Cestino di Trofie con crema di Pecorino al Pesto (Ricetta tradizionale e Bimby)

CESTINO DI TROFIE CON CREMA DI PECORINO AL PESTO… primo piatto sfizioso con cialdine di Pecorino toscano e pasta fresca insaporita da una crema di Pecorino aromatizzato al Pesto genovese. Ricetta semplice ma dal gusto corposo, da preparare per le occasioni speciali, la domenica e le feste in famiglia…

Cestino di Trofie con crema di Pecorino al Pesto
  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 10 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

Per 4 Cialde di Pecorino

  • 100 g Pecorino toscano (io ho usato Pecorino Toscano DOP stagionato e Bartarello stagionato, del “Caseificio Il Fiorino”)

Per la pasta

  • 250 g Pecorino toscano (io ho usato Fior di Pesto del “Caseificio Il Fiorino”)
  • 4-5 pizzichi Pepe nero
  • g Sale
  • g Olio extravergine d'oliva
  • 500 g Trofie fresche
  • 2-3 foglie Basilico fresco

Preparazione

Contest Il Fiorino

  1. Contest Il Fiorino 2019

    Lo scorso febbraio 2019 il Caseificio Il Fiorino, azienda storica e di prestigio nata nel 1957 a Roccalbegna (Grosseto), lancia un contest di cucina in collaborazione con AIFB – Associazione Italiana Food Blogger. AIFB entusiasta di questo evento sceglie 15 Food Blogger per creare e promuovere ricette inedite con questi meravigliosi prodotti caseari della maremma toscana.

    Uno dei Blog scelti è il mio, Il mondo di Rosalba, e onoratissima dell’incarico assegnato ho accettato immediatamente, pronta a mettermi alla prova.

    L’Azienda Il Fiorino ha fatto recapitare a casa mia, in una meravigliosa scatola in legno incisa, 8 formaggi unici, profumati, pregiatitutti italiani e tutti provenienti dalle terre maremmane della Toscana.

    Investita da tanta fiducia, mi sono presa qualche giorno tra fine febbraio e gli inizi di marzo, prima di cominciare a cucinare. In questo tempo, per me necessario, ho assaggiato i formaggi, preso appunti e solo dopo ho iniziato a pensare che ricette preparare per valorizzare ed esaltare, facendo del mio meglio, questi prodotti.

    Chi mi conosce sa che la mia cucina è semplice, sono cresciuta in campagna, figlia di contadini e figlia di Calabria, a Reggio Calabria, proprio sulla punta dello stivale, in un lembo di terra e mare condiviso con la vicina Sicilia, territorio con un magnifico equilibrio gastronomico fra le due regioni, dove si vive e si racconta tanto delle tradizioni in cucina. I miei studi e il mio lavoro di Architetto storico e conservatore mi hanno permesso in questi anni di approcciarmi al mio Blog e alla cucina attraverso gli occhi della storia, della ricerca e delle tradizioni antropologiche. E allora conoscere i prodotti caseari de Il Fiorino è stato oltre che un piacere del palato, anche un percorso  semplice e naturale di scoperta e conoscenza di valori intrinsechi, come la consapevolezza di avere tra le mani prodotti artigianali, lavorati attraverso una scelta accurata di materie prime selezionate e uno studio e rispetto delle tradizioni casearie antiche delle terre maremmane della Toscana.

    Le ricette con cui mi candido a questo Contest sono tre:

    – Finger food (con Marzolino d’Etruria): Bignè salati al Formaggio con Mortadella e Pistacchi.

    – Primo piatto (con Pecorino Toscano DOP stagionato, Bartarello stagionato, Fior di Pesto): Cestino di Trofie con crema di Pecorino al Pesto.

    – Rustico (con Riserva del Fondatore, Cacio Marzolino, Cacio di Caterina, Fior di Natura): Focaccia ai quattro Formaggi con Pomodorini e ‘Nduja.

    Qui vi presento la ricetta CESTINO DI TROFIE CON CREMA DI PECORINO AL PESTO, primo piatto sfizioso con cialdine di Pecorino toscano e pasta fresca insaporita da una crema di Pecorino aromatizzato al Pesto genovese. Ricetta semplice ma dal gusto corposo, da preparare per le occasioni speciali, la domenica e le feste in famiglia.

