Crea sito

Pandoro ricetta semplicissima

Pandoro ricetta semplicissima
Vi sembrerà strano che questa sia una ricetta semplice da fare, perché parliamoci chiaro il pandoro è piuttosto impegnativo ma con il giusto aiuto e le giuste dritte si può fare senza sporcarsi troppo le mani…come?
Ma con il giusto aiuto,l’aiuto della macchina del pane!!!
In pratica inserisco tutti gli ingredienti nel cestello e lascio impastare e lievitare lì dentro e poi dopo una lunga lievitazione fuori nello stampo cuociamo il pandoro in forno,che dite ci proviamo?

Ingredienti per un pandoro da 670 gr:
120 gr latte
80 gr burro
1 uovo+1 tuorlo
100 gr zucchero
300 gr Manitoba
15 gr lievito di birra
1 cucchiaio aroma panettone
1 cucchiaio Aroma vaniglia homemade
1 pizzico di sale

Come vi avevo detto prima è semplicissimo prendiamo la nostra macchina del pane e nella sua ciotola versiamo prima tutti gli ingredienti liquidi quindi il latte,le uova sbattute,gli aromi e il lievito di birra poi sopra di seguito quello secchi lo zucchero,la farina e lontano dal lievito il sale.

Chiudiamo lo sportello e impostiamo il programma di impasto+lievitazione e facciamolo partire e ora ce ne dimentichiamo.
L’unica accortezza è di controllare quando impasta per vedere com’è il panetto se liquido aggiungere un po’ di farina e se troppo compatto un poco di latte,a me era perfetto così poi quando si impastano i lievitati ci sono un sacco di variabili.
Terminato il programma compresa la lievitazione lo facciamo ripartire di nuovo e non lo consideriamo fino al termine.
Ora prendiamo il nostro stampo,io non ho quello da pandoro ma ho usato quello da kughellopf mi toccherà comprarlo,e lo imburriamo per bene.
Tiriamo fuori l’impasto dalla macchina del pane e lavoriamolo un po’ in modo da sistemarlo in maniera omogenea nello stampo imburrato,copriamolo e teniamo al calduccio a lievitare fino al bordo dello stampo.
Ci vorrà un po’di tempo,il mio ci ha messo quasi venti ore ma potrebbe volerci meno,basta ogni tanto controllate.
Al momento che vediamo che è cresciuto accendiamo il forno a 170° (il mio forno è ventilato se lo avete statico portatelo a 180°) e sulla superfice del pandoro spargiamo qualche piccolo pezzettino di burro.
Inforniamolo quando il forno è caldo e facciamolo cuocere per una mezz’ora, però controllate potrebbe volerci qualche minuto in più o in meno.
A metà cottura vi consiglio di coprirlo con un foglio di alluminio per non farlo scurire troppo.
Quando è cotto sformatelo e fatelo raffreddare,ora toglietelo dallo stampo e spargetelo abbondantemente di zucchero a velo e servitelo e…Buon appetito!!!

Se invece volete provare a fare il pandoro con la ricetta più impegnativa eccola Qui decidete voi cosa preferite provare!

Continuate a seguirmi sul blog e sui social, chissà cosa cucineremo domani!❤️❤️❤️

Pubblicato da ilmiopiccolobistrot

Ciao sono Manuela ho 35 anni,vivo a Tolentino(mc)con un compagno che adoro e 2 figli pestiferi di 9 anni e 21 mesi,vi lascio immaginare gestire i tre maschi di casa...che stress! Allora vado in cucina accendo i fornelli,mescolo,trito e combino sapori e profumi.....e come per magia ritrovo me stessa e il sorriso!

18 Risposte a “Pandoro ricetta semplicissima”

  1. Sno una vera frana a fare i dolci, ma questa ricetta mi sembra molto semplice da fare, quindi ci proverò anche se non credo che mi varà bello come il tuo

  2. Ma mettendo il foglio di alluminio x non farlo scurire a metà cottura non si corre il rischio che “scenda” come le torte?
    Chiedo perché vorrei farlo x Natale

  3. Non abbiamo mai preso in considerazione di fare il pandoro, abbiamo sempre acquistato quello pronto pensando fosse una cosa super difficile.
    Invece nostra madre che ama fare i dolci, potrebbe invece riuscire.

  4. Con la mia intolleranza al lattosio sarà fantastico provare questa ricetta e poter finalmente tornare a fare colazione con cappuccino e pandoro: la mia colazione preferita in assoluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.