulia. La forma originale del Tiramisù è rotonda, anche se i Savoiardi favoriscono l’uso di una pirofila rettangolare o quadrata, e conseguente forma finale del dolce “a mattonella”. Spesso si usa preparare il Tiramisù all’interno di coppe o bicchieri di vetro, che fanno vedere i vari strati, oppure a forma di piramide. Nel corso degli anni, sostituendo parzialmente alcuni ingredienti, principalmente il Caffè, sono state sperimentate molte varianti, come il Tiramisù al Cioccolato, Amaretti, Fragole, Frutti di bosco, Lampone, Limone, Ananas, Banana, Yogurt, Cocco, Birra o come questa mia squisita e personale variante di Tiramisù ai Fichi. Se volete consultare la mia ricetta tradizionale del Tiramisù cliccare qui. Il 21 Marzo 2017 è stato istituito il “Tiramisù Day”, giornata dedicata a questo dolce molto amato in Italia e in tutto il mondo, per festeggiarlo attraverso la degustazione della sua ricetta classica e delle tante possibili varianti.

Se ti piacciono le mie ricette… le hai provate… vuoi chiedermi o dare consigli… ti aspetto sulla mia Pagina Facebook Il mondo di Rosalba”… a presto!

2 Risposte a “Tiramisù ai Fichi”

    1. Ciao, al posto del Vino cotto o del Vino passito puoi usare un Liquore a tuo gusto, tipo Amaretto… 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.