    L’idea di questa mia ricetta è arrivata perchè da un po’ di tempo mi balenava in testa di provare a fare le cialde di formaggio, da utilizzare come contenitore edibile, per un primo piatto diverso dal solito, ovviamente buono ma anche bello e particolare alla presentazione. E allora il Contest de Il Fiorino è arrivato proprio al momento giusto. La ricetta è composta due preparazioni distinte, prima il “cestino” di Pecorino, saporito e “scrocchiarello”. Poi la scelta di una pasta fresca, da cuocere in pochi minuti come le Trofie, che andavano a sposarsi bene con la crema delicata di Pecorino aromatizzato al Pesto genovese.

    Per la ricetta quindi ho scelto di utilizzare:

    Pecorino Toscano DOP stagionato. È uno dei formaggi più ricercati e premiati dell’Azienda, infatti in un articolo del Gambero Rosso, Ottobre 1989, viene definito “splendido ed elegante” e Duilio Fiorini come “il mago del pecorino toscano”.

    Bartarello stagionato. Questo Pecorino è la versione stagionata del Bartarello crudo, così da poter gustare un formaggio dai sapori e profumi esaltati dal tempo di maturazione.

    Fior di Pesto. È un Pecorino aromatizzato con Pesto genovese e fa parte di una ricca categoria voluta dall’Azienda Il Fiorno, “gli Aromatizzati”, insieme ad altri 4 formaggi insaporiti con Tartufo, Peperoncino, Pistacchio e Zafferano.

    Nell’ideare la ricetta immaginavo il gusto, ma all’assaggio il piatto è stata proprio una vera sorpresa! Ho trovato perfetta armonia tra il sapore sfizioso e deciso della cialda croccante di Pecorino, con la delicatezza e cremosità del condimento delle Trofie, mantecate con il Pecorino aromatizzato al Pesto genovese. Un piatto decisamente da rifare e perfetto da servire durante pranzi o cene anche importanti, vista l’estrema semplicità di preparazione, la praticità della monoporzione e la bella e scenografica presentazione!

    Adesso è arrivato il momento di presentarvi la ricetta, che come mia abitudine scrivo con il doppio procedimento, tradizionale e Bimby.

    A presto e alla prossima ricetta per il contest de Il FiorinoAIFB – Associazione Italiana Food Blogger.

Procedimento tradizionale

  1. – Per realizzare la ricetta cominciamo a preparare i cestini o cialdine di formaggio. Grattugiare 50 grammi di Pecorino Toscano DOP stagionato e 50 grammi di Bartarello stagionato. Mescolare bene i due formaggi e mettere da parte.

    – Predisporre 4 fogli quadrati di carta forno, con misura di circa 20×20 cm. Su ognuno dei fogli spargere 25 grammi dei due Pecorini precedente grattugiati. Con un cucchiaino formare un cerchio del diametro di circa 18 cm.

    – Inserire nel forno microonde un foglio alla volta con il formaggio e cuocere per circa 25-30 secondi alla potenza di 800W, fino a quando comincerà a sciogliersi.

    – Prendere la cialda mentre è ancora calda e sistemarla all’interno di una ciotolina tonda o quadrata. Modellare velocemente la forma, perchè si indurisce subito, spingendo delicatamente con un cucchiaino verso il fondo (io ho usato una ciotolina in vetro dal diametro di circa 12 cm e profonda 5,5 cm). Lasciare raffreddare bene, sformate delicatamente e mettere da parte.

    – Adesso passiamo a preparare la crema per il condimento della pasta. Grattugiare il Pecorino Fior di Pesto all’interno di una ciotola capiente che successivamente possa contenere bene tutta la pasta. Aggiungere qualche pizzico di pepe nero e mettere da parte.

    – In una pentola capiente portare ad ebollizione abbondante acqua salata e un filo di olio d’oliva. Cuocere le Trofie seguendo i tempi di cottura indicati nella confezione, circa 5-6 minuti. Nel frattempo prendere qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta e aggiungere al Pecorino nella ciotola. Mescolare energicamente, aggiungendo se necessario altra acqua di cottura, cercando di dosare bene per ottenere una crema della giusta consistenza e senza grumi.

    – A cottura completata scolare la pasta senza sgocciolarla troppo in modo che rimanga umida e tenere da parte un po’ di acqua di cottura. Spostare le Trofie subito nella ciotola con la crema di Pecorino, mantecando bene. Se necessario aggiungere poca acqua di cottura, regolare di sale e insaporire con qualche altro pizzico di pepe nero. Distribuire la pasta dentro le cialdine di Pecorino e gustare il Cestino di Trofie con crema di Pecorino al Pesto insaporendo a piacere con altro Pecorino Fior di Pesto grattugiato e qualche fogliolina di basilico fresco.

