Crea sito

Risotto con tartare di ombrina al BistrotGin

Mi piace provare prodotti nuovi e da questi partire e creare gustosi piatti in cucina e proprio così è nato questo risotto dal mio incontro con Il tuo gin è un’azienda tutta italiana che ti permette di creare il tuo gin personalizzato.
Non sto scherzando puoi scegliere gli aromi, i profumi, le erbe e la percentuale di presenza nel gin, non solo puoi decidere il suo nome e creare la tua etichetta come più ti piace… è stata una bella esperienza questa per me infatti ho creato il mio BistrotGin con aromi di menta, basilico, cedro e anice a noi è piaciuto molto!


Non è carinissimo il packaging?
Con questo gin dal gusto fresco ho pensato di creare un piatto di mare con il binomio cotto e crudo infatti avrà una base di risotto al BistrotGin e erbe con un tocco di crudo della tartare di ombrina profumata appunto dal BistrotGin, tranquilli non è difficile come sembra!

Ingredienti per due porzioni

Risotto al BistrotGin
140 gr riso Carnaroli
130 ml BistrotGin
qb olio extravergine d’oliva
qb brodo vegetale leggero
4 foglie basilico fresco
qb sale

Tartare di ombrina
1 ombrina media fresca e abbattuta
1 bicchierino di BistrotGin
qb olio extravergine d’oliva
qb sale
qb scorza di limone verde grattugiata grossa

La prima operazione da fare è pulire bene l’ombrina, e ricavarne i due filetti a cui elimineremo la pelle.
A questo punto con un coltello adatto tagliamo la polpa dei filetti di ombrina a tartare con bocconcini piccolissimi e omogenei nella grandezza.
Ora li adagiamo in una ciotola e condiamo la tartare con il BistrotGin, poco olio extravergine d’oliva e poca scorza di limone grattugiata, mescoliamo e lasciamo riposare.
Ora ci dedichiamo al risotto e ricordiamo di tenere a portata di mano il brodo bollente.
Prendiamo una casseruola a fondo spesso e la riscaldiamo per bene, ci buttiamo il riso e lasciamo tostare a fiamma vivace pochi minuti muovendo la casseruola . Non perdetelo d’occhio che potrebbe bruciare e non c’è rimedio per questo.
Quando è ben tostato bagniamo con il BistrotGin e facciamo sfumare, abbassiamo la fiamma e iniziamo a bagnare con il brodo bollente fino a coprire il riso.
Aggiungiamo anche le foglie di basilico e lasciamo cuocere a fiamma bassa, quando il brodo è consumato aggiungetene altro un mestolo alla volta fino alla completa cottura del riso.
A fine cottura togliamo il risotto dal fuoco e per tenerlo delicato bisogna mantecare con l’olio extravergine d’oliva e non con il burro, quindi versiamo un paio di giri di olio extravergine delicato e mescoliamo finché non e tutto amalgamato e a questo punto aggiustiamo il risotto di sale.
Ora versiamo un mestolo abbondante, o due dipende dall’appetito 😋, su un piatto piano creando un fondo piatto battendo il piatto sul fondo con la mano.
Riprendiamo la tartare di ombrina e aggiustiamo di sale, prima assaggiate, e con due cucchiai fate delle quenelle che adagiate sopra il risotto e cercate di essere eleganti e completate con un filo d’olio extravergine d’oliva e una leggera spolverata di limone grattugiato e servite subito… Buon appetito!!!

Continuate a seguirmi sul blog e sui social chissà cosa cucineremo domani!❤️❤️❤️

Pubblicato da ilmiopiccolobistrot

Ciao sono Manuela ho 35 anni,vivo a Tolentino(mc)con un compagno che adoro e 2 figli pestiferi di 9 anni e 21 mesi,vi lascio immaginare gestire i tre maschi di casa...che stress! Allora vado in cucina accendo i fornelli,mescolo,trito e combino sapori e profumi.....e come per magia ritrovo me stessa e il sorriso!

27 Risposte a “Risotto con tartare di ombrina al BistrotGin”

  1. Credo che l’abbinamento sia perfetto e mi piacerebbe molto provare il gusto di questo splendido risotto Devo farti i miei complimenti

  2. Il risotto lo provo, ma senza gin, io sono astemia e sento subito il sapore alcolico anche se viene messo sul fuoco. Accetto il vino bianco nel risotto, all’inizio della cottura, poi son 40 minuti di fuoco e non si sente più.

  3. Non avevo mai pensato a sfumare il risotto con il gin! Uau! Sono un’appassionata di risotti quindi proverò sicuramente 🙂
    Anche l’idea di poter creare la propria combinazione preferita per il gin mi sembra un’idea davvero carina!

  4. Non sono una gran amante del risotto, lo ammetto, ma questo sembra promettere proprio bene. Solo una domanda: la tartare non stona? Insomma cruda sopra un piatto cotto? La mia è solo una domanda curiosa… grazie per la risposta!

  5. Vorrei essere brava come te a cucinare! Purtroppo sono una frana! Questa ricetta però mi sembra buonissima e voglio almeno tentare a cucinarla, sarebbe una vera soddisfazione riuscirci 😊

  6. Quest’azienda ha avuto un’idea davvero geniale!
    Già sò come voglio il mio..grazie per l’informazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.