     

     

     

  2. Cestino di Trofie con crema di Pecorino al Pesto

Procedimento Bimby

  1. – Per realizzare la ricetta cominciamo a preparare i cestini o cialdine di formaggio. Inserire nel boccale del Bimby 50 grammi di Pecorino Toscano DOP stagionato e 50 grammi di Bartarello stagionato, entrambi tagliati a pezzi. Grattugiare per 10 Sec. a vel. Turbo e mettere da parte.

    – Predisporre 4 fogli quadrati di carta forno, con misura di circa 20×20 cm. Su ognuno dei fogli spargere 25 grammi dei due Pecorini precedente grattugiati. Con un cucchiaino formare un cerchio del diametro di circa 18 cm.

    – Inserire nel forno microonde un foglio alla volta con il formaggio e cuocere per circa 25-30 secondi alla potenza di 800W, fino a quando comincerà a sciogliersi.

    – Prendere la cialda mentre è ancora calda e sistemarla all’interno di una ciotolina tonda o quadrata. Modellare velocemente la forma, perchè si indurisce subito, spingendo delicatamente con un cucchiaino verso il fondo (io ho usato una ciotolina in vetro dal diametro di circa 12 cm e profonda 5,5 cm). Lasciare raffreddare bene, sformate delicatamente e mettere da parte.

    – Adesso passiamo a preparare la crema per il condimento della pasta. Inserire nel boccale del Bimby il Pecorino Fior di Pesto tagliato a pezzi e grattugiare per 15 Sec. a vel. Turbo e spostare all’interno di una ciotola capiente che successivamente possa contenere bene tutta la pasta. Aggiungere qualche pizzico di pepe nero e mettere da parte.

    – Inserire la farfalla nel boccale del Bimby e aggiungere 1 litro e ½ di acqua, un filo di olio d’oliva, salare leggermente e portare a bollore in 10 Min. a 100° Vel. 1. Dal foro del Boccale aggiungere le Trofie e cuocere seguendo i tempi di cottura indicati nella confezione, circa 5-6 minuti, a modalità Antiorario, a 100° Vel. Soft (per chi ha il TM21 a 100° Vel. 1).

    – Nel frattempo prendere qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta e aggiungere al Pecorino nella ciotola. Mescolare energicamente, aggiungendo se necessario altra acqua di cottura, cercando di dosare bene per ottenere una crema della giusta consistenza e senza grumi.

    – A cottura completata scolare la pasta senza sgocciolarla troppo in modo che rimanga umida e tenere da parte un po’ di acqua di cottura. Spostare le Trofie subito nella ciotola con la crema di Pecorino, mantecando bene. Se necessario aggiungere poca acqua di cottura, regolare di sale e insaporire con qualche altro pizzico di pepe nero. Distribuire la pasta dentro le cialdine di Pecorino e gustare il Cestino di Trofie con crema di Pecorino al Pesto insaporendo a piacere con altro Pecorino Fior di Pesto grattugiato e qualche fogliolina di basilico fresco.

  2. Cestino di Trofie con crema di Pecorino al Pesto

Note

Se non si dovesse avere a disposizione il formaggio Fior di Pesto (ma poco più sotto indico dove si può acquistare), a piacere è possibile sostituirlo con un altro Pecorino preferibilmente sempre toscano, a pasta semimorbida e facilmente solubile, aggiungendo alla crema ottenuta sciogliendo il formaggio, 1-2 cucchiaini di Pesto alla genovese, commerciale o fatto in casa, così da ottenere un risultato simile alla mia preparazione e non snaturare l’identità di questo piatto.

Sitografia utile (clicca sui nomi): Caseificio Il FiorinoIl Fiorino ShopAIFB – Associazione Italiana Food Blogger.

Se vuoi leggere le altre mie Ricette con cui partecipo al Contest dell’Azienda Il Fiorino, clicca sui nomi: Focaccia ai quattro Formaggi con Pomodorini e ‘Nduja, Bignè salati al Formaggio con Mortadella e Pistacchi.

Se ti piacciono le mie ricette… le hai provate… vuoi chiedermi o dare consigli… ti aspetto sulla mia Pagina Facebook “Il mondo di Rosalba”… a presto!

Precedente Torta di Mele in tazza - Apple Mug Cake (Ricetta tradizionale e Bimby) Successivo Torta di Ricotta e Mele (Ricetta tradizionale e Bimby)

Lascia un